Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi. Già, però sappiamo bene che dicembre è il mese della lunghissima maratona di aperitivi, cene, pranzi, merende, feste, eventi creati per scambiare gli auguri di Natale con gli amici e ragalarsi un momento di sana convivialità condita da pacchetti, pacchettini e tanti brindisi.

7

Uno di questi, in particolare, è molto atteso da me e i miei amici di sempre: l’Aperivino Nataliscio. Un appuntamento fisso che non delude mai e regala sempre momenti di allegra spensieratezza e convivialità.

Aperivino Nataliscio

Perchè ve ne parlo? Perchè la formula è vincente e facilmente replicabile. Ma cos’è il nostro Aperivino Nataliscio? Ecco gli ingredienti e la ricetta di una serata dicembrina che scalda sempre il cuore e riempie infiniti bicchieri di bollicine e allegria.

Ingredienti:

  • 1 casa accogliente e sufficientemente grande da contenere un gruppo di amici “irrequieto”Aperivino Nataliscio.
  • 1 spolverata  abbondante di atmosfera natalizia.
  • 1 manciata di trash. La potete trovare in qualsiasi negozio di articoli da regalo e addobbi natalizi.
  • 1 pennarello  per scrivere il nome sui bicchieri.
  • tanti calici scalpitanti quanti gli invitati.
  • cibo a volontà, rigorosamente casareccio e homemade.
  • playlist natalizia mooooolto lunga. Consiglio Spotify e una play list a scelta tra quelle sotto la categoria Buone Feste.
  • una giusta selezione di amici.8
  • 1 invito originale da spedire circa 2 settimane prima come Save The Date.
  • 1 sacco di allegria e 3 pacchi di positività.
  • una bella cesta per contenere i fanta-regali.
  • infinite, dico infinite, bottiglie di vino/prosecco/spumante/bollicine…insomma alcool, ma sempre sapientemente gestito.
  • 1 padrone di casa instancabile e con la  vista di 15/10 perchè dovrà  fare in modo che i bicchieri degli invitati non siano mai -MAI!!- vuoti.
  • un selfie stick, inizialmente snobbato da tutti poi conteso come il più pregiato degli oggetti del desiderio.

Procedimento:

  • Qualche settimana prima dell’ Aperivino Nataliscio spedire via mail agli amici un invito colorato e originale per bloccare la data. Attenzione: l’invito ha un’importanza fondamentale, da lì si deve già ben intuire il tipo di serata ( uomo avvisato….). Nell’invito dovranno essere ben chiare dAperivino Nataliscioue istruzioni fondamentali:
  1. Ogni invitato deve portare un regalo ben impacchettato del valore massimo di 10 Euro. Il contenuto deve essere alquanto divertente, originale, insolito.
  2. Ogni invitato deve arrivare provvisto di bottiglia di vino, nonostante il padrone di casa abbia fatto grande scorta per la serata. No wine, no party.
  • Accogliere gli invitati immediatamente con un calice di bolllicine, ancora prima che si tolgano la giacca. Vietato dare tregua e la cosa deve essere chiara fin dall’inizio.
  • Riponete i regali ( RIGOROSAMENTE ANONIMII) degli invitati nella cesta e lasciatela in bella vista fino a quando non sarà l’ora X. Distribuite un po’ di gadget natalizi ai vostri ospiti, da qui in poi lasciate che la serata prenda forma. Il vino aiuta, chevvelodicoafà.
  • Verso le 21,30 comincia lo scambio dei regali, momento clou della serata che deve attenersi a delle rigidissime regole. Ci si siede tutti intorno alla cesta, ognuno deve avere alla propria sinistraAperivino Nataliscio qualcuno. Decidete chi è il primo ad iniziare la pesca, ovviamente è vietato scegliere il regalo che avete comprato voi.
  • Il pescatore di turno, una volta scartato il regalo, potrà decidere se tenerlo o passarlo al suo vicino, che a sua volta avrà le stesse due opzioni. Chi tiene il regalo che gli è stato passato non avrà la possibilità di pescare.

Condite il tutto con un selfie stick, una terrazza con  vista per i fumatori e un barista di fiducia che,  a sorpresa, arriva e prepara un letale White Russian a testa. Buon non Natale a tutti!  Qui sotto qualche foto dell’ Aperivino 2015 di venerdì scorso, la qualità non è delle migliori…colpa delle bollicine?!

#prendilasgaia

Gaia

Aperivino Nataliscio

Articolo precedenteEscape Room: 60 minuti per uscire da una stanza!
Articolo successivoCycled Project: una passione che diventa lavoro!
Vicentina di origine, padovana d'adozione, gira il Veneto in lungo e in largo per diletto e lavoro. Founder di Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative est.1971, Docente di Comunicazione all' Università IUSVE e al Master Food & Wine 4.0, Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo di #UnitiInRete, Associazione impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un manager nel settore del marketing e della comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.