#VenetiDigitali: Stefano Cantiero e la sua app “Ti porto io” tra sapori, storie e tradizioni

Nella sezione #VenetiDigitali non poteva mancare il veronese Stefano Cantiero, che con la sua app “Ti porto io” si ripropone di portarvi alla scoperta o riscoperta di sapori autentici e tradizioni da non dimenticare!

 

NOME E COGNOME: Stefano Cantiero

ZONA DELLA TERRA DELLE MERAVIGLIE: Verona (Stefano è nato a Isola della Scala, la terra del riso!)

BLOG/SITO/CANALE: tiportoio.tv

CANALI SOCIAL: Facebook, 

TEMA PRINCIPALE:  Ti Porto Io è l’app per scoprire sapori, tradizioni ed eccellenze del Nord Est raccontate direttamente da Stefano Cantiero. Classe 1968 e giornalista professionista dal 2001,  Stefano frequenta il mondo del food nelle sue mille golose, profumate e curiose sfaccettature da diversi anni. Con la sua app vi racconta i sogni, le sfide, i successi e le speranze di chi crede nella propria terra, i sapori nelle espressioni più autentiche del territorio, gli agriturismi, le cantine, le malghe, le osterie e tutti i luoghi gustosi che lo colpiscono maggiormente, senza rinunciare ad esploreare le tradizioni di chi custodisce la memoria del passato per farla diventare ricchezza del futuro.

CI PIACE PERCHÈ. Stefano ci piace perchè in uno scenario digitale, spesso un po’ troppo artefatto e impostato, ha saputo farsi spazio – certo, partendo già da una discreta fama mediatica grazie alla collaborazione emittenti televisive e progetti editoriali- con il suo approccio smart e genuino. Immagini non sempre perfette, video in real time o girati rapidamente con cellulare alla mano e tac, l’utente può facilmente conoscere in modo diretto, semplice, immediato e senza filtri nuove realtà da scoprire e magari mettere raggiungere in occasione di un week-end con la famiglia e gli amici.  Un approccio molto sgaio condiviso anche da noi naturalmente, che, seppur connotate da uno stile molto diverso e occupandoci di attività per lo più differenti da quelle di Stefano, riteniamo di avere molti punti in comune con lui. Non resta che augurarci di poterlo presto incontrare (abbiamo già mancato un appuntamento!) e perchè no, magari raccontarvi una storia o una scoperta insieme! Perchè a noi Sgaie, si sa, fare rete piace eccome!

Articolo precedenteIn mostra a Treviso il Giappone antico, terra di geisha e samurai
Articolo successivoSecret Bistrot a Camposampiero (PD): le colazioni e i brunch più segreti della regione
Founder del progetto veneto Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative, Docente all' Università IUSVE dei corsi " Psicologia del Marketing e dell'Advertising" e " Influencer Marketing". Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo dell’Associazione di Promozione Sociale #UnitiInRete, impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un comunicatore con cui condividere la sua passione per la comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.