Forse non tutti sanno che a Padova c’è uno dei punti di riferimento italiani, e non solo, nel mondo della vendita e riparazione dei flauti traversi. Si tratta di Suono Flauti – realtà familiare con circa quarant’anni di storia – che ha ammaliato anche Matteo Giorgessi, che da un lavoro nel marketing è passato al mondo artigiano, con entusiasmo sempre crescente e tante soddisfazioni.

La storia di Suono Flauti ci ha subito colpito e affascinato, così come il grande entusiasmo e gli occhi pieni di gioia e fierezza di Matteo Giorgessi nel raccontarci curiosità e aneddoti su questa piccola, ma preziosa e vivace, attività con sede in centro a Padova e di fama internazionale.

Figlio di uno dei fondatori – Giorgio Giorgessi – Matteo da dieci anni supporta il padre e porta avanti l’attività di famiglia riuscendo a coniugare le competenze maturate e sviluppate nel corso della sua precedente carriera professionale in ambito marketing e comunicazione con quella artigiana, appresa in questi anni di prezioso affiancamento.

La musica è sempre stata parte integrante della famiglia Giorgessi e il fascino del flauto traverso l’ha catturata più di tutti. La manualità e la pazienza sono doti che hanno permesso a Giorgio e Matteo di intraprendere la strada dei riparatori di strumenti musicali a fiato e della loro vendita e, dopo circa 40 anni, anche grazie al supporto della collega Giulia – parte integrante dell’attività del negozio, dedicata alla sfera commerciale e marketing – Suono Flauti esiste, resiste e continua a crescere.
Suono Flauti è tra i più autorevoli punti di riferimento per i musicisti classici, per rinomati e prestigiosi nomi del panorama musicale nazionale e internazionale, ed è una vera e propria clinica per strumenti di grande valore che, grazie alle sapienti e accurate mani di Giorgessi Senior e Junior, tornano in grande forma e pronti per esibirsi al meglio sui più noti palcoscenici.

La storia di Matteo ci è piaciuta particolarmente perchè è un perfetto esempio di successo di ritorno alla dimensione dell’artigianato, così caratterizzante e preziosa per il nostro territorio e Paese, ma così difficile da tramandare e far perdurare nel tempo. Ecco perché ci siamo fatti raccontare direttamente da Matteo la sua esperienza, certi possa essere di ispirazione e stimolo.

Abbiamo un preziosissimo e unico patrimonio nel nostro Paese, connotato da un know how invidiato da tutto il mondo e da uno dei brand più forti e richiesti dal mercato internazionale: la tradizione del Made in Italy. Riconoscerla e conoscerla da vicino è uno dei privilegi che abbiamo; saperla adattare ai tempi moderni è ciò che di più intelligente e rispettoso possiamo fare. Bravo Matteo, ad maiora!

More info on suonoflauti.it

Articolo precedenteI bambini hanno vinto
Articolo successivoTorna Rovigoracconta, il grande festival dei libri
Gaia Dall'Oglio
Imprenditrice digitale, ha creato Sgaialand, blog-community diventata un caso studiato anche all'Università. Un progetto innovativo e virale che ha appassionato migliaia di lettori, al punto di moltiplicarsi in attività collaterali, come gli SgaiaTour alla scoperta dei luoghi magici del Veneto e l'hashtag #PrendilaSgaia. Solo su Instagram, l'hashtag è stato condiviso 45.000 volte. Il blog è diventato Sgaialand Magazine e Gaia ha fondato Sgaialand srl, specializzandosi in contenuti web, copywriting, ufficio stampa e digital PR, consulenza per la comunicazione. Oggi coordina un team veneto, continuando a raccontare senza sosta il suo amato territorio: il Veneto che funziona, tra curiosità, storie e meraviglie.