Impossibile non notarla: l’Incompiuta svetta sulle colline di Brendola con maestosità, facendosi ammirare dalla pianura sottostante in tutto il suo affascinante mistero. Ecco la storia del Duomo di Brendola, nel vicentino.

Il comune di Brendola, situato nella periferia di Vicenza, viene definito  La porta dei Berici perchè il suo territorio si estende tra la pianura e le dolci colline. Non potevamo non parlarvi del Duomo di Brendola, più noto ai vicentini con il nome de l’Incompiuta e dai nostri scatti non vi sarà difficile comprendere perché. Di certo non si tratta di un monumento o di un edificio che colpisce per la sua meraviglia, e in alcune persone desta un po’ di angoscia. Tuttavia, proprio perché ben visibile dalle aree circostanti, riteniamo opportuno svelarvi qualche retroscena di uno dei luoghi più misteriosi della Terra delle Meraviglie. C’è chi sostiene che l’Incompiuta debba essere abbattuta, chi grida allo scandalo per la sua gestione. Noi ci limitiamo a parlarvi della storia del Duomo di Brendola e a farvelo conoscere attraverso i nostri scatti fotografici.

duomo di brendola

Il paese di Brendola è stato vittima per molti anni di scontri campanilistici fra i suoi abitanti  così, nel 1926, i quattro parroci di Brendola fondarono un comitato per la costruzione di un’unica chiesa che accentrasse tutti i brendolani in un solo luogo, sia dal punto di vista spirituale che sa quello puramente geografico e logistico.

Nel 1928 il vescovo Ferdinando Rodolfi giunse al Cerro, l’area acquistata per la costruzione, dando il suo benestare per l’avvio dei lavori. Sotto il progetto dell’architetto Fausto Franco, si posò la prima pietra il 3 ottobre 1931 e da subito il progetto si servì dell’unione di forza di molti brendolani di ogni frazione, rigorosamente volontari, usando le pietre del Monte Comunale e la sabbia del Guà, procedendo con una tale fretta da chiedere al vescovo il permesso di poter lavorare di domenica.

Nell’estate del 1933 erano già visibili le colonne erette; quando l’arciprete si ammalò 2 anni dopo, i lavori non cessarono e i capi di famiglia continuarono a portare materiale e a costruire. Sulla cima della facciata venne posta un’imponente statua di San Michele Arcangelo alta 4 metri, scolpita da Giuseppe Zanetti.

duomo di brendola

In piena seconda guerra mondiale, però, il cantiere si bloccò senza più ripartire, per cause ancora non completamente chiare. L’edificio, alto 28,5 metri e ampio 1124 m², restò incompiuto ad un vero e proprio passo dal completamento, ben visibile sul colle del Cerro, e lasciato al degrado per più di 60 anni, durante i quali vennero proposti vari progetti, che non giunsero mai a realizzazione.

Durante i recenti terremoti del 2012 che hanno colpito l’Emilia, la testa della statua dell’Angelo dell’Incompiuta si danneggiò, cadendo. Tuttavia, incredibilmente, rimase intatta, consentendo un rapido riposizionamento.

Photo credits: Gaia Dall’Oglio

Fonte Testi: Wikipedia

Articolo precedenteTEDx Montebelluna: all’Infinite Area il 26 maggio la prima edizione
Articolo successivo1 maggio in Veneto: idee last minute (e sgaie) per tutti
Founder del progetto veneto Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative, Docente all' Università IUSVE dei corsi " Psicologia del Marketing e dell'Advertising" e " Influencer Marketing". Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo dell’Associazione di Promozione Sociale #UnitiInRete, impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un comunicatore con cui condividere la sua passione per la comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.