Torna Scene di paglia, festival dei casoni e delle acque: 15 spettacoli, tra cui varie prime regionali e una prima assoluta, in 6 comuni della Saccisica e del Conselvano. 

Le campagne della Saccisica e del Conselvano diventano ancora una volta il più suggestivo dei palcoscenici: dal 16 al 22 giugno ancdrà infatti in scena di Scene di Paglia, festival dei casoni e delle acque. Manca dunque pochissimo alla decima edizione di uno degli appuntamenti più importanti della stagione estiva in Veneto.

Il Festival Scene di Paglia è un riferimento a livello italiano per la qualità della proposta e per l’originalità della formula, nella quale il paesaggio dialoga con lo spettacolo: un connubio tra cultura e territorio che ha reso Scene di Paglia, anno dopo anno, uno degli appuntamenti più interessanti dell’estate veneta.

A fare da cornice all’evento casoni di campagna e di laguna, barchesse, parchi, idrovore, case coloniche, scuderie, parchi storici, piazze e angoli urbani a sottolineare il ruolo cardine del paesaggio all’interno di questo evento.  

Sono molti gli spettacoli di qualità selezionati dal direttore artistico Fernando Marchiori e proposti dal festival con una scelta articolata di espressioni artistiche che vanno dalla prosa al teatro di narrazione, dalla danza al dal teatro di figura a quello musicale.

Proseguendo la tradizione del festival, l’edizione 2018 cercherà di coniugare qualità e capacità comunicativa delle proposte, intrecciando spettacoli, laboratori e incontri intorno a un tema forte, sempre nell’orizzonte progettuale del “fare comunità”: incontrarsi a teatro una sera d’estate per divertirsi e riflettere insieme, coltivare l’immaginario collettivo senza perdere di vista la realtà del nostro tempo.

Intitolata agli S/radicamenti, la decima edizione dedicherà un percorso al tema, cosìattuale, delle “radici” nell’epoca della globalizzazione. Un confronto che investe questioni come territorio, apolidia, identità, memoria, tradizione.

Tra gli artisti invitati: Marco Martinelli, Francesco Cafiso, Tiziano Scarpa, Ker Théâtre Mandiaye N’diaye, Debora Petrina, Paolo Benvegnù, Ivan Castiglione, Luca Ronga, Claudia Marsicano, Teatro Medico Ipnotico, Sergio Mercurio, Roberto Abbiati 

Si apre il 16 giugno, alla Barchessa Soranzo Crotta, a Piove di Sacco, con la prima assoluta de L’arte di aspettare, una co-produzione di Scene di Paglia e Farmacia Zoo:è,  con il sostegno di Conselve Vigneti e Cantine, realizzato dalla compagnia Farmacia Zoo:è e dedicato al vino Friularo, un’eccellenza del territorio.

Venerdì 22, nella Piazza di Piove di Sacco, tra i portici e l’antica torre, arriva il Collettivo Paolo Benvegnù, con il concerto H3+, dove la musica si intreccerà con lo spettacolo di marionette di Luca Ronga.

Sabato il Casone Ramei ospita il celebre sassofonista Francesco Cafiso: parole e musica, assieme a Ivan Castiglione, per inseguire il Charlie Parker raccontato nel Persecutore di Julio Cortázar.

Il programma è davvero ricco e variegato, con ampio spazio dedicato anche ai più piccoli. In particolare, vi segnaliamo un interessante laboratorio insieme alla Scuola Internazionale di Comics e vi rimandiamo al programma completo e dettagliato che potete trovare cliccando qui 

In caso di pioggia gli spettacoli si svolgeranno al coperto.

Per informazioni:

Scene di paglia, Festival dei casoni e delle acque

X edizione -S/radicamenti

22 giugno – 1 luglio 2018

T. 049 970 93 19 C. 324 698 06 44 E. info@scenedipaglia.net

www.scenedipaglia.net

facebook.com/scene.dipaglia

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here