Un’esperienza di qualità da non perdere, declinata in una proposta sempre diversa, scandita dal ritmo delle stagioni: dall’aperitivo di tarda mattinata alla cena gourmet, Ristorante Di Rocco a Noale è un prezioso scrigno di sapore da scoprire e assaporare in spazi sorprendenti.

Ristorante Di Rocco è un’imperdibile chicca incastonata nel centro medievale di Noale, splendido gioiello dell’entroterra veneziano fortificato e interamente basato sull’acqua, con un impianto urbanistico tra i meglio conservati del Veneto. Ed è proprio qui, nel cuore di un borgo affascinante e affacciati sulla rocca di Noale, che è possibile concedersi dell’ottimo tempo in compagnia di chi desideriamo con un calice di buon vino, degustando sfiziosi cicchetti a bordo canale o i piatti tradizionali interpretati dalle sapienti mani di Chef Davide Di Rocco. Di Rocco Bistrot a Noale è proprio questo: cucina tradizionale e giovane in un un contesto unico.

Dalla primavera all’autunno, Di Rocco Bistrot apre al pubblico le porte del giardino estivo per un aperitivo in compagnia, o godersi un pranzo o una cena all’ombra della Rocca dei Tempesta.

Il menù è intrigante, le materie prime sono prevalentemente quelle del territorio e ogni piatto esalta la stagionalità degli ingredienti scelti. Il risultato? Piatti dal gusto morbido ma definito, che osano senza provocare e lasciano al palato il desiderio di un altro boccone, e un altro ancora.
Piatti in apparenza semplici ed essenziali, che racchiudono il saper ben fare dello Chef e rimangono memoria. Un’identità chiara, che trova la sua più meritevole esaltazione nelle proposte salate. Da non perdere il risotto, gestito magistralmente dallo Chef che nasce in terra di risaie, ma consigliamo anche i percorsi di degustazione per lasciarvi condurre senza timore in un piacevole viaggio di scoperta. Se poi amate l’anguilla, non esitate a provare quella crispy e affumicata di Ristorante Di Rocco, ci darete ragione.

Ecco perché da Di Rocco Bistrot si ha sempre voglia di tornare: per farsi stupire con delicatezza in un ambiente confortevole, dove l’ambiente è ricercato, ma intimo, caldo e accogliente, il sorriso del personale di sala immancabile e la qualità dell’esperienza elevata. Se con le temperature miti pranzare o cenare nella quiete dello spazio esterno a pochi metri dall’isola della Rocca è un privilegio da non lasciarsi sfuggire, gli scorci di verde e di storia incorniciati dalle vetrate delle sale interne creano la giusta e rilassante atmosfera per vivere al meglio le proposte dello Chef.

Da non sottovalutare, anzi da premiare, la proposta per il solo aperitivo: ottima la carta dai vini, azzeccati e sfiziosi gli analcolici, così come i cicchetti. Insomma, se capitate all’orario giusto e non avete la possibilità di fermarvi più a lungo, un bell’omaggio a uno dei più noti rituali veneti e veneziani va fatto, e goduto.

Lo Chef

Classe ’84, Davide Di Rocco, nato a Robbio in provincia di Pavia, sogna da bambino di pilotare un caccia, ma la vita lo porta ad impegnarsi nel settore della ristorazione con lo stesso impegno con cui avrebbe volato.

Incoraggiato da una solida famiglia che lo sostiene in tutti i suoi impegni, inizia molto giovane il suo percorso professionale che comporta un immediato distacco dai luoghi della sua infanzia e adolescenza

Stagione all’Abetone in piena estate, stagista a Villa Crespi inizia a comprendere quale sarà la sua strada che lo porta a lavorare in hotel 5 stelle superior, il massimo della valutazione per una struttura.

La collaborazione con Paolo Platini, lo ha formato negli anni trascorsi tra Toscana e Svizzera, fino a quando acquisita la giusta sicurezza ha proseguito la sua avventura di vita e di lavoro da solo.

Dopo un passaggio al Place di St.Moritz  e all’ hotel Bauer di Venezia, lo porta ad incontrare una nuova cucina, quella gourmet, un altro mondo.

Con Giovanni Ciresa inizia la conoscenza del mondo degli stellati che continua nella cucina di Carlo Cracco, al quale deve una formazione a 360° e il ruolo di secondo di Alessandro Breda al Gellius.

Da qui al Relais Villabella il passaggio da secondo alla posizione di chef, con il compito tenere le redini della cucina.

Forse lo ricorderete anche al Fuel di Padova, dove ha avuto la possibilità di esprimersi al meglio e avere i primi riconoscimenti da parte le guide del settore.

Oggi lo troviamo al timone di un ristorante che merita una cucina degna della location in cui si trova e ci pare il ruolo di Capitano gli calzi benissimo.

.

Ristorante Di Rocco

Via Ca’ Matta 15/17, 30033 Noale (VE)
Telefono: 041-8892058
contatti@dirocco.srl

sitoweb

Orari

Aperto a pranzo e a cena il lunedì, il venerdì, il sabato e la domenica. Aperto solo a cena il mercoledì e il giovedì, chiuso il martedì.

Orari Aperitivo

11.30 – 14.00 | 18.30 -22.30

Articolo precedenteGiornata delle Ville Venete: 50 meraviglie aprono le porte
Articolo successivoLe fave dei morti, la tradizione veneziana e le lumere venete
Vicentina di origine, padovana d'adozione, gira il Veneto in lungo e in largo per diletto e lavoro. Founder di Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative est.1971, Docente di Comunicazione all' Università IUSVE e al Master Food & Wine 4.0, Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo di #UnitiInRete, Associazione impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un manager nel settore del marketing e della comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.