Una merenda golosa e tipica della Terra delle Meraviglie è la crema fritta, nota in Veneto anche come Rombo del Doge. Ecco perchè è d’obbligo una tappa da la “Gelateria da Nino” a Chioggia, più famosa come “el barachin dele creme”. Crema fritta: una vera delizia dello street food veneto!

Ci siamo rese conto di non avervi ancora parlato sul magazine di una delizia made in Terra delle Meraviglie, e averla riassaporata il giorno di Pasqua a Chioggia ha reso inevitabile un nuovo articolo da dedicare alla famosa crema fritta veneziana!

La crema fritta è una vera leccornia made in Veneto, anche se la possiamo ritrovare anche nei gran fritti o nelle proposte street food di altre regioni come Liguria, Piemonte, Marche, Emilia Romagna o Lazio. In queste regioni compare tra cibi di strada e antipasti o tra gli ingredienti del ricco fritto misto (come nel caso della Fricassà mëscià piemontese); in Veneto, però, è considerata solo come sfiziosa merenda o goloso fine pasto, trovando una precisa ed esclusiva collocazione ad hoc.

Durante il Carnevale di Venezia, la crema fritta invade forni e pasticcerie della cittadina dal giorno di Sant’Antonio Abate, il 17 gennaio, fino al martedì grasso per deliziare i numerosi turisti. Ma questa prelibatezza non manca certo anche nelle case stesse dei veneziani,  che la considerano la “merenda della festa”, accompagnandola magari ad un buon bicchiere di Passito. Perchè non penserete mica sia una golosità che piace solo ai bimbi, anzi!

Dove mangiare la crema fritta? Oltre a degustarla tra le calli della meravigliosa Venezia, non possiamo non consigliarvi lo storico barachin dele creme”nel cuore di Chioggia, celebre e antico chiosco delle creme fritte (una passione e una ricetta che risalgono al 1948!) in Corso del Popolo diventato ormai popolare punto di ritrovo nei giorni di festa. Dall’autunno all primavera le creme fritte del barachin vi aspettano, da degustare ancora tiepide e fragranti, per assaporare la bontà semplice di un tempo, quella che non passa mai di moda. La chicca sgaia in più? Accanto alla crema fritta, potrete trovare panini al latte con la crema o con la Nutella. Il baracchino di una volta, insomma. Che meraviglia!

Se invece volete cimentarvi a casa, vi sarà sufficiente fare della buona crema, ma ricordate che deve essere molto soda, quindi aggiungete della farina nella preparazione e, prima di friggerla, impanatela nella farina da polenta! Questo è un piccolo segreto arrivato alla nostra redazione da un veneziano DOC!

La merenda…#PrendilaSgaia!

 

Photo Credits: Gaia Dall’Oglio 
Articolo precedenteHosteria Padovanino: a Padova la cena nel Paese delle Meraviglie
Articolo successivoAsparagi e Vespaiolo: a Bassano del Grappa per due mesi eventi a tema
Vicentina di origine, padovana d'adozione, gira il Veneto in lungo e in largo per diletto e lavoro. Founder di Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative est.1971, Docente di Comunicazione all' Università IUSVE e al Master Food & Wine 4.0, Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo di #UnitiInRete, Associazione impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un manager nel settore del marketing e della comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.