Alzi la mano chi  d’estate vorrebbe andare al lavoro in bicicletta, ma abbandona l’idea non appena realizza che Federica Pellegrini, dopo i suoi 100 stile libero, arriverebbe più asciutta di noi. Io la alzerei insieme a molti di voi, penso. Preziosi minuti dedicati a make-up o alla scelta della nostra camicia migliore…per poi presentarsi sul posto di lavoro in condizioni pietose! Da brava sportiva curiosa quale sono, sabato scorso non mi sono fatta sfuggire l’opportunità di partecipare ad una delle tappe italiane di “Askoll On Tour “ per provare eB1, la nuova bici elettrica di Askoll, mezzo che mi ha sempre attirato, ma verso cui nutrivo qualche perplessità. L’occasione era golosa: scorrazzare per Vicenza con amici e fidanzato e sperimentare le nuove frontiere della sostenibilità , tema a noi tutti sempre più caro.

askoll

Ad accogliermi allo stand di Askoll Mobilità c’erano: 36 afosissimi gradi, numerose giovani guide disposte a pedalare con me e  bellissime bici colorate schierate e  pronte per essere scelte e testate. Già, la prima cosa che ho potuto rilevare con sorpresa, infatti,  è stato proprio il design estremamente accattivante! Mi aspettavo una linea più tozza e goffa, che difficilmente avrebbe sostituito la mia city bike del cuore. A questo aggiungiamo:  una gamma di colori  very cool e per tutti i gusti, gli stilosi freni alla francese,  manopole del manubrio in  pelle, seduta comoda e una batteria di dimensioni davvero molto contenute, ma ultra efficiente e che garantisce  oltre 100 km di autonomia. Ora, o siete Cipollini…o 100 km al giorno dovrebbero bastarvi. E  comunque, se siete Mario Cipollini, la bici elettrica non vale 😉

Dopo avere scelto la bici per me ( potevo lasciarmi sfuggire il pink di Sgaialand?!) e per il mio fidanzato, sono partita per il test in compagnia di due simpaticissimi addetti dello stand, Francesca e Alberto, che non potrò mai ringraziare abbastanza  per la pazienza dimostrata in occasione di tutte le pause forzate imposte dalla blogger per raccogliere materiale fotografico!

La mia sfida, però, era una: riuscire a scalare Monte Berico senza fare fatica. Ragazzi, missione compiuta!! In pochissimi minuti, senza fatica, senza sudare e con la pedalata assistita del mio bolide Askoll, ho raggiunto il traguardo più ambito!!

unnamed (7)

Qualche minuto per ammirare lo splendido panorama di Vicenza dall’alto e via come schegge al campo base! Confesso che, nel corso della lunga discesa da Monte Berico,  ho pensato davvero di spiccare il volo, ma anche il test freni è stato ampiamente superato! Che LI-BI-DI-NE .

Prima di salutare tutti i gentilissimi addetti dello stand, ho dovuto accontentare Giulio e fargli provare eS1, lo scooter elettrico sempre by Askoll. Bello, glam e sicuro!  Glielo dovevo, essere il fidanzato di una blogger è impegnativo 🙂

Ah, stavo per salutarvi  dimenticando un dettaglio importante della bici: sapete quanto costa  un ciclo completo di ricarica della batteria?! 0,05 Euro! Basta estrarre la batteria dal vano e collegarla ad una normale presa elettrica! Fine dell’inquinamento e inizio del risparmio! Sarà per questo che stanno andando a ruba?! Io un gran bel pensiero lo sto facendo e il mio compleanno non è tra molto 🙂 Se volete saperne di più, non perdetevi le prossime tappe italiane  del tour e visitate  da qui il sito Askoll!

#prendilasgaia, meno fatica e più divertimento!

Grazie ancora  a tutto il team di Askoll Mobilità presente a Vicenza e alla prossima avventura!

P.S. Quanto è bella Vicenza?

Gaia

 

 

Articolo precedente#prendilasgaia a …Sidney, Australia!
Articolo successivoMossano e la valle dei mulini, meraviglia dei Colli Berici
Founder del progetto veneto Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative, Docente all' Università IUSVE dei corsi " Psicologia del Marketing e dell'Advertising" e " Influencer Marketing". Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo dell’Associazione di Promozione Sociale #UnitiInRete, impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un comunicatore con cui condividere la sua passione per la comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.