chioggia

La bellezza del tramonto nella città di Chioggia, legata alla storia di Enea e un tempo “costruita artificialmente”

Chioggia , immortalata nello scatto di Carola Dall’Oglio, è il settimo comune della regione Veneto per popolazione e il primo fra i comuni non capoluogo di provincia.
Una della cose più interessanti e curiose di Chioggia riguarda la sua storia e le sue origini.
La leggenda di Chioggia si collega a quella di Enea, mitico eroe troiano fuggito alla distruzione di Troia che navigò per il Mediterraneo per poi stanziarsi nel Latium. Con Enea partirono anche Antenore, Aquilio e Clodio che, a metà del viaggio, si separarono dal loro concittadino per dirigersi verso la laguna veneta fondando rispettivamente Padova, Aquileia e Clodia. A prova di questa mitica fondazione vi è il simbolo della città, un leone rampante rosso su argento, scelto da Clodio stesso in ricordo della sua città natale, ed il nome della città stessa.

Da ritrovamenti archeologici e studi recenti, si può ipotizzare la nascita della città intorno al 2000 a.C. dai Pelasgi, popolo di navigatori originario della Tessaglia, che avrebbero colonizzato numerose città nelle coste Adriatiche. Il nome Chioggia quindi deriverebbe da Cluza, “costruita artificialmente”, da spiegare con la natura insulare-lagunare della città che senza modificazioni umane sarebbe stata sommersa dalle acque ad ogni alta marea. Altri nomi presenti nella città sono di indubbia origine preellenica, come Lusenzo canale e laguna che si trova fra Chioggia e Sottomarina, Bebe, antica torre che serviva da avamposto al confine fra territorio Veneziano e Padovano, Perotolo ed Evrone.

I primi insediamenti della città di Chioggia, quindi, sono da localizzarsi verso l’attuale foce del Brenta, che all’epoca era un’altra delle porte della laguna, con il nome di Brondolo, nelle isoletta di Vicus a levante della Fossa Clodia, canale che corrisponde ora alla Laguna del Lusenzo, e nell’Evrone, che corrisponde a porto di Chioggia.

Foto di Carola Dall’Oglio