1000 Miglia significa storia, passione, amore per le auto d’epoca e tante bellezze italiane: e dopo Brescia, la corsa più bella del mondo toccherà anche il territorio veneto, in particolare vicentino. Ecco dove

Siete pronti a partire alla scoperta delle tappe della 1000 Miglia 2017 che toccheranno la Terra delle Meraviglie? Abbiamo la soluzione per voi: giovedì 18 maggio, dal pomeriggio alla sera, rimanete sintonizzati sul magazine e sulle pagine Facebook e Instagram della testata perché vi offriremo divertimento, curiosità e spettacolo tra interviste a piloti e vip, chicche sulle auto d’epoca in gara e molto altro ancora.
Il tutto dalla tappa vicentina dell’edizione 2017 della 1000 Miglia che quest’anno toccherà località amene come Montecchio Maggiore e Vicenza.
Eccole nel dettaglio!

Mille Miglia 2017 sgaialand magazine vicenza veneto1000 Miglia in Veneto

Dopo la partenza da Brescia, alle ore 14:30 di giovedì 18 maggio, il percorso dell’edizione 2017 della corsa passerà, come da tradizione dal Lago di Garda, toccando poi il meraviglioso Parco Giardino Sigurtà (parco naturalistico di 60 ettari a Valeggio sul Mincio, vincitore del secondo premio di Parco Più Bello d’Europa 2015 e di Parco Più Bello d’Italia 2013) fino a Verona, città dell’amore per definizione.
Attraverso le campagne che separano il veronese dal vicentino, si arriverà poi in quel di Gambellara località celebre per le strabilianti produzioni vitivinicole, e conosciuta nel mondo per il recioto e il Vin Santo.
Pochi km e ci sarà un importante appuntamento a Montecchio Maggiore, dove le vetture in gara per la 1000 Miglia 2017 si fermeranno per un breve tempo prima di ripartire alla volta della città del Palladio.
Montecchio è un caratteristico borgo incastonato nella vicentina Valle dell’Agno, tra i dolci rilievi dei Colli Berici, e conserva evidenti testimonianze storiche risalenti al Medioevo ed è troneggiata dal Castello della Bellaguardia e dal Castello della Villa, detti anche “Castelli di Giulietta e Romeo“. I manieri si guardano da secoli, in una posizione panoramica strategica, separati da un vallone ma vicini come i due infelici amanti. Probabilmente pochi sanno che la tragica storia di Giulietta e Romeo non è stata scritta originariamente da William Shakespeare, ma dal vicentino Luigi Da Porto, che ambientò la novella tra le mura dei due castelli di Montecchio.

Dopo il passaggio di fronte alla meravigliosa Villa Cordellina Lombardi, sontuosa dimora con il salone affrescato da Giovanni Battista Tiepolo, al quale sono attribuite anche i disegni delle statue che adornano il bellissimo giardino, la 1000 Miglia attraverserà Sovizzo e Creazzo, sfiorando Villa Zileri, in località Biron di Montevial, fino a giungere a Vicenza.

Qui, dopo un passaggio dalla zona del Biron, fino a Viale Crispi, le auto in gara entreranno in Viale Verona, percorrendo poi Corso SS Felice e Fortunato e Viale Milano fino ad arrivare a Viale Roma e al caratteristico ingresso di Porta Castello all’interno delle mura antiche della città con la porta e il Torrione trecentesco che costituiva il nucleo della fortificazione posta a sorveglianza della strada per Verona.
Siamo ormai nel cuore pulsante di Vicenza, e Corso Palladio con i suoi palazzi (Palazzo Capra, Braschi, Pojana e Trissino) accompagnerà piloti, ospiti e pubblico in una passerella elegante attraverso il centro cittadino, fino ad arrivare al “salotto” di Piazza dei Signori, dominato dalla Basilica Palladiana, rinomata per il loggiato a serliane, progettato dal grande architetto Andrea Palladio, che circonda il medievale Palazzo della Ragione, e inserita dall’Unesco nella lista dei beni patrimonio dell’umanità nel 1994.

Dopo aver attraversato la piazza più importante di Vicenza, le auto torneranno su Corso Palladio in direzione Piazza Matteotti, dove si fermeranno brevemente di fronte a Palazzo Chiericati, progettato nel 1550 da Palladio per Girolamo Chiericati, completato alla fine del secolo XVII e Museo civico inaugurato il 18 agosto del 1855, oggi fresco di restauro e vanto della città.

E da qui, ancora, si procederà superando Ponte degli Angeli, via IV Novembre, la zona di Anconetta in direzione Cittadella, sconfinando quindi in terra padovana, dove la corsa chiuderà il suo primo entusiasmante giorno di 1000 Miglia 2017.

Le auto in corsa alla 1000 Miglia

Tra le tante ragioni per le quali la Mille Miglia è incomparabile per raffinatezza, esclusività e prestigio vi è quella di essere l’unico modo possibile per ammirare, tutti insieme, tesori d’inestimabile valore che hanno scritto le pagine più belle del motorismo internazionale.
Tra i Musei che invieranno a Brescia le loro vetture ci sono Alfa Romeo, Mercedes-Benz, BMW e Porsche. Tra vetture appartenenti a privati o quelle dei musei, saranno novantadue gli esemplari che torneranno a Brescia dopo aver disputato almeno un’edizione della Mille Miglia, tra il 1927 e 1957.
Il lavoro di selezione, svolto da una commissione di esperti e commissari tecnici internazionali, è stato effettuato su 705 domande provenienti da 41 Paesi.
Tra le prescelte, la marca più rappresentata è Alfa Romeo con 46 vetture (scelte su 72 iscritte), seguita da FIAT con 36 (su 61 iscrizioni) e da altre due Case con 35: Lancia (54) e Mercedes-Benz (49).
Di seguito, ci sono Bugatti con 23 (tutte le iscritte) e Jaguar con 21 (47) come Porsche (35); le Ferrari schierate al via saranno 15 (su 17 iscritte), 14 le Aston Martin (34), 13 le O.M., 12 le BMW e 11 le Maserati.
L’elenco dei partenti è completato da altre marche, per un totale di 82 Case.

Che dire: vi aspettiamo in pista!

CONDIVIDI
Articolo precedente5 castelli sul Lago di Garda tutti da scoprire
Articolo successivoGiro d’Italia 100: ecco le tappe in Veneto, Friuli e Trentino Alto Adige
Ilaria Rebecchi
Ilaria è una giornalista ed esperta di comunicazione a 360°: ama parlare, scrivere e raccontare storie, soprattutto quando riguardano ciò che è bello, dalle arti alle persone. Asso nella manica? Multitasking creativa, dal digitale alla carta stampata, copywriter e digital strategist con nel cuore la critica musicale e cinematografica. Le sue passioni sono la sua cagnolina Lilly, ridere tanto, la scherma, il buon vino, la primavera, la musica degli anni '80, la cucina, la montagna, le serie tv e ovviamente il marito Alberto. È il Direttore Responsabile di Sgaialand magazine

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here