Quelle dal 15 al 18 maggio, in Italia, saranno giornate all’insegna dell’alta pasticceria: dopo quelli di Brescia nel 1998 e di Venezia nel 2008, Padova ospiterà i Seminari internazionali dei Relais Desserts, che definiranno le nuove tendenze della pasticceria nel mondo. Padrone di casa il Maestro Luigi Biasetto, insieme alla prestigiosa delegazione italiana.

Dopo 14 anni, ritornano in Italia – e con nostra gioia proprio in Veneto, a Padova,- i Relais Desserts: gli 85 maestri pasticceri più blasonati al mondo, che si confronteranno su alcune tematiche d’attualità e sulle tendenze legate alla più dolce tra le arti bianche.

Non vi stupite quindi se domenica 15 maggio vedrete sfilare nel centro storico patavino decine di elegantissime tocque bianche dirette a Palazzo della Ragione, iconico edificio inserito tra i siti Patrimonio mondiale dell’Umanità dell’Unesco: è in programma il “Goûter des chefs”, un momento di confronto tra tutti i partecipanti, chiamati ad allestire composizioni suddivise in 10 buffet monumentali ed incentrate sul tema “Erbe e Frutta”, in onore delle due piazze cittadine, rispettivamente “Piazza delle Erbe” e “Piazza della Frutta”, storici fulcri del centro commerciale cittadino.

La composizione dei 10 buffet sarà affidata ad altrettante squadre: gli 85 pasticceri, infatti, saranno suddivisi in 10 team, organizzati in base alle aree geografiche di provenienza dei partecipanti. In questo modo ogni gruppo potrà declinare il proprio buffet, omaggiando le differenti territorialità e celebrando le rispettive tradizioni.

relais dessert 2022

Un appuntamento a porte chiuse che farà sognare golosi e appassionati di pasticceria a cui noi di Sgaialand avremo la fortuna di poter partecipare, in quanto partner del Maitre Patissier Luigi Biasetto, celebre nome di fama internazionale dell’alta pasticceria e volto della rinomata Pasticceria Biasetto, incastonata in uno dei quartieri più caratteristici e suggestivi di Padova.

Sarà proprio il Maestro, già Campione del Mondo di Pasticceria e anfitrione d’eccellenza di questa terza edizione in Italia, a organizzare l’evento. La squadra italiana sarà l’unica a competere in rappresentanza di una sola Nazione, in forza della presenza del bresciano Iginio Massari, del maestro padovano Luigi Biasetto, di Andreas Acherer di Brunico, del piemontese Fabrizio Galla, di Luca Mannori di Prato e di Roberto Rinaldini di Rimini.


Ogni team potrà contare su tecnica e inventiva nonché sull’utilizzo di ingredienti di grande pregio.
Chi vincerà? Considerato l’altissimo livello dei contendenti, è difficile fare pronostici.


“Per noi questi incontri rappresentano un’importantissima occasione di confronto e di scambio nonché un
momento di approfondimento relativo alle eccellenze locali: dai prodotti enogastronomici dei Colli Euganei alle
realtà industriali”

Luigi Biasetto


Considerato che i membri dell’Associazione provengono da Europa, Africa, Medioriente, Stati Uniti d’America,
Giappone e Australia, è facile immaginare la profondità e la complessità di questo prezioso momento di scambio. Come sottolinea il Maestro, le tendenzez non sono avulse dai contesti né dai momenti storici; quest’anno i Seminarisi focalizzeranno soprattutto sull’ecosostenibilità, sui nuovi paradigmi del mercato e sull’e-commerce.

Articolo precedenteMontegrappaQuad: per una giornata tra meraviglia, avventura e divertimento
Articolo successivoSilvia Zacchello: nulla si butta, tutto rinasce e diventa POP!
Founder del progetto veneto Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative, Docente all' Università IUSVE dei corsi " Psicologia del Marketing e dell'Advertising" e " Influencer Marketing". Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo dell’Associazione di Promozione Sociale #UnitiInRete, impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un comunicatore con cui condividere la sua passione per la comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.