Per vederla bisogna cercarla e quando la si è trovata l’espressione è sempre di stupore. Incastonata tra strette calli, la “Scala Contarini del Bovolo”, che in dialetto veneziano significa chiocciola, è tra i monumenti più amati di Venezia.


Sarà per il contrasto cromatico del rosso del cotto e del bianco della Pietra d’Istria, o per i sei piani di logge sovrapposte che sembrano accarezzare il cielo; saranno gli ottanta gradini che non stancano il passo verso la salita, oppure, sarà che la terrazza, dai suoi 28 metri di altezza, regala ad ogni cambio di luce uno spettacolo senza eguali.  Scala Contarini del Bovolo, parte dell’omonimo Palazzo, è uno dei cinque gioielli nascosti di proprietà dell’Ire, dalla quale è nata la Fondazione Venezia Servizi alla Persona che li gestisce operativamente.

Palazzo Contarini del Bovolo è di origine trecentesca. Inizialmente era della famiglia Morosini, era stato costruito come “casa fontego”, ossia una casa per immagazzinare le merci e quindi anche comoda con il canale che si trovava nell’altro lato del palazzo.

Fu Pietro Contarini, verso la fine del Quattrocento, a volere fortemente questa leggiadra scala. Pietro era un rampollo della potente famiglia Contarini del ramo di San Paternian (il cui soprannome derivava dalla chiesa che sorgeva nell’attuale Campo Manin), che nel Trecento aveva dato alla Serenissima Repubblica un Doge: Andrea Contarini

Pietro Contarini vuole fortemente la scala per avere qualcosa di unico in città – spiega Edoardo Rizzi, di Fondazione Venezia Servizi alla Persona – la Repubblica vietava la magnificenza da parte delle singole famiglie nobili veneziane per mantenere uno status quo a livello politico, ma la famiglia Contarini riesce a costruire questa scala a chiocciola, di ispirazione sia rinascimentale sia bizantina. Il Belvedere fu costruito non solo per il panorama, ma anche come simbolo della potenza della famiglia Contariniquesta era infatti la zona più centrale e più richiesta di Venezia perchè equidistante da Piazza San Marco, luogo politico e culturale della città, ma anche da Rialto, luogo economico per eccellenza”. 

Scala Contarini del Bovolo: due curiosità

Le vicende di questo palazzo attraversano cinque secoli di storia veneziana e molte sono le curiosità ad esso legate. Ad esempio, a essere riccamente decorata da terra a cielo era la parte retrostante dell’edificio, fatto anomalo per i palazzi dell’epoca la cui sfarzosità veniva ovviamente esibita sulla facciata principale. Ma Palazzo Contarini ha la facciata principale sul rio di San Luca mentre la parte retrostante è quella più importante perché è rivolta a San Marco, un tempo vero cuore politico di Venezia. Di questa decorazione, che fu sacrificata per la costruzione della scala, ancora oggi vi è qualche piccola traccia sulle pareti.

E poi c’è il Belvedere a cupola, ossia la terrazza da cui si domina la città con uno straordinario panorama: proprio da qui l’astronomo tedesco Tempel, conducendo le sue osservazioni col telescopio sulla cima della torre, scoprì la cometa C/1859 e la nebulosa di Merope delle Pleiadi.