Un tuffo nel passato del lusso veneziano: il Grand Hotel Venezia rivive tra storia, glamour e eleganza nel cuore di Palazzo Ferro Fini.

Dal 15 maggio al 30 novembre 2024, Palazzo Ferro Fini, la magnifica sede sul Canal Grande del Consiglio regionale del Veneto, apre le sue porte per una mostra straordinaria intitolata “Grand Hotel Venezia: cento anni, da albergo da sogno a sede istituzionale”. Un evento, curato da Franca Lugato e patrocinato dal Comune di Venezia, che offre ai visitatori un’immersione affascinante in un secolo di storia che ha visto il palazzo trasformarsi da prestigiosa residenza nobiliare a emblema del lusso alberghiero e, infine, a sede istituzionale.

Una storia di lusso e glamour

Dal 1868 al 1968, il doppio palazzo che oggi ospita il Consiglio regionale del Veneto fu il rinomato Grand Hotel Venezia. Questo hotel rappresentava il culmine dell’eleganza e del lusso, attirando reali, aristocratici, capi di stato, scrittori, artisti e celebrità da tutto il mondo. La mostra racconta questa epoca dorata attraverso un percorso fotografico e documentale che si snoda sui tre piani del palazzo, offrendo una narrazione ricca di immagini, filmati, oggetti e documenti d’epoca provenienti dagli archivi del Comune di Venezia, IPAV, Alinari, Luce e British Pathé, oltre a collezioni private e all’inedita raccolta CIGA dell’associazione culturale “Le memorie della Compagnia Italiana Grandi Alberghi”.

Gli ospiti illustri

Tra gli illustri ospiti che hanno varcato le soglie del Grand Hotel Venezia figurano nomi altisonanti come l’imperatore d’Austria Francesco Giuseppe, il re d’Italia Vittorio Emanuele II, il Duce e il Führer, nonché leader mondiali come Winston Churchill e Duff Cooper. Anche il mondo dello spettacolo e dell’arte trovò nel Grand Hotel un rifugio di lusso: da Cary Grant a Tyrone Power, passando per Ingrid Bergman e Roberto Rossellini, la cui presenza è evocata nella mostra attraverso ritratti e memorabilia.

Il glamour della biennale e del Festival del Cinema

Una sezione speciale della mostra è dedicata al glamour che ha caratterizzato il Grand Hotel Venezia, reso ancora più vibrante dalla vicinanza con eventi culturali di risonanza internazionale come la Biennale d’Arte, il Festival della musica contemporanea e la Mostra internazionale d’arte cinematografica. Questi eventi trasformarono il Grand Hotel in un punto d’incontro per stelle del cinema, personaggi dell’aristocrazia e magnati, cementando la sua reputazione come uno dei centri nevralgici del jet set internazionale.

Il Gran Ballo del Secolo

Tra le numerose suggestioni offerte dalla mostra, spicca il ricordo del “Gran Ballo del Secolo”, una sontuosa festa in costume tenutasi il 3 settembre 1951 per celebrare il restauro di Palazzo Labia. Questo evento spettacolare attirò mille aristocratici, star e magnati da Europa e America, confermandosi come uno degli eventi più memorabili della cronaca mondana dell’epoca

La mostra non è solo un viaggio nel passato, ma anche un’occasione per riflettere sulla capacità di Venezia di reinventarsi e innovare. Come sottolineano il Presidente del Consiglio regionale del Veneto e il Segretario generale dell’assemblea legislativa, “il restauro creativo che ha trasformato l’ex Grand Hotel in sede istituzionale del Consiglio regionale consente di continuare a leggere questa storia di cultura, arte e raffinatezza“. Questo evento testimonia l’importanza della cura e della continuità nella gestione del patrimonio monumentale veneziano, rendendo omaggio alla famiglia Ivancich e all’imprenditoria veneziana che hanno contribuito a costruire questa eredità.

Grand Hotel Venezia. Cent’anni, da albergo da sogno a sede istituzionale

15 maggio – 30 novembre 2024
Ingresso libero tutti i giorni dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 17.

Articolo precedenteMagis: l’eccellenza del design veneto che guarda al futuro
Articolo successivoAsile’s world, l’arte dell’essenziale di Elisa Zago
Vicentina di origine, padovana da lunga data, gira il Veneto in lungo, largo e obliquo per diletto e lavoro. Founder di Sgaialand.it, co-dirige la storica agenzia di creatività pubblicitaria Caratti E Poletto, è Docente di Psicologia del Marketing & dell'Advertising all'Università IUSVE a Venezia e Verona, e insegna al Master Food & Wine 4.0. Ha portato il format internazionale Fuckup Nigts a Padova, di cui è licenziataria e organizzatrice. Sposata con Giulio e mamma di Cecilia, è anche speaker, ospite e presentatrice di numerosi eventi. Info utili: non levatele la cioccolata di mano.