Ilarità – Domenico Fioravanti: da campione a imprenditore, “perché il nuoto è la mia vita”

Il grande campione si racconta ai microfoni del Direttore Ilaria Rebecchi

L’intervista in esclusiva al grande campione di nuoto Domenico Fioravanti che è passato dalla vasca all’imprenditoria nel settore sportivo

Immaginate di fare un lavoro che è anche la vostra passione, e che vi vede ai vertici per talento e successo.
Siete bravissimi in quello che fate, avete imparato a conquistare le folle a suon di trionfi internazionali. Un sogno, vero?
Poi all’improvviso scoprite di non poter più fare il vostro lavoro della vita, del cuore, del successo. Di non essere fisicamente più in grado di continuare, vedendo così quel grande sogno ormai divenuto realtà, svanire velocemente, tra disperazione e sfiducia.
Cosa fare? Ci si deve reinventare, con coraggio e ambizione, e riuscire a rimanere nello stesso settore nel quale prima eravate dei leader non è cosa da tutti.

Lui c’è riuscito: Domenico Fioravanti, il primo italiano a divenire campione olimpico nel nuoto in corsia e primo atleta a vincere la combinata 100 e 200 metri rana in un’edizione dei giochi olimpici (Sidney 2000), classe 1977 e vincente sin dalla giovanissima età.
Perché a Domenico Fioravanti, durante la preparazione per i giochi olimpici di Atene 2004, fu diagnosticata una ipertrofia cardiaca e, a scopo precauzionale, gli fu impedito di proseguire l’attività agonistica.
Da allora si è più volte chiesto quale fosse il percorso da intraprendere “Perché se hai fatto tutto la vita una sola cosa, è difficile pensare di diventare altrettanto bravo in un’altra che devi ancora imparare“, racconta nell’intervista esclusiva che ho realizzato nella sede della sua azienda produttrice di costumi da bagno, alle porte di Verona.
Sì, Verona, perché Domenico Fioravanti pur essendo novarese, da anni vive tra il Veneto e l’area bresciana, “da perfetto nomade, sempre con la valigia in mano, come siamo tutti noi sportivi“, mi confessa scherzando.

 domenico fioravanti intervista akron ilaria rebecchi ilarità sgaialand magazine veneto editoriale brescia sport nuot

Una storia di passione e coraggio, quella di Domenico Fioravanti, che perfettamente illustra il progetto di cui è testimonial, Ama, Vivi, Nuota di Piscine di Vicenza: un progetto sociale che ha l’obbiettivo di promuovere la cultura dell’acqua facendo cogliere ai cittadini i reali benefici che possono trarne in termini psico-fisici e di miglioramento della qualità della vita. Il tutto coinvolgendo i cittadini di Vicenza con le attività legate al mondo dell’acqua, identificando un percorso adeguato alle necessità di ognuno e stimolando alla continua scoperta del territorio e delle sue bellezze.

Lo sapevate, poi, che dal 2011 Domenico Fioravanti è stato inserito nella prestigiosa International Swimming Hall of Fame, 13° italiano ad entrarvi?
Il Nuoto? Uno sport completo sì, ma soprattutto passione vera, anche a livello imprenditoriale

CONDIVIDI
Articolo precedenteNOWR: la app dedicata agli eventi della startup padovana Officina Srl
Articolo successivoTEDx sbarca a Treviso e sarà un elogio del territorio: siete pronti?
Ilaria Rebecchi

Ilaria è una giornalista ed esperta di comunicazione a 360°: ama parlare, scrivere e raccontare storie, soprattutto quando riguardano ciò che è bello, dalle arti alle persone.
Asso nella manica? Multitasking creativa, dal digitale alla carta stampata, copywriter e digital strategist con nel cuore la critica musicale e cinematografica.
Le sue passioni sono la sua cagnolina Lilly, ridere tanto, la scherma, il buon vino, la primavera, la musica degli anni ’80, la cucina, la montagna, le serie tv e ovviamente il marito Alberto.
È il Direttore Responsabile di Sgaialand magazine

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here