Lo Studio Bricolo Falsarella vince la “Medaglia dell’Architettura del Vino” con un progetto di recupero e ampliamento di Cantina Gorgo a Custoza

Il concorso, ideato dall’Ordine degli architetti di Treviso in collaborazione con il Comune di Valdobbiadene, ha come obiettivo la valorizzazione dei territori DOCG, DOC e IGT a livello nazionale. La giuria ha elogiato il progetto della Cantina Gorgo per la sua capacità di coniugare trasformazione, cura e valorizzazione del paesaggio, attraverso un processo di riuso e ampliamento dell’esistente.

Fondato da Filippo Bricolo e Francesca Falsarella, lo studio è rinomato a livello nazionale e internazionale per le sue opere pubblicate sulle più importanti riviste di architettura come Casabella e Abitare. La filosofia dello studio si basa sulla creazione di architetture che dialogano con il contesto, valorizzando il patrimonio esistente e creando nuove relazioni tra uomo e paesaggio.

Il progetto: un’interpretazione contemporanea del Brolo

Il cuore del progetto è la reinterpretazione in chiave contemporanea del Brolo, un giardino ad Hortus conclusus che si trovava sul retro delle ville venete. Questo spazio vuoto, contrariamente alla tendenza delle architetture contemporanee del vino che prediligono spazi pieni e imponenti, invita il visitatore a rallentare, riflettere e degustare i vini in un ambiente di pace e raccoglimento, immerso nel paesaggio delle colline moreniche.

Lo studio ha creato un luogo che media perfettamente il rapporto tra l’azienda agricola e la campagna coltivata, utilizzando materiali naturali e creando atmosfere avvolgenti. Questo approccio ha permesso di sviluppare una nuova sinergia con il territorio, senza ricorrere a architetture iconiche, ma valorizzando invece l’essenza del paesaggio circostante.



Siamo entusiasti di questo importante riconoscimento – commentano gli architetti Francesca Falsarella e Filippo Bricolo – che ci spinge a continuare la nostra ricerca di un’architettura umanizzante, che cerca una nuova relazione tra l’essere umano e il territorio. L’architettura del vino rappresenta un’occasione importante per la valorizzazione dei nostri territori. Il nostro approccio mira a creare una sinergia con i bellissimi paesaggi dove operiamo, lavorando sui materiali, sulle atmosfere e sugli spazi avvolgenti e rivelatori.”

Riconoscimenti e Premi

Il progetto della Cantina Gorgo ha già ricevuto numerosi riconoscimenti:

  • Premio IN_ARCHITETTURA 2023: per i migliori interventi realizzati nel Triveneto.
  • Menzione Speciale al Premio Architetto Italiano 2022: del Consiglio nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori.
  • Premio ARCHITETTIVERONA 2021: per la migliore opera realizzata in provincia di Verona.

La Cantina Gorgo

La Cantina Gorgo, guidata da Roberta Bricolo, rappresenta una realtà storica nel panorama vinicolo veronese. Fondata nel 1975 dai genitori Alberta e Roberto, l’azienda si è sempre dedicata alla produzione dei classici vini di questa affascinante zona tra Verona e il Lago di Garda. I genitori di Roberta hanno rinunciato alle attività delle rispettive famiglie per inseguire insieme il sogno di una cantina vinicola, investendo corpo e anima in questa avventura. Il coraggio e la fantasia di Roberto, uniti all’eleganza e alla determinazione di Alberta, hanno portato i loro vini a ottenere riconoscimenti sia a livello locale che internazionale già dagli anni ’80.

Roberta Bricolo, cresciuta tra i vigneti, dopo una carriera da avvocato, ha deciso di seguire le orme dei genitori, sviluppando una passione profonda per il vino e tutto ciò che lo circonda. Con una visione chiara, ha avviato dal 2014 il percorso di conversione biologica di tutti i vigneti dell’azienda, che oggi conta 53 ettari vitati certificati. “Il biologico non è una scelta, è l’unico modo che credo rispecchi la nostra idea di fare vino,” afferma Roberta, sottolineando l’impegno dell’azienda verso la sostenibilità e la salubrità delle uve.

Articolo precedenteBiennale d’Arte 2024: Stranieri Ovunque – Foreigners Everywhere
Articolo successivoIllustri Festival 2024: a Vicenza tre mesi di creatività per riflettere sulla complessità di oggi
Vicentina di origine, padovana da lunga data, gira il Veneto in lungo, largo e obliquo per diletto e lavoro. Founder di Sgaialand.it, co-dirige la storica agenzia di creatività pubblicitaria Caratti E Poletto, è Docente di Psicologia del Marketing & dell'Advertising all'Università IUSVE a Venezia e Verona, e insegna al Master Food & Wine 4.0. Ha portato il format internazionale Fuckup Nigts a Padova, di cui è licenziataria e organizzatrice. Sposata con Giulio e mamma di Cecilia, è anche speaker, ospite e presentatrice di numerosi eventi. Info utili: non levatele la cioccolata di mano.