castello del catajo

Il castello del Catajo è un monumentale edificio di 350 stanze, considerato la reggia dei Colli Euganei, fu costruito a partire dal XVI secolo da Pio Enea I Obizzi presso Battaglia Terme (Padova).

Sfrecciare tra molteplici appuntamenti di lavoro con la nostra famosa SgaiaCar, la nuova Mini by Ceccato Motors, lo confessiamo, è un gran bel privilegio. La sua famosa guida Go Kart, unitamente alla sua perfetta stabilità e a un bagagliaio in grado di contenere perfettamente tutte le nostre attrezzature sgaie, ci fa affrontare con tranquillità e grande divertimento le strade collinari del nostro amato Veneto, e oggi vi portiamo proprio a scoprire quella che è considerata la reggia dei Colli Euganei: il Castello del Catajo, alle porte di Padova.

Il Castello del Catajo deve la sua costruzione alla famiglia Obizzi, originaria della Borgogna (Francia), e si può considerare, nella storia italiana, una famiglia di “Capitani di ventura”, giunti in Italia al seguito dell’imperatore Arrigo II nel 1007. In un periodo di pace, Pio Enea I degli Obizzi (il quale impose il nome all’obice, il cannone da assedio), attratto dalla bellezza dei Colli Euganei, decise di costruire un palazzo adeguato alla gloria della famiglia ampliando la precedente casa materna costruita nei primi decenni del ‘500, oggi chiamata Casa di Beatrice.

(Volete godervi una suggestiva e spettacolare visione del Castello del Catajo? Perdetevi nel video realizzato da D-Fly Padova e condiviso su YouTube!)

 

Il Castello del Catajo fu ideato dallo stesso Pio Enea avvalendosi dell’aiuto dell’architetto Andrea Da Valle e, da uh punto di vista architettonico, è a metà tra il castello militare e la villa principesca. La parte più imponente detta Castel Vecchio fu costruita in soli tre anni fra il 1570 e il 1573, anche se diversi ampliamenti furono compiuti fino alla seconda metà del XIX secolo. All’inizio erano previste pitture solo sui muri esterni (ora solo parzialmente leggibili) ma nel 1571 Pio Enea chiamò Gian Battista Zelotti, discepolo di Paolo Veronese, ad affrescare le pareti interne con le gesta della sua famiglia, dando vita ad uno dei più spettacolari cicli di affreschi delle ville venete.

La famiglia Obizzi si estinse nel 1803 con il marchese Tommaso, che lasciò il castello agli eredi della Casa d’Este, Arciduchi di Modena; furono anni di splendore con Francesco IV e Maria Beatrice di Savoia, che amarono particolarmente il castello e fecero costruire l’ala visibile più a nord, detta Castel Nuovo, per ospitare la corte imperiale austriaca in visita. Alla morte di Francesco V, senza figli, il Catajo passò all’erede al trono d’Austria Francesco Ferdinando D’Asburgo. Fu per opera di questi due ultimi proprietari che le raccolte archeologiche degli Obizzi, assieme a vastissime collezioni tra cui strumenti musicali, armi e quadri, furono trasferiti a Vienna e nel castello di Konopiste a Praga. Dopo la prima guerra mondiale il Catajo venne requisito dal governo italiano come riparazione dei danni di guerra. Messo all’asta a seguito della crisi del 1929 il castello venne acquistato dai Dalla Francesca che lo rivendettero alla fine del 2015. Il castello è ancora oggi di proprietà privata.

Il suggerimento sgaio? Il Castello del Catajo si trova a Battaglia Terme, a pochi minuti dalle città termali di Abano e Montegrotto ed è velocemente raggiungibile da Padova e Venezia.Poco prima di raggiungere Battaglia Terme, provenendo da Padova, potrete ammirare sulla vostra destra, perfettamente incastonato nel sinuoso paesaggio dei Colli Euganei, il Castello. Nelle immediate vicinanze sono presenti hotel termali di grande dotati di spa, centro benessere e piscine. Un’ottima dritta sgaia per l’estate e l’inverno, no?!

Il Castello del Catajo è regolarmente aperto al pubblico da marzo a novembre nei pomeriggi di martedì, giovedì, venerdì e domenica e in tutti i giorni festivi

Aprile – Maggio – Giugno – Luglio – Agosto:
Domenica, martedì, giovedì, venerdì e giorni festivi
dalle 15:00 alle 19:00

Marzo – Settembre – Ottobre – Novembre:
Domenica, martedì, giovedì, venerdì e giorni festivi
dalle 14:30 alle 18:30

BIGLIETTI
il biglietto comprende l’accesso al giardino storico
e la visita guidata all’interno del castello
con partenza ad orari variabili a seconda della stagione
e dell’affluenza e comunicati nel momento dell’acquisto
Adulti € 9,00
Bambini dai 6 ai 12 anni € 3,00
Bambini fino ai 5 anni ingresso gratuito
In giorni con eventi specifici i prezzi possono variare a seconda dell’attività proposta
e sono consultabili sul calendario eventi

BIGLIETTI EXCELLENCE TICKET
un modo nuovo per vedere le tre più importanti dimore storiche dei Colli Euganei, il Castello del Catajo, Villa dei Vescovi e il Giardino di Valsanzibio, con un unico biglietto a prezzo agevolato 25,00 euro, durata 30 giorni

Vi abbiamo tentato? Speriamo di sì, perchè questa è una delle innumerevoli meraviglie del nostro territorio che va assolutamente conosciuta! Dove ci porteranno la prossima volta la nostra nuova MINI e Ceccato Motors? State sintonizzati sugli sgaiachannel, come sempre!

 

castello del catajo

 

Articolo precedenteFilanda di Valdobbiadene: è ritorno alla vita con Moretti Polegato
Articolo successivoIl business case Sgaialand torna all’Università IUSVE di Mestre
Vicentina di origine, padovana d'adozione, gira il Veneto in lungo e in largo per diletto e lavoro. Founder di Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative est.1971, Docente di Comunicazione all' Università IUSVE e al Master Food & Wine 4.0, Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo di #UnitiInRete, Associazione impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un manager nel settore del marketing e della comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.