musme

Inaugurato il 5 giugno 2015, il Musme di Padova è già considerato un’eccellenza a livello nazionale che attira sempre più curiosi, offrendo un’esperienza interattiva per grandi e piccini.

 

MUSME, Padova.

Si tratta di un museo di nuova generazione che racconta, con linguaggio rigoroso ma accattivante, lo straordinario percorso della Medicina da disciplina antica a scienza moderna, con particolare attenzione alla storia della Scuola medica padovanaIn equilibrio tra passato e futuro, il MUSME rivoluziona totalmente il concetto di Museo scientifico, coniugando Storia e Tecnologia. 

Il Musme, infatti, rappresenta l’ncrocio tra una tradizionale collezione di reperti e un vero e proprio Science Centre; fonde e rinnova gli approcci museali riuscendo a conquistare tutti e proponendo un percorso espositivo che si adatta al visitatore: dalla narrazione giocosa per i più piccoli all’approfondimento per gli studiosi. Ecco perchè, nonostante sia aperto da poco più di due anni, il Musme di Padova è entrato di diritto tra le mete consigliate e da non perdere quando si ha in programma una gita a Padova, o nella Terra delle Meraviglie!

Musme: quando la medicina incontra il digitale

Nel 2015 ha vinto il prestigioso premio “eContent Award Italy” per i migliori contenuti e servizi in formato digitale nella sezione “eLearning & Science” e in pochi mesi ha scalato le classifiche di Tripadvisor, dove ha raggiunto il 6° postotra le 200 cose da fare a Padova.

Il successo è stato notevole, in particolare modo con le scolaresche: le centinaia di classi in visita hanno innescato un passaparola che ha fatto crescere l’afflusso di visitatori di mese in mese. L’augurio è che questo trend positivo si confermi negli anni, anche grazie al rinnovamento continuo delle proposte espositive e didattiche.

musme

 

MUSME: l’innovazione del passato incontra quella di presente e futuro

La sede stessa del MUSME ci parla di straordinarie innovazioni nel nostro passato.

Il Museo, infatti, è allestito nel palazzo quattrocentesco che fu sede del primo ospedale padovano, costruito nel 1414 dai coniugi Sibilia de’ Cetto e Baldo Bonafari da Piombinol’ospedale di San Francesco Grande. Nella seconda metà del ’500 fu in questi locali che, per la prima volta al Mondo, gli studenti di Medicina iniziarono a imparare la pratica clinica direttamente al letto dei malati, gettando le basi del moderno approccio didattico in Medicina.

L’ospedale di San Francesco fu attivo per quasi quattro secoli, fino al 29 marzo 1798, quando fu sostituito da un nuovo ospedale, voluto dall’allora vescovo di Padova Nicolò Giustiniani: l’Ospedale Giustinianeo.

Insomma, il museo Musme oggi rappresenta per tutti l’opportunità di toccare con mano l’universo della medicina, in un’esperienza che ammicca all’innovazione del presente e del futuro, senza dimenticare le straordinarie imprese del passato. Un pomeriggio ben speso per tutta la famiglia. Nelle scorse settimane, la community di Igers Padova ha organizzato una bellissima iniziativa, che ha visto coinvolti Instagramers di Padova in una serata alla scoperta del Musme, per l’occasione chiuso al pubblico e lasciato in balia degli scatti dei fotoamatori. Potete trovarli cercando su Instagram l’hashtag #EmptyMusme!

 

Sito web 

Via San Francesco, 94
35121 Padova

 

Articolo precedenteRio Terà dei Pensieri: a Venezia il 2° store italiano di Economia Carceraria
Articolo successivoFortuna e Gioco in una grande mostra alla Fondazione Benetton
Vicentina di origine, padovana d'adozione, gira il Veneto in lungo e in largo per diletto e lavoro. Founder di Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative est.1971, Docente di Comunicazione all' Università IUSVE e al Master Food & Wine 4.0, Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo di #UnitiInRete, Associazione impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un manager nel settore del marketing e della comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.