Mi fermo a 20

Mi sono volontariamente fermata a 20 QuaranTales, un po’ per non caricare troppi file o messaggi che potevano risultare parzialmente molto simili, un po’ perché 20 è un bel numero, un po’ perché nelle ultime due settimane mi sono io stessa resa conto di essere davvero troppo stanca di questa clausura. Se avessero chiesto a me gli aspetti positivi dopo 40 giorni, forse non sarei riuscita a comunicarli come ho invece fatto dopo le prime settimane di quarantena.
Non so se ci saranno altri lockdown, mi auguro di no, ma in caso lo scrigno di 20 storie saprà fare spazio a nuove voci.
Grazie a chi si è confidato e fidato, grazie a chi ha ascoltato, grazie a chi mi ha scritto, grazie a chi mi ha tenuto compagnia con le sue emozioni e riflessioni. Domani sarà un 4 maggio che ricorderemo; per molti qualcosa un po’ cambierà, per altri meno. Per qualcuno la casa è stata conforto, rifugio e nido, per altri prigione, per altri ancora entrambi le cose a sessioni alterne.
Io non caricherò questa settimana di troppe aspettative, ma spero di poter assistere a una piccola, progressiva rinascita e di farne parte un po’ alla volta, apprezzando le piccole conquiste quotidiane. Non ci faranno più ricchi, ma più consapevoli sì, sotto ogni punto di vista. E chi ha capito che da quella casa è meglio fuggire, lo faccia prima che ci rinchiudano un’altra volta.♥️ #prendilasgaia

View this post on Instagram

Mi sono volontariamente fermata a 20 QuaranTales, un po’ per non caricare troppi file o messaggi che potevano risultare parzialmente molto simili, un po’ perché 20 è un bel numero, un po’perchè nelle ultime due settimane mi sono io stessa resa conto di essere davvero troppo stanca di questa clausura. Se avessero chiesto a me gli aspetti positivi dopo 40 giorni, forse non sarei riuscita a comunicarli come ho invece fatto dopo le prime settimane di quarantena. Non so se ci saranno altri lockdown, mi auguro di no, ma in caso lo scrigno di 20 storie saprà fare spazio a nuove voci. Grazie a chi si è confidato e fidato, grazie a chi ha ascoltato, grazie a chi mi ha scritto, grazie a chi mi ha tenuto compagnia con le sue emozioni e riflessioni. Domani sarà un 4 maggio che ricorderemo; per molti qualcosa un po’ cambierà, per altri meno. Per qualcuno la casa è stata conforto, rifugio e nido, per altri prigione, per altri ancora entrambi le cose a sessioni alterne. Io non caricherò questa settimana di troppe aspettative, ma spero di poter assistere a una piccola, progressiva rinascita e di farne parte un po’alla volta, apprezzando le piccole conquiste quotidiane. Non ci faranno più ricchi, ma più consapevoli sì, sotto ogni punto di vista. E chi ha capito che da quella casa è meglio fuggire, lo faccia prima che ci rinchiudano un’altra volta.♥️ #prendilasgaia

A post shared by Gaia Dall’Oglio | Sgaialand.it (@gaia_sgaialand) on

Articolo precedenteVivere la casa: piccoli consigli per rendere più piacevole il nostro spazio
Articolo successivoL’ Asparago Bianco di Bassano DOP: un viaggio dall’Egitto al Veneto
Vicentina di origine, padovana d'adozione, gira il Veneto in lungo e in largo per diletto e lavoro. Founder di Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative est.1971, Docente di Comunicazione all' Università IUSVE e al Master Food & Wine 4.0, Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo di #UnitiInRete, Associazione impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un manager nel settore del marketing e della comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.