FORMAGGIO ASIAGO DOP

Lo scorso sabato 2 luglio Sgaialand è stato invitato dal Consorzio Tutela Formaggio Asiago DOP alla XXVII edizione di Sorsi D’Autore, una manifestazione che racconta con passione la storia e la tradizione delle eccellenze vitivinicole, agroalimentari e paesaggistiche del Veneto.

sorsi d'autore

La tappa a cui abbiamo partecipato è stata organizzata presso la sempre splendida cornice di Villa Valmarana ai Nani di Vicenza, location a me molto cara in cui torno sempre con grande entusiasmo. Con me una delle super ragazze del team di Sgaialand, Elena, che ha tenuto alta la bandiera delle contributor del blog e si è goduta come me un pomeriggio diverso, ricco di gusto e bellezza. 

La degustazione di formaggio Asiago DOP è stata guidata da Alberto Marangon del laboratorio analisi sensoriale di Veneto Agricoltura, grazie a cui abbiamo potuto capire l’evoluzione delle caratteristiche sensoriali di questo formaggio attraverso la degustazione di diverse stagionature, offerte direttamente dal Consorzio tutela Asiago DOP. Sia io che Elena, come moltissimi di voi, siamo consumatrici del formaggio Asiago, ma l’incontro è stato davvero interessante in quanto ci ha fatto soffermare su tanti aspetti che spesso si danno per scontati, aiutandoci a valorizzare e ad apprezzare con più coscienziosità le diverse varietà di formaggio Asiago DOP.

formaggio asiago dop

SOLO IL DOP È FORMAGGIO ASIAGO 

La Denominazione di Origine Protetta (DOP) è la miglior garanzia di eccellenza di un prodotto agro-alimentare europeo. Nel caso del formaggio Asiago, indica che le sue qualità sono dovute principalmente all’ambiente geografico in cui è prodotto, inclusi i fattori naturali e umani, e che la sua produzione, trasformazione ed elaborazione avviene esclusivamente nella zona di origine.

Non ci siamo potute trattenere anche alla seconda parte dell’evento, dedicata alla degustazione di alcune selezioni dei rinomati vini Piovene Porto Godi, ma, da vicentine DOC, li conosciamo bene e non ci è stato difficile immaginarne e ricordarne sapori e sensazioni. Ci rifaremo! Ciò che, invece, non ci siamo lasciate sfuggire è stata la possibilità di fare ancora una volta un rapidissimo giro nel giardino di Villa Valmarana ai Nani, che viene universalmente considerata il vertice espressivo della pittura del Settecento e la testimonianza più alta del genio del Tiepolo (gli affreschi della Palazzina e della Foresteria sono del pittore veneziano).

villa valmarana ai nani

Proprio perchè a Sgaialand siamo un vero team unito e coeso, in tempo reale abbiamo chiesto a Eleni, la foodblogger ufficiale di Sgaialand (purtroppo assente quel giorno), di suggerirci qualche sfiziosa ricetta a base di formaggio Asiago DOP e non posso che condivedere con voi le sue idee, ricordadovi che potrete trovare tantissimi altri spunti direttamente sul sito del Consorzio all’ indirizzo http://www.asiagocheese.it/it/ 

formaggio asiago dop

Eccovi  tre rapide e curiose idee a base di formaggio Asiago DOP di Eleni, che ringrazio di cuore per il pronto intervento e che potete seguire non solo su Sgaialand, ma anche sul suo sito web Le Ricette di Eleni. 

formaggio asiago dop

1. Prendete dell’Asiago tipo crosta nera e tagliatelo a pezzi passatelo in semi di sesamo (meglio neri) con uno stuzzicadenti.  Alla base mettete una fetta di soppressa, poi l’Asiago con il sesamo e alla fine un pezzo di sedano verde (per rinfrescare la bocca ed esaltare i sentori del palato). Si tratta di un boccone aperitivo colorato con consistenze e freschezza diverse

2. Asiago stagionato tipo mezzano. Un piatto di salmone affumicato  con sopra scaglie di mezzano, scorza di limone, aneto fresco e qualche fragolina  o mora di bosco. Un piatto unico o un antipasto colorato  con sentori contrastanti, ma che al palato si completano e rafforzano.

formaggio asiago dop

3. Ricotta di asiago. Data la sua grande cremosita, è adatta anche ai dolci. Eccovene uno velocissimo: ammorbidire con una forchetta  la ricotta con del latte fresco (ottimo quello del consorzio), quando si crea la crema aggiungere pesche a pezzi;  a parte frantumare dei frollini ed aggiungere delle mandorle. Mettere il composto di frollini sotto ed aggiungere sopra la crema di ricotta di Asiago con le pesche. Alla fine qualche goccia di miele. Non aggiungete zucchero! Se si vuole lasciar riposare in frigo diventerà un dolce tipo cheesecake!

#prendilasgaia

Gaia

Articolo precedenteJane The Virgin: la serie TV da non perdere
Articolo successivoBeaching App: la rivoluzione in spiaggia
Gaia Dall'Oglio
Founder del progetto veneto Sgaialand.it, membro del CdA e Head of Digital & PR di Caratti E Poletto creative est.1971, e Docente a contratto all'Università IUSVE nelle sedi di Mestre e Verona. Fino a quattro anni fa, però, tutto questo era assolutamente impensabile per i più, e Gaia era una cacciatrice di teste, in Italia e all’estero, con una Laurea specialistica in Psicologia Clinica Dinamica e alcune note multinazionali nel CV. Nel 2016 si licenza per dedicarsi al progetto personale Sgaialand, che nel giro di poco tempo guadagna l’attenzione di media, mondo accademico e Istituzioni e può contare su partnership con importanti realtà del territorio regionale. A dicembre 2020 Gaia unisce la sua società con Caratti E Poletto, storica agenzia creativa e pubblicitaria che lavora in Italia e all’estero, e raggiunge uno degli obiettivi che si era data quando nel 2003 non le fu consentito di iscriversi alla facoltà di Comunicazione. Imprenditrice, madre e moglie, Gaia fa anche parte del team Comunicazione di TEDxCortina e del Consiglio Direttivo dell’Associazione di Promozione Sociale #UnitiInRete, che si occupa di lotta al bullismo e cyberbullismo, ed educazione digitale.