La Val Liona, incastonata tra i Colli Berici, è il Comune nato nel Vicentino dalla fusione di Grancona e San Germano dei Berici. A novembre 2021 è stato riconosciuto e certificato il suo primo prodotto enogastranomico tipico: i Gargati della Val Liona. Ecco perché non perderseli!

É fresco di nomina e di iscrizione all’Albo regionale delle De.Co. del Veneto il primo prodotto enogastronomico della Val Liona. Si tratta dei Gargati: un tipo di pasta fresca, corta e spessa, diffusa in Val Liona da oltre un secolo da trattorie locali storiche ancora in attività grazie alle nuove generazioni di ristoratori presenti in vallata. Il nome gargato deriva dal dialetto gargarozzo – per riferirsi all’esofago- e l’impasto nasce da quello tipico dei bigoli

Secondo la tradizione, devono essere trafilati a mano, facendo passare l’impasto attraverso i fori più larghi del “torchio bigolaro“, prezioso strumento da cucina un tempo presente in molte famiglie venete.

Due caratteristiche rendono unici i Gargati di Val Liona: la pasta, ottenuta utilizzando una farina particolare, macinata a pie­tra con grano rigorosamente raccolto solo in Val Liona, e una lenta cottura, che può superare anche la mezz’ora.
Potrete degustare i Gargati nelle tante modalità proposte dai cuochi della valle, località che apprezzerete anche per le tante risorse naturalistiche da scoprire. Questi i locali dove poter assaggiare i Gargati di Val Liona accompagnati da speciali condimenti: Trattoria Isetta (Via Pederiva, 96) Trattoria Da Munaretto (Via Pederiva, 24), Ristorantino Agricolo “Da Valentino” (Via Casona, 10), Ristorante Trequarti (Piazza del Donatore, ¾), Trattoria Vigheto (Via Fontanelle, 16), Luporosso (Piazza Roma, 6), Azienda Agricola Ca’ Vajenta (Via Castello, 16).

Noi abbiamo assaggiato quelli di Chef Monica Gianesin della Trattoria Isetta, che li propone con ragù bianco di cortile, porro stufato, pomodori datterini, ricotta affumicata e pancetta croccante. Una delizia, come ogni piatto di quello che è forse il nostro ristorante preferito della regione per qualità del menù. Vi abbiamo tentato?

Articolo precedenteSuono Flauti, Padova: Matteo Giorgessi, dal marketing ad artigiano per la musica.
Articolo successivo10 regali di design e sgai, per noi o per gli altri
Founder del progetto veneto Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative, Docente all' Università IUSVE dei corsi " Psicologia del Marketing e dell'Advertising" e " Influencer Marketing". Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo dell’Associazione di Promozione Sociale #UnitiInRete, impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un comunicatore con cui condividere la sua passione per la comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.