Piatti veneti (e non solo) serviti tra scaffali di bottiglie, arredi semplici ma ricercati, in un locale storico di Padova dove l’ospitalità è di casa e fa la vera differenza. Siete all’Hostaria Piave, lungo la suggestiva Riviera Paleocapa.

Fino a circa tre anni fa era la celebre e storica Trattoria Piave, una trattoria molto semplice ed economica dove gusto, clima famigliare, essenziale semplicità e rapporto qualità prezzo erano i protagonisti di un’esperienza molto apprezzata in città. Ora, a pochi passi dalla Torre della Specola – sfondo unico e meraviglioso se optate per un pranzo o una cena all’aperto sotto i portici – questo luogo della tradizione è rinato, diventando Hostaria Piave. Il gusto tradizionale che ha sempre caratterizzato il menù del civico 24 di Riviera Paleocapa è rimasto, ma l’atmosfera si è evoluta e ha fatto un rapido balzo fino ai giorni nostri.

Potrete gustarvi un buon calice di vino e un cicchetto al banco o concedervi un – consigliatissimo – pasto completo fatto di grandi classici ma anche di contemporanee rivisitazioni, come gli imperdibili bigoli con tartare di scampi, aglio, olio e peperoncino agli agrumi.

Hostaria Piave: non solo ristorante

Una menzione speciale è riservata alle pizze, cotte in forno a legna, particolarmente leggere e, quindi, digeribili. Buona la varietà dell’offerta, tra opzioni classiche e speciali, con ingredienti di prima scelta e un’ottima presentazione. Tra le speciali la pizza 22, quella della casa: salsa di pomodoro, mozzarella di bufala, origano, olive taggiasche, con pomodorini secchi e basilico aggiunti a fine cottura.

L’ambiente è moderno e piacevole, caratterizzato dalle tinte naturali del legno presente in forme diverse, e del verde inserito all’interno di cassettine di sospese che ben si sposano con sedute coloratissime e decisamente comode. L’atmosfera conviviale e di casa che si respira fin da subito è impreziosita da un servizio informale ma impeccabile, dove cura, attenzione al cliente e sorrisi non mancano mai.

Sempre apprezzabile l’amaro offerto a fine pasto: un piccolo, semplice gesto che contribuisce a rendere l’esperienza da Hostaria Piave un momento da replicare quanto prima, per concedersi le altre proposte dello Chef.

In estate l’ampio spazio interno, che conta due belle sale, è climatizzato ma – se le temperature lo concedono – è consigliabile cenare all’esterno e regalarsi una sgaia experience con vista sull’Osservatorio Astronomico di Padova sotto i portici, uno degli elementi simbolo della città del Santo. Concedeteci, infatti, una piccola curiosità a riguardo: con i suoi 25 km di portici, Padova è la seconda cittàpiù porticata” per estensione, paragonabile solo a Bologna, che vanta una rete di portici estesa e ramificata senza eguali in Europa

Hostaria Piave
Riviera Paleocapa 24, Padova
Telefono: 049 8719769 / 393 5534891
www.hostariapiave.it

Photo Credits: Sgaialand

Articolo precedenteSan Giorgio Cafè con Filippo La Mantia, Isola di San Giorgio, Venezia.
Articolo successivoIl Muro di Ca’ del Poggio: la salita simbolo del Prosecco
Gaia Dall'Oglio
Imprenditrice digitale, ha creato Sgaialand, blog-community diventata un caso studiato anche all'Università. Un progetto innovativo e virale che ha appassionato migliaia di lettori, al punto di moltiplicarsi in attività collaterali, come gli SgaiaTour alla scoperta dei luoghi magici del Veneto e l'hashtag #PrendilaSgaia. Solo su Instagram, l'hashtag è stato condiviso 45.000 volte. Il blog è diventato Sgaialand Magazine e Gaia ha fondato Sgaialand srl, specializzandosi in contenuti web, copywriting, ufficio stampa e digital PR, consulenza per la comunicazione. Oggi coordina un team veneto, continuando a raccontare senza sosta il suo amato territorio: il Veneto che funziona, tra curiosità, storie e meraviglie.