Riapre al pubblico di Padova e non solo la magnifica Sala dei Giganti, un tempo Sala degli Eroi. La Sala è aperta al pubblico ogni primo sabato di ogni mese da domani 3 febbraio: due i turni di visita guidata, alle 10.30 e alle 11.30.

Amici di Sgaialand, ecco una notizia che non può non essere presente anche su Sgaialand Magazine. Vi parliamo della Terra delle Meraviglie in tutte le sue forme: dall’arte, all’architettura, al cibo, eventi, innovazione, curiosità, personaggi, tendenze e belle storie di vita o di successo. Ecco perché non possiamo segnalarvi la possibilità di visitare la splendida Sala dei Giganti, nel cuore del centro di Padova!

La Sala detta “dei Giganti” era in origine uno dei principali ambienti di rappresentanza del palazzo dei Carraresi, signori di Padova nel Trecento, ed era decorata da un ciclo di affreschi con uomini famosi della storia antica, basato sull’opera De viris illustribus di Francesco Petrarca, già ospite e amico di Francesco I da Carrara.

Verso la metà del Cinquecento la Sala, all’epoca in rovinoso stato di conservazione, fu restaurata nell’ambito di un ampio intervento di ristrutturazione della ex Reggia Carrarese, trasformata sotto il dominio veneziano nel palazzo del Capitanio, sede dell’autorità preposta al comando militare di Padova dalla Repubblica Serenissima.

Tra il 1539 e il 1541 il capitano di Padova Girolamo Corner, esponente di una importante famiglia veneziana, promosse una nuova decorazione della sala, riproponendo, pur con significative varianti nella selezione dei personaggi illustri, ma con analogo intento didascalico e celebrativo, lo schema e i soggetti di quella trecentesca.

Sulle due pareti lunghe, negli spazi scanditi da finte colonne, si succedono 44 figure di re e imperatori (da Romolo a Carlo Magno) e di personaggi dell’età repubblicana, proposti come esempi di valore militare, di buon governo, di giustizia e di pace; sulle pareti brevi, invece, sono raffigurati sei celebri uomini di lettere patavini o legati all’ambiente padovano, a sancire l’importanza della città liviana con la sua università quale supremo polo culturale del territorio veneto.

Info utili: 

Biglietti: €3,50 (biglietto ridotto per studenti e gruppi €2,00), possono essere acquistati 15 minuti prima dell’inizio di ogni visita guidata, presso l’Arco Vallaresso, all’ingresso della Sala.
Sarà possibile visitare la Sala dei Giganti su richiesta, per gruppi di almeno dieci persone, scrivendo a visiteguidate.bo@unipd.it.

Per maggiori info:  http://www.unipd.it/visite-sala-giganti

Articolo precedenteZanze XVI, a Venezia l’osteria dove pagare anche in bitcoin
Articolo successivoItinerando: dal 9 all’11 febbraio Padova Fiere si trasforma in un parco interattivo
Vicentina di origine, padovana d'adozione, gira il Veneto in lungo e in largo per diletto e lavoro. Founder di Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative est.1971, Docente di Comunicazione all' Università IUSVE e al Master Food & Wine 4.0, Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo di #UnitiInRete, Associazione impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un manager nel settore del marketing e della comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.