Uno slogan, anzi, un suggerimento: sì perché se diciamo Veneto da scoprire, intendiamo un mondo fatto di storie, leggende e personaggi straordinari, prelibatezze di ogni genere, cultura, innovazione e talento, dalle arti allo sport. Ecco perché!

Veneto da scoprire? Sì, perché se stai pensando cosa fare nei prossimi weekend che profumano già di primavera, il suggerimento da parte della redazione di Sgaialand magazine è solo uno: vieni nella Terra delle Meraviglie!
Un luogo incantato, ricco di storia e proiettato al futuro, dove montagne, laghi, mari, colline e pianure fanno da set ad uno straordinario susseguirsi quotidiano fatto di creatività, persone, storie, tradizioni e innovazioni.

Sono finiti i tempi del detto “Padovani gran dotori, venesiani gran signori, vicentini magnagati, veronesi tuti mati“, perché oggi il nostro Veneto da scoprire è fatto di ironia e tipicità sì, ma anche di nuove storie e passioni.
A partire dallo sport: nel breve ma ridente mese di febbraio, dedicato principalmente ai festeggiamenti del Carnevale (di cui vi abbiamo parlato tra maschere tipiche, feste tradizionali anche per i più piccoli e appuntamenti al Lago), abbiamo festeggiato i 50 anni del mitico Roberto Baggio, e la nostra Giulia Marcigaglia vi ha svelato il progetto Ride Like a Girl Project, ideato da un collettivo di cicliste di Padova e Vicenza, unite dalla passione per la bicicletta e la scoperta del territorio.

Poi c’è stato il Festival di Sanremo, dove alcuni vip e artisti in gara e non hanno sfoggiato la loro abilità sul palco dell’Ariston, ad anticipare il grande ritorno sulle scene dei Radar, storica band veronese formata da Joyello Triolo, Gaetano Lonardi e Nicola Salerno, al grido di “Siamo gli anti-Il Volo contemporanei“!
E ancora la notte degli Oscar, rappresentata dalla storia di Federico Rigoni e di suo fratello, hair stylists ad Hollywood come delineato nell’intervista firmata da Anita Busatto.

E poi la moda, da sempre pilastro nel mondo delle aziende venete, con la storia raccontata nell’editoriale del Direttore Ilaria Rebecchi di Matteo Ward e del suo progetto WRAD nato con l’obiettivo di impegnarsi per fare in modo che questo settore diventi realmente sostenibile, tra dedizione, rete e geniali connessioni tra persone.
Sulla scia di questo impegno nel mondo fashion, anche la storia della designer Fortuna Briguglio, delineata da Angelica Alberti: una creativa che da Messina si è spostata a Treviso per creare il suo brand dopo aver collaborato con grandi nomi come Armani.

Spazio anche al romanticismo, nel mese di San Valentino, con i 5 luoghi più appassionati da visitare in coppia, e alle nuove tendenze predilette dagli sposi veneti quando si parla di torte nuziali e altre golosità per festeggiare il giorno più bello.

Veneto da scoprire anche, e soprattutto, nelle arti, dal Palladio Museum, con la mostra che indaga su quale sia il vero volto del grande Andrea Palladio, alle Gallerie d’Italia sempre a Vicenza, con un’esposizione che collega il Veneto alla Puglia tra tesori e storia, come raccontato da Ambra Rebecchi.
E ancora, con #loscattodellemeraviglie vi abbiamo portati alla scoperta di Padova tra la Basilica del Santo, Prato della Valle e Piazza della Frutta, mentre Nadia Panato ci ha raccontato di due straordinarie realtà nel mondo dell’innovazione: il più grande campus europeo per il digitale, H-Campus a Roncade, e Upcycle Business, che fa della sostenibilità il motore per il futuro.

E il mondo del lavoro? La founder del progetto Sgaialand, Gaia Dall’Oglio, ha incontrato per il magazine Riccardo Salviato, headhunter a caccia di professionisti e talenti nella Terra delle Meraviglie, che ha confermato come il tessuto imprenditoriale veneto, nonostante le difficoltà del momento, rimaga uno straordinario esempio di dedizione al lavoro e di capacità di adattarsi e svilupparsi in contesti economici internazionali che cambiano repentinamente.

E mentre a tavola con Eleonora Garzia i piatti sono stati colmi di frittelle e baccalà, vi raccontavamo della storia dell’architetto veneto all’estero, Francesco Breganze, e di Enrico Antonello con la sua impresa per omaggiare i caduti della Grande Guerra, delle meraviglie del Parco del Delta del Po con Maria Bianco, del Teatro coperto più antico del mondo e con Giulia Disegna persino di come anche un romano doc possa adattarsi alla vita nella nostra regione, tra spritz e nuove scoperte.

Curiosi di avventurarvi in nuove storie e racconti del nostro Veneto da scoprire?
Da marzo abbiamo in serbo tante, tante ma davvero tante novità per voi! Stay tuned!