Nel cuore dell’Altopiano di Asiago si trova lo Studio Valeria Lobbia Boutique Photography. Questo luogo magico, guidato dalla sensibilità e dalla maestria della fotografa ritrattista asiaghese Valeria Lobbia, è molto più di uno studio fotografico: è un rifugio di luce, di emozioni, e di esplorazione artistica, dove il viaggio intrapreso insieme a ogni cliente si trasforma in un intimo racconto visivo.

ll viaggio di Valeria Lobbia nella fotografia è intrecciato con la sua storia personale e il suo profondo amore per l’arte visiva. Fin dai primi giorni, la sua infanzia è stata plasmata dagli album curati con amore da sua madre, un preludio al suo destino di narratrice visiva. Crescendo, Valeria ha approfondito la sua comprensione delle arti visive durante gli studi di architettura, un percorso che ha contribuito a plasmare la sua visione unica della fotografia.

Le radici di Valeria affondano nelle terre dell’Altopiano di Asiago, in un connubio di natura e cultura che permea la sua creatività. I boschi cari a Mario Rigoni Stern, le montagne che abbracciano la sua infanzia, fungono da ispirazione costante. Nella sua arte, ritroviamo la magia di quei luoghi: colori che riflettono la natura circostante, atmosfere fiabesche e una connessione profonda con l’ambiente che la circonda.

La decisione di estendere la sua attività a Milano ha radici pragmatiche, un punto di appoggio facilmente accessibile per i corsi e i clienti provenienti da ogni parte d’Italia. Tuttavia, come suggerisce la citazione di Mario Rigoni Stern, anche in questa metropoli frenetica, Valeria porta con sé le radici profonde dell’Altopiano, illuminando gli studi milanesi con i suoi set, le luci e i colori che incarnano la sua identità artistica.

Valeria Lobbia è una studiosa della luce, una virtuosa della fotografia che trova ispirazione nei maestri fiamminghi. Attraverso la sua formazione in architettura, ha affinato la sua attenzione al dettaglio, all’equilibrio e alla composizione, elementi cruciali che traspaiono nei suoi ritratti. Luce, soggetto e fotografo diventano attori principali nella sua danza visiva, una dedica alla tradizione dei grandi pittori che hanno preceduto la sua era digitale.

Il percorso di Valeria si è evoluto nel corso degli anni, trasformandosi da un’autoformazione appassionata a una carriera dedicata interamente alla fotografia professionale. Abbandonare la carriera di architetto è stata una scelta coraggiosa e determinante, un salto nell’ignoto che ha portato la sua crescita a finanziarsi attraverso la passione stessa. La sua ricerca artistica è diventata sempre più personale, una danza creativa che ha affinato nel tempo, giorno dopo giorno, scatto dopo scatto.

Maternità e femminilità sono le categorie fotografiche che hanno catturato il cuore di Valeria. Oltre a essere una fotografa di talento, è una donna, una madre, e questi ruoli fondamentali nella sua vita influenzano profondamente il suo approccio al ritratto. La sua esperienza personale di maternità si traduce in una dedizione speciale verso le donne che si affidano alla sua lente per catturare i momenti pregni di emozioni e significato.

Il viaggio nella fotografia di ritratto di Valeria non è solo tecnica e artistica, ma anche un viaggio emotivo. Empatia è la parola chiave. Ogni servizio fotografico inizia con una consulenza intima, uno scambio di storie, paure e desideri. La capacità di Valeria di comprendere e connettersi con le sue clienti va oltre la fotografia stessa; diventa un atto di creazione condivisa, un’intima collaborazione per svelare l’autenticità di ogni soggetto.

La post-produzione, sebbene presente nel suo processo creativo, è eseguita con parsimonia. Valeria rispetta la perfezione intrinseca di ogni scatto e utilizza la post-produzione come strumento per sottolineare e valorizzare, non per mascherare. Ogni dettaglio è curato con attenzione, ma mai a scapito della genuinità dell’immagine.

La storia dell’arte è una fonte continua di ispirazione per Valeria. La sua educazione artistica, che inizia sin dall’infanzia, si riflette nella sua visione della fotografia come forma d’arte. La bellezza, per Valeria, va oltre l’estetica superficiale: è un concetto profondamente radicato nella sua convinzione che la bellezza salverà il mondo. Questa prospettiva romantica, in sintonia con il movimento artistico del Romanticismo, informa ogni scatto e conferisce un significato più profondo a ogni immagine catturata attraverso la sua lente.

Il valore che Valeria Lobbia attribuisce alla sua arte si riflette nella sua dedizione all’eccellenza. Oltre a essere una fotografa pluripremiata, ha dedicato tempo e cura a perfezionare la qualità delle sue stampe, producendo esclusivamente prodotti di alta qualità. Le sue Stampe Fine Art, realizzate su supporti di cotone o lino, sono testimoni della sua ricerca incessante della perfezione, assicurando che ogni ritratto abbia una durata nel tempo superiore a un secolo.

Riconoscimenti:

  • Ha partecipato a numerosi concorsi internazionali e vinto l’oro al WPI Italy per la categoria Children Portrait nel 2020.
  • Dal 2020 è membro onorario di EPA (Express Photography Award), un’associazione internazionale con base in Brasile, e giudice del relativo concorso internazionale.
  • Nel 2021 ha tenuto una masterclass in diretta mondiale da Castello Ceconi, sede della pregiata Graphistudio, in occasione del Photography Show ed è stata la prima fotografa italiana invitata a questo prestigioso evento.
  • Nel 2022 ha ricevuto un riconoscimento a SWPPI di Londra, posizionandosi tra le migliori 4 nella categoria Creative Portrait.

Lo Studio Valeria Lobbia Boutique Photography è più di uno spazio creativo, è un luogo di connessione e di scoperta. Ogni sessione fotografica diventa un capitolo unico nel libro delle storie visive, scritto a quattro mani da Valeria e dai suoi clienti. Attraverso la sua arte, Valeria Lobbia ci invita a esplorare la bellezza autentica, a scivolare nella profondità di emozioni catturate in uno scatto, e a celebrare la vita attraverso il suo obiettivo magico.

valerialobbia.com

Articolo precedenteLiberi di sognare: una mostra unica rivela a Vicenza la vera anima della pop e beat generation italiana
Articolo successivoIl libro della svolta: “La rivoluzione dell’hamburger. Dalla carne al vegetale, il caso Kioene”
Vicentina di origine, padovana da lunga data, gira il Veneto in lungo, largo e obliquo per diletto e lavoro. Founder di Sgaialand.it, co-dirige la storica agenzia di creatività pubblicitaria Caratti E Poletto, è Docente di Psicologia del Marketing & dell'Advertising all'Università IUSVE a Venezia e Verona, e insegna al Master Food & Wine 4.0. Ha portato il format internazionale Fuckup Nigts a Padova, di cui è licenziataria e organizzatrice. Sposata con Giulio e mamma di Cecilia, è anche speaker, ospite e presentatrice di numerosi eventi. Info utili: non levatele la cioccolata di mano.