Il brand veneto Dainese, noto in tutto il mondo, ha di recente inaugurato il DAR Dainese Archivio, un’esposizione permanente che racconta la storia e le evoluzioni dell’azienda, il suo impegno per la protezione degli sportivi, ma anche le idee e i numerosi progetti sviluppati fino ad oggi. Dal primo paio di pantaloni per motocross del 1972 alle tute per gli astronauti.

“È il lavoro, l’impegno di una vita che prende forma” , così Lino Dainese definisce il grande viaggio che porta oggi all’inaugurazione di DAR Dainese Archivio. “DAR non è un museo, è l’archivio in divenire di un’azienda che guarda al futuro.”

DAR, acronimo per Dainese ARchivio, è un’esposizione permanente fortemente voluta dal fondatore di Dainese, che presenta le idee, le innovazioni, le persone, i progetti nati dalle suggestioni di quel viaggio, dai quali hanno preso vita i prodotti che hanno reso Dainese un marchio conosciuto in tutto il mondo.

DAR Dainese Archivio

DAR è  prima di tutto un vero e proprio viaggio nel mondo Dainese, lungo il quale anche chi non è motociclista potrà toccare con mano il costante impegno che ha consentito alla vicentina Dainese di trasferire le tecnologie sperimentate e messe a punto nelle competizioni moto e sci alla protezione dell’uomo nello sport e nelle sue attività quotidiane, con un processo che attribuisce un valore nuovo e inaspettato.

900 metri quadrati di pura esperienza con exhibit interattivi, oltre 500 tute autentiche da toccare con mano, 20 sezioni tematiche e un curatore d’eccellenza: il fondatore, Lino Dainese.

DAR Dainese Archivio nasce prima di tutto con l’ambizione di fornire alle nuove generazioni uno stimolo a realizzare le proprie idee, a perseguire tenacemente i propri obiettivi, e lo fa presentando le esperienze che iniziano nel 1972 da un garage di Molvena con il primo paio di pantaloni in pelle da motocross e arrivando alle tute per gli astronauti, passando attraverso i piloti, gli atleti, la Ricerca e Sviluppo e soprattutto le persone, che hanno accompagnato il raggiungimento di importanti primati.

Una storia che, siamo certe, vedrà ancora numerosi capitoli e che saremo ben lieti di raccontare su Sgaialand Magazine. Nel frattempo, cari centauri e curiosi della Terra delle Meraviglie, le sgaie vi hanno avvisato: il DAR Dainese Archivio vale una visita, per sognare ad occhi aperti, rivivere i brividi e le emozioni del passato e abbracciare insieme a Lino Dainese e ai suo staff quelle del futuro!

Articolo precedenteNasce la Compagnia Giovani del Teatro de LiNUTILE e sfida la dipendenza dai social
Articolo successivoMaison HAND Padova, lo scrigno del design all’ombra della Cappella degli Scrovegni
Founder del progetto veneto Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative, Docente all' Università IUSVE dei corsi " Psicologia del Marketing e dell'Advertising" e " Influencer Marketing". Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo dell’Associazione di Promozione Sociale #UnitiInRete, impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un comunicatore con cui condividere la sua passione per la comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.