Sgaialand ha chiesto ad alcune famiglie cosa ne pensano dell’appuntamento online Famiglie Connesse destinato ai più piccoli. Ecco cosa ci hanno risposto e perché consigliano l’iniziativa del Teatro Stabile del Veneto nata ai tempi di COVID-19

“Famiglie connesse” è il titolo dell’immancabile proposta firmata Teatro Stabile del Veneto per grandi e piccini, che per tre volte alla settimana – il martedì, il giovedì e la domenica alle ore 16.00 e poi sempre in replica alle ore 11.00 del giorno successivo – porta sui canali social del Teatro Stabile del Veneto fiabe, favole e brevi racconti. Ve ne abbiamo già parlato più volte nelle scorse settimane, ma se ancore non conoscete questa rassegna, vi invitiamo a cliccare qui.

Curiosi di sapere come il pubblico più giovane abbia reagito a questa nuova modalità di vivere il teatro, abbiamo intervistato alcune famiglie.

Ci scrive Giorgia, di Vicenza, che ha visto i video con due bambini: Nina, 9 anni, e Gioele, 4. Gli spettacoli scelti sono“Pollicina”di Theama, e “I colori delle emozioni”di Stivalaccio Teatro.


Il primo è piaciuto sopratutto al più piccolo; incantato dalla voce narrante, per lui quasi dall’effetto ipnotico, dall’uso delle parole semplici e di facile intuizione, per la sua età; la scenografia facilmente “riconoscibile” coi mobili che ha qui, intorno a casa! Insomma, direi che Pollicina è la nostra nuova amata!.

Il secondo video ha stregato entrambi; per la grande, è stato un buon momento di confronto, soprattutto per gli aggettivi utilizzati per descrivere le emozioni “forti”, si è riveduta molto in rabbia e tristezza ad esempio; l’uso della lavagnetta sulla quale appiccicare le immagini che le rappresentavano, e l’ironia della chiusura dello spettacolo l’ha molto divertita!
Il più piccolo invece ha apprezzato tanto i costumi usati dall’emozione, servivano a catturare la sua attenzione, e a coinvolgerlo in una storia che altrimenti, data la tematica e la sua età, avrebbe faticato a comprendere e a farsi coinvolgere.
Personalmente, da mamma e spettatrice, ho apprezzato entrambi gli spettacoli: puliti, semplici, senza troppi ghingheri, adatti a tutte le famiglie. Mi sono piaciuti molto la spontaneità diretta al “cuore” degli attori!

Altre tre famiglie, invece, ci hanno risposto via video. Volete conoscere le opinioni di mamma Veronica e i piccoli Vittoria e Cesare (Vicenza), mamma Ileana da Padova e papà Daniele da Milano? Vi basterà cliccare play qui sotto, e nel frattempo vi ricordiamo che l’appuntamento con Famiglie Connesse prosegue anche nei prossimi giorni. Enjoy!

Articolo precedenteLa ciliegia di Marostica: il frutto della terra delle meraviglie
Articolo successivoMalvasia a Treviso: il risto-brunch con lo zampino di Tony Gallo
Gaia Dall'Oglio
Imprenditrice digitale, ha creato Sgaialand, blog-community diventata un caso studiato anche all'Università. Un progetto innovativo e virale che ha appassionato migliaia di lettori, al punto di moltiplicarsi in attività collaterali, come gli SgaiaTour alla scoperta dei luoghi magici del Veneto e l'hashtag #PrendilaSgaia. Solo su Instagram, l'hashtag è stato condiviso 45.000 volte. Il blog è diventato Sgaialand Magazine e Gaia ha fondato Sgaialand srl, specializzandosi in contenuti web, copywriting, ufficio stampa e digital PR, consulenza per la comunicazione. Oggi coordina un team veneto, continuando a raccontare senza sosta il suo amato territorio: il Veneto che funziona, tra curiosità, storie e meraviglie.