Una kermesse con protagonista la chitarra in tutte le sue straordinarie varianti, tra interpreti eccezionali e arte: è il Festival Chitarristico Internazionale Delle due Città Treviso – Roma

Il Festival Chitarristico Internazionale Delle due città anche quest’anno candida Treviso ad essere capitale europea della chitarra e terra di incontro, di arti e culture diverse.
La Kermesse si svolge nella città veneta, a Roma e, per il terzo anno consecutivo, a San Donà di Piave, in una sezione speciale. Il Festival prevede oltre ai concerti a Treviso la realizzazione di Incontri, Conferenze, Masterclass, un’esposizione internazionale di liuteria, un’ esposizione fotografica, oltre ad un concorso chitarristico Internazionale ed il premio alla carriera musicale denominato Musikrooms Award.
Una manifestazione di forte impatto, che farà divertire ed appassionare tutto il pubblico presente. Il Festival “Delle due Città” è l’unica manifestazione in Italia ad unire idealmente il Capoluogo trevigiano e la Capitale caratterizzando un Festival di portata internazionale che si svolge in tutto il mese di Settembre abbracciando inoltre il veneziano con San Donà di Piave nel nuovissimo Teatro Metropolitano Astra.
La manifestazione è organizzata dall’Associazione Musikrooms in collaborazione con il Comune di Treviso, dalla Provincia di Treviso e dalla Regione Veneto con la direzione artistica del M° Andrea Vettoretti chitarrista – compositore tra i più noti in Europa. La Kermesse è inoltre unita al progetto umanitario Dokita denominato Musicare, per sostenere l’educazione musicale dei bambini nella regione di Santa Eulalia in Perù.

15° Festival Chitarristico Internazionale Delle due Città: il tema

Il titolo e filo conduttore del Festival è “Chitarra!
Alla fine del XVIII secolo i liutai napoletani furono i primi a produrre chitarre a sei corde: erano di dimensioni piuttosto ridotte, costruite in acero o legni da frutto. Subito dopo anche in Spagna la chitarra a 6 corde cominciò ad affermarsi così come in Europa e nel resto del mondo. L’Italia fu dunque determinante nello sviluppo dello strumento che diventerà tra i più popolari ed amati di sempre. Oggi la chitarra mantiene tutto il suo fascino popolare e colto. Sia in Europa che oltreoceano lo strumento a sei corde riesci a coinvolgere milioni di persone grazie alla sua poliedricità che permette di suonare i generi più diversi.
Uno spartito, un’armonia, un suono non rappresentano unicamente la concretizzazione della genialità del compositore o della maestria dell’esecutore. La musica è, a sua volta, il tramite che permette all’ascoltatore di fruire di forti sensazioni ed emozioni. Il progetto del Festival Chitarristico Internazionale “Delle Due Città” intende declinare il tema di quest’anno ponendo l’accento proprio su questa peculiarità della musica. Ecco quindi la scelta di generi e stili che avranno un unico comune denominatore, la Chitarra. Lo spettatore sarà portato in un viaggio emozionale attraverso la forza espressiva del Flamenco, il passionale Tango, la brillante musica Spagnola, l’essenziale musica classica, la coinvolgente musica World, la musica Latina, la voce recitante ed il canto nelle sue diverse espressioni popolari e colte in un incontro dove la tristezza, l’allegria la profondità dei sentimenti e la bellezza si mescoleranno e saranno la sola chiave per la piena espressione di tutti i concertisti.

15 festival chitarristico internazionale delle due città treviso roma andrea vettoretti sgaialand magazine15° Festival Chitarristico Internazionale Delle due Città: i concerti a Treviso, Auditorium Museo di Santa Caterina, ore 20.45

Sabato 2 Settembre – “World Meeting”
Immergetevi nel fantastico panorama della chitarra latina col virtuoso Australiano Sergio Ercole. Un panorama musicale caratterizzato da pezzi classici e composizioni originali di Sergio, pervase dallo spirito del flamenco. Il doppio concerto continuerà con l’incontro con il Real Duo, longevo e affermato duo di mandolino e chitarra con Luciano Damiani e Michele Libraro ed il cantante Ivan De Carlo. Un coinvolgente viaggio nei periodi d’oro della musica di Elvis Presley protagonista rivoluzionario della creolizzazione tra la “musica bianca Country and Western & la musica nera Rhythm and Blues”. Un omaggio all’artista che ha venduto più di un miliardo di dischi in tutto il mondo e che per primo ha inaugurato l’era del satellite con il concerto “Aloha From Hawaii” trasmesso in mondovisione! Il mito di Elvis Presley vive ancora!

Venerdì 8 Settembre – “Emozione gesto e parola”
Il Tartini Duo darà inizio al secondo Weekend dedicato alla chitarra. Conosciuti per il loro virtuosismo strumentale, il duo composto da Pier Luigi Corono e Sandro Torlontano è considerato tra più interessanti ensamble in Italia e presentano un programma che vedrà protagonista uno dei più grandi compositori Spagnoli quale Manuel de Falla in un viaggio musicale tra autori Iberici ed Italiani. Il doppio concerto proseguirà con il talento di Renato Grandin assieme all’attrice Arianna Capiotto. Un viaggio nella nuova musica per chitarra, scaturito dall’alternarsi dei quattro elementi, terra, aria, acqua e fuoco, che suddivideranno il concerto in quattro momenti che daranno origine ad un suggestivo alternarsi di emozioni musicali. A suggello degli elementi si ascolterà l’esecuzione di quattro arrangiamenti di pezzi storici dal mondo del rock e del pop.

Sabato 9 settembre – Tango! … e Napoli!
La passione e l’eleganza del Tango di Buenos Aires ancora una volta ci farà sognare attraverso un quartetto che esplora nuove sonorità tra virtuosismi ed espressività. Il nome del Quartetto Se.Go.Vi.O. nasce dall’unione dei cognomi Seminara-Gori-VignaniOglina per ricordare, con un pizzico di ironia, la figura del grande chitarrista spagnolo Andrés Segovia. I quattro musicisti si distinguono per la grande esperienza concertistica internazionale e per l’impegno profuso in ambito didattico. Il repertorio scelto pone l’accento sulle possibilità espressive di ogni strumento: l’impatto timbrico che nasce dall’incontro delle corde pizzicate con lo strumento a mantice e i fiati costituisce il terreno ideale per dare vita alle graffianti sonorità tipiche del Sud America dove, a ritmo di tango, si parte dall’Argentina alla volta di Cuba. Così il celebre chitarrista-compositore argentino Máximo Diego Pujol si esprime in merito al CD recentemente prodotto dal Quartetto: “La musica ci dà uno spazio di assoluta libertà. Farne uso implica responsabilità e impegno. E porta qualcosa di nuovo per un mondo migliore” Tali responsabilità e impegno sono presenti negli eccellenti arrangiamenti e interpretazioni del Quartetto Segovio. La seconda parte della serata sarà dedicata alla musica Napoletana con Ciro Carbone alla chitarra e alla voce recitante Diletta Masetti. I due artisti napoletani ci faranno vivere nuove emozioni attraverso i più grandi compositori ed interpreti come Di Capua, Di Giacomo, De Curtis e molti altri. Una serata imperdibile che unisce due importanti mondi musicali, il Sud Americana e Napoli!

Venerdì 15 Settembre – From Spain to the World
Il chitarrista e compositore americano Joe lo Piccolo rappresenta un ponte stilistico tra generi e culture. Il suo modo di fare musica è influenzato dalla classica, dal Jazz e dal World. Ha suonato con moltissimi grandi artisti tra i quali il Grammy Award Andrew York, (che si è esibito più volte al Festival delle due Città). Il recital porterà il pubblico attraverso un nuovo stile, un linguaggio ricco di nuove espressioni e virtuosismi. La seconda parte del concerto sarà affidata al grande virtuoso andaluso Javier Garcia Moreno. Per le sue doti e la sua instancabile attività concertistica in tutto il mondo, è considerato dalla critica Internazionale tra i chitarristi più creativi ed importanti Spagnoli. Innumerevoli sono le citazioni su prestigiose riviste nazionali ed internazionali, elogiato per le sue interpretazioni come quella riportata dalla Rivista specializzata Sound Board degli Stati Uniti che si è espressa su un concerto presso l’Università George Washington così: “La sua magnifica interpretazione unita alle sonorita’ calde ed attreanti , piene di iridescenze, hanno spinto l’auditorium ad acclamarlo in instancabili ed instancabili applausi”. Il grande virtuoso Andaluso ci farà sognare con virtuosismi e le sue indimenticabili esecuzioni.

Sabato 16 Settembre – Flamenco!
Ultimo concerto della parte Trevigiana con il grande virtuoso Carlos Piñana. Considerato uno dei Flamenchisti più talentuosi della nuova generazione, Piñana raccoglie la grande eredità di Paco de Lucia attraverso la contaminazione di numerosi generi. L’essenza del nuovo Flamenco che raccogli i frutti della contemporaneità che ci circonda e li trasmette al pubblico con la forza tipica del Flamenco. Un finale del Festival di straordinaria bellezza, virtuosismo ed espressività.

2 CONCERTI / SPETTACOLO A SAN DONÀ DI PIAVE – ore 20.45
Il Festival continuerà a San Donà di Piave il 22 ed il 23 Settembre per due concerti di grandissimo spessore artistico. Venerdì 22 Settembre – Teatro Metropolitano Astra La presenza del gruppo World G Plus Ensemble scelti da Peter Gabriel nella sua prestigiosa etichetta Real World. Sonorità World e raffinate melodie per un concerto imperdibile ed unica data Italiana del gruppo.
Sabato 23 Settembre, al Teatro Metropolitano Astra, serata dedicata Tango con il virtuoso Bandoneonista argentino Orlando di Bello e lo spagnolo Carles Pons oltre alla presenza di due Ballerini: la campionessa mondiale Nicoletta Pregnolato e Giuseppe Colabello. Il Ballo, il Bandoneon e la Chitarra. Tutta la passione e l’eleganza del Tango di Buenos Aires.

15° Festival Chitarristico Internazionale Delle due Città: i concerti a Roma – TEATRO FLAIANO – ore 20.45 Via Santo Stefano del Cacco, 15

Come di consueto il Festival continuerà nella capitale fino al 29 Settembre nello splendido Teatro Flaiano, con la presenza di altri artisti di fama Internazionale: Mercoledì 27 Settembre Il Duo Sconcerto in un Recital nuovo ed inconsueto che coinvolge il pubblico in un percorso poetico ed intenso, tra virtuosismi e atmosfere raffinate, ma anche divertimento…
Giovedì 28 Settembre
Il Duo Cantiga sono tra i più grandi interpreti della musica dell’ottocento per chitarra. Ci faranno sognare con molte sorprese durante la performance… Un viaggio in un ottocento antico.
Venerdì 29 Settembre
Il solista virtuoso Christian Lavernier in un viaggio musicale che ci accompagnerà attraverso i grandi compositori del periodo Barocco e Ottocentesco.

EVENTO SPECIALE FESTIVAL “DELLE DUE CITTÁ” 2017, protagonista Andrea Vettoretti

Sabato 21 Ottobre – San Donà di Piave – Teatro Metropolitano Astra
“WONDERLAND” DI ANDREA VETTORETTI – PRIMA NAZIONALE
L’artista e compositore che ha sdoganato la chitarra classica torna con un nuovo album ispirato al capolavoro di Lewis Carroll e una serie di performance live che lo vedranno protagonista sui migliori palchi internazionali “Mi piace sperimentare, provare nuove strade che portino, anche dopo lunghi percorsi, ad una sintesi. Della musica classica mi appassiona la profondità e la molteplicità. Di altri generi musicali invece la semplicità ed allo stesso tempo la forza di comunicazione e nel progetto “Wonderland” ho dato vita ad un nuovo ed entusiasmante percorso musicale
A parlare è Andrea Vettoretti, straordinario chitarrista e compositore di fama internazionale che, dopo 9 album di chitarra classica, cambia rotta e schemi con il primo disco da autore, sorprendendoci con nuove sonorità. Vettoretti, infatti, con “Wonderland” (CNI – CNDL 30999), progetto nato dalla collaborazione con Paolo Dossena (importante produttore di artisti come C. Aznavour, Dalida, L. Tenco e R. Cocciante), si ispira al mondo onirico del capolavoro di Lewis Carroll “Alice nel Paese delle meraviglie” (Alice in Wonderland). Dopo l’album “Rain”, che ha coinvolto scrittori, registi e compositori affrontando la musica della pioggia più malinconica e suadente, arriva al 10° disco, “Wonderland”, nel quale la celebre opera di Carroll rivive attraverso la magia della sua chitarra e delle sue inconfondibili composizioni.
Nella copertina dell’album traspare tutta la forza del cambiamento di questo musicista che si potrebbe definire “maudit”, come espressione del pensiero anticonformista e romantico del XIX secolo. Andrea rompe gli schemi col suo passato di interprete classico e i suoi brani assumono sfumature che vanno dalla Classica al Minimalismo, dalla World al Rock. Sono tre i bonus track con le percussioni compreso il nuovo arrangiamento di Sensations, brano di successo del precedente album “Rain”.
L’album è arricchito dalle illustrazioni della pittrice svizzera Simona Malaguerra in collaborazione con il grafico Rossano Vettori, ispirate dalla musica e dalle foto di Thomas Conti, che ha curato l’immagine di copertina. A presentare questo speciale progetto discografico/editoriale, un videoclip evocativo realizzato da Blau Production.
Gli spettacoli di Vettoretti hanno una grande forza capace di affascinare e coinvolgere il pubblico. L’artista ha infatti sviluppato una tecnica unica nel mondo della chitarra classica, superando la staticità abituale di questo tipo di performance: in piedi, muovendosi sul palco, comunicando con il pubblico in maniera più diretta, senza barriere. Nel tour che da ottobre 2017 lo porterà sui migliori palchi internazionali, Andrea Vettoretti collaborerà con la celebre violoncellista Riviera Lazeri (in tour anche con Ludovico Einaudi), il percussionista Max Trabucco e l’attrice Alice Guidolin. La regia dello spettacolo è affidata ad Alberto Moscatelli che arricchisce questo racconto musicale con figure e immagini quasi dark che si contrappongono ad un mondo di colori attraverso un attento light design, con effetti e colpi di scena.
La Prima Nazionale dello spettacolo è in programma per la sera del 21 Ottobre al Teatro Metropolitano Astra di San Donà di Piave (Venezia) in occasione del Festival Delle due Città. A seguire il 27 al Teatro Clitunno di Trevi (Roma), il 29 Ottobre al London Guitar Festival il 18 Novembre a Jornadas Internacionales de Guitarra de Valencia, Spagna e in vari Teatri italiani ed internazionali.

15 festival chitarristico internazionale delle due città treviso roma andrea vettoretti sgaialand magazine

Articolo precedente#loscattodellemeraviglie: alla scoperta della storia di Padova
Articolo successivoVenezia 74: 6 motivi per seguire il Festival del Cinema di Venezia
Un team tutto veneto formato da professionisti in ambiti diversi. La redazione Sgaialand Magazine racconta il Veneto che funziona, appassiona, cresce ed emoziona. Quello frizzante, curioso, impegnato, spesso eccellente, sempre sgaio.