Sabato 20 e domenica 21 gennaio Breganze celebra il suo vino più famoso per la Prima del Torcolato. Visite e degustazioni nelle aziende e cerimonia in centro storico.

A noi di Sgaialand, si sa, piace il vino, eccome se ci piace! Se poi si tratta di quello della Terra delle Meraviglie, sapete che ci piace coinvolgervi in tutte le attività e iniziative proposte dal territorio per valorizzare questo importante patrimonio, di fama internazionale. Oggi vi portiamo alla scoperta della Festa della Prima del Torcolato – avete mai sentito parlare della Strada del Torcolato?  La Strada del Torcolato e dei Vini di Breganze è un percorso enoturistico che si sviluppa nella fascia pedemontana vicentina compresa tra le vallate dei fiumi Astico e Brenta, all’interno della zona Breganze DOC.

A Breganze ormai è tutto pronto per l’imminente, grande festa della Prima del Torcolato di domenica 21 gennaio. Il programma per il pubblico prende avvio al mattino con il Fruttaio Tour – Scopri come e dove nasce il Torcolato: dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 19 nove produttori del territorio accoglieranno i visitatori per svelare i segreti del celebre passito. Ogni cantina proporrà abbinamenti curiosi e ricercati per scoprire la versatilità di un vino che non solo è ottimo abbinato ai dolci, ma sa stupire nell’incontro col salato.

La piazza del paese si animerà fin dal mattino alle 9 con il mercatino dei prodotti tipici del territorio organizzato dalla Strada del Torcolato. Nel pomeriggio, alle 15, ci sarà la sfilata della Magnifica Fraglia del Torcolato che proseguirà poi con la cerimonia di investitura dei nuovi confratelli. La spremitura col torchio a mano delle uve conferite da tutti i soci sarà sicuramente il momento più dolce della giornata. Qui il pubblico presente potrà assaggiare il mosto appena ottenuto. Inoltre per tutto il pomeriggio sarà possibile degustare tutti i torcolati della denominazione nello stand della Strada del Torcolato. I più temerari potranno provare l’ebrezza di un brindisi ad alta quota: anche quest’anno verranno riproposte le visite guidate alla Torre Diedo, il campanile di Breganze, terzo più alto nel Veneto e quattordicesimo in Italia che si concluderanno con la degustazione di un calice di Torcolato tra le campane.

L’evento prevede un’anticipazione nella giornata di sabato 20, quando il Sommelier campione del mondo Luca Gardini condurrà la master class Breganze chiama Bordeaux: cinque eccellenze della Breganze DOC (Breganze DOC Cabernet 2013 Cà Biasi; Breganze DOC Cabernet Riserva Kilò 2013 Cantina Beato Bartolomeo da Breganze; Breganze DOC Cabernet 2013 Due Santi Vigneto Due Santi; IGT Veneto Rosso 2013 Fratta Maculan; IGT Veneto Rosso 2007 Valletta Firmino Miotti) e quattro vini rossi d’Oltralpe (Chateau Margaux 2014 1er Cru Margaux; Chateau Haut – Brion 2014 1er Cru Pessac – Leognan; Chateau Pavie 2007 Saint Emilion Grand Cru e Bellevue Mondotte 2007 Saint Emilion Grand Cru) saranno i protagonisti di un attesissimo confronto. La degustazione è a numero chiuso ed è aperta a tutti gli appassionati di grandi vini, previa prenotazione entro giovedì 16 gennaio 2018.

Per info e prenotazioni: Associazione Strada del Torcolato e dei Vini di Breganze – Tel 0445 300595; Cell 333 1938773; Mail stradadeltorcolato@gmail.com 

prima del torcolato 2018

 

Articolo precedenteLorenzo Live 2018: sei date all’arena di Verona
Articolo successivoFoodora arriva a Verona, sulle vostre tavole e all’Università
Vicentina di origine, padovana d'adozione, gira il Veneto in lungo e in largo per diletto e lavoro. Founder di Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative est.1971, Docente di Comunicazione all' Università IUSVE e al Master Food & Wine 4.0, Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo di #UnitiInRete, Associazione impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un manager nel settore del marketing e della comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.