#loscattodellemeraviglie: Arena di Verona

L’Arena di Verona: icona della città degli innamorati, immortalata in uno scatto di Carola Dall’Oglio

L’ Arena di Verona è il simbolo della città, l’anfiteatro romano situato nel centro storico icona della città dell’amore insieme alle figure di Romeo e Giulietta, nonché uno dei grandi monumenti che hanno caratterizzato l’architettura ludica romana.
L’ Arena di Verona, ad oggi, è l’anfiteatro antico con il miglior grado di conservazione, grazie soprattutto ai sistematici restauri realizzati a partire dal ‘600.
Location estiva per il celeberrimo festival lirico areniano, dove fanno tappa i più importanti cantanti e musicisti di caratura internazionale, l’ Arena di Verona nel corso del tempo è stata location ideale per numerose leggende sulla sua origine: nel Medioevo si raccontava che un gentiluomo veronese, accusato di un crimine cruento per il quale era stato condannato a morte, pur di avere salva la vita promise ai capi della città che avrebbe costruito in una sola notte un immenso edificio che potesse contenere tutti gli abitanti della città ed in cui si potessero svolgere spettacoli: per adempiere alla promessa promise l’anima al demonio, che si impegnò a compiere il lavoro nelle ore tra l’Avemaria della sera e quella del mattino. La notte tutti i diavoli dell’Inferno si riunirono a Verona per compiere l’opera immensa, ma durante quella notte il gentiluomo si pentì della promessa che aveva fatto, per questo pregò la Madonna tutta la notte ottenendo una grazia: il sole sorse due ore prima e al mattino, alla prima nota dell’Avemaria, ri-sprofondarono tutti sottoterra lasciando la costruzione, sebbene a buon punto, incompleta: da qui sarebbe l’origine dell’Ala.

Foto di Carola Dall’Oglio