Come gustare al meglio le primizie d’autunno? Ecco una gustosa ricetta a base di cavolo cappuccio rosso, sardine, farina integrale, limone e melograno

La stagione autunnale porta una straordinaria ricchezza di vegetali da usare in cucina, caratterizzati da sapori forti e dai colori intensi: le primizie d’autunno raccontano ottimamente la splendida gamma di colori ed intensità che regala questa stagione e perciò ecco una ricetta che utilizza le più gustose primizie, economiche e colorate, arricchite da sapori che vengono dal mare, ovvero il cavolo cappuccio rosso con sardine, farina integrale, limone e melograno.
È bene ricordare che il segreto in cucina è divertirsi, lasciando spazio alla creatività, scegliendo prodotti di stagione, e acquistando vegetali freschi e non conservati (ad eccezione dei piselli), provando diversi sapori, perché la scoperta di nuovi alimenti è come viaggiare e incontrare nuovi scenari.

primizie d’autunnoIngredienti per 4 persone
• 300 gr cavolo cappuccio riccio (si trova in confezioni già pronte all’uso)
• Qualche seme di melograno (meglio preferire il colore rosso intenso e il picciolo non secco)
• 1 limone non trattato (se la buccia è liscia e molto lucida significa, in generale, che il prodotto è stato trattato con prodotti chimici. Dunque meglio una buccia bucherellata e profumata)
• 200 grammi di sardine fresche (meglio se pescate nel Mediterraneo. Si trovano già eviscerate e pronte all’uso: pulirle comunque è molto veloce e semplice grazie alla sola spina centrale e alla carne molto morbida)
• 80 grammi di farina integrale
• 2 cucchiai da the di polvere di curcuma (il colore deve essere di un giallo paglierino intenso)
• Olio da friggere (meglio se di semi vari o di semi di girasole)
• Olio extra vergine q.b
• Sale e pepe

Con questo piatto si consiglia un vino bianco dei colli euganei, che aiuta a riequilibrare i sapori e preparare la bocca al prossimo boccone, come un Pinello o un Serprino.

Preparazione
In una pentola mettere tre cucchiai di olio extravergine e uno spicchio di aglio schiacciato e vestito (con la buccia, si ottiene schiacciando lo spicchio con la pancia del coltello) e il cavolo cappuccio riccio.
Fare ammorbidire a fuoco alto per circa due minuti, poi abbassare la fiamma, mettere il coperchio e lasciare cuocere per altri tre minuti. Salare e pepare a fine cottura e rimettere il coperchio.
Prendere una scodella e unire alla farina integrale la curcuma e la buccia di mezzo limone.

Mischiare bene. Passare da ambo i lati le sardine, private di testa e lisca.
In una padella con bordi alti mettere l’olio da friggere e quando sarà ben caldo (si capisce quando si inizia a sentire il profumo dell’olio, ma attenzione a non aspettare troppo perché, se l’olio si brucia, diventa non utilizzabile).
Friggere le sardine da entrambi i lati sino a renderle croccanti.
Mettere le sardine cotte in un piatto con della carta assorbente (la migliore è quella dei sacchetti del pane o della frutta).
È il momento di comporre il piatto, ricordando che la ricetta si chiama primizie d’autunno e le foglie di cavolo riccio saranno come foglie cadute sul prato, mentre le sarde diventeranno come altre foglie gialle con bacche rosse (i semi di melograno): alla base metteremo il cavolo cappuccio riccio, sopra le sardine fritte (la farina integrale e la curcuma renderanno la frittura non solo più gustosa ma più croccante e colorata), e infine alcuni semi di melograno che servono a dare colore e acidità al piatto in sostituzione ai soliti agrumi.

 

Articolo precedente6 Mamma Euganea, la app per le mamme padovane
Articolo successivo70 anni del Vespa Club Italia, dal 16 novembre al 16 febbraio al Museo Nicolis
Perché Eleni? Perché nel sangue porto un po’ d’Italia e di Grecia. Dopo molti anni di lavoro nell'ambito della comunicazione e della cooperazione internazionale, ho fatto di una mia antica passione un lavoro. Mi piace fare e parlare di cibo, lo affronto, almeno ci provo, nei suoi molteplici aspetti. Corsi di cucina, consulenze commerciali, sperimentazioni e degustazioni, incontri formativi per tecnici di settore, laboratori didattici. Amo l'ambiente, le spezie, i viaggi, la scoperta e il Veneto, of course, anche se da Padova mi sono trasferita per amore a Milano.