cortina d'ampezzo

Nello Scatto delle Meraviglie di oggi, uno scorcio inatteso della meravigliosa Cortina d’Ampezzo. Immagine di Francesca Fornasini

Cortina d’Ampezzo (Anpezo o Ampëz in ladino, Hayden in tedesco, desueto) è un comune italiano della provincia di Belluno in Veneto. Soprannominata la “regina delle Dolomiti”, è il più grande e famoso dei 18 comuni che formano la Ladinia, nonché rinomata località turistica invernale ed estiva, che ha ospitato le Olimpiadi invernali del 1956 ed è teatro di numerosi eventi sportivi di rilevanza internazionale legati alla montagna e agli sport invernali.

Parte della Repubblica di Venezia dal 1420, fino al 1511 era parte integrante del Cadore di cui costituiva una delle dieci centene. Quando il Cadore fu invaso da Massimiliano d’Asburgo all’inizio della guerra della Lega di Cambrai, l’esercito veneto, nel riconquistarlo, rinunciò ad occupare l’Ampezzo per dirigersi verso il Friuli. Sotto l’impero asburgico prima e quello austro-ungarico (1511-1918) poi, il comune faceva parte del Tirolo. Con la semplice denominazione di “Ampezzo del Cadore”, il comune fece parte ancora della provincia di Trento (all’epoca comprendente anche l’Alto Adige) fino al 1923, quando vi fu l’aggregazione del territorio alla provincia di Belluno.

Foto di Francesca Fornasini
Fonte: Wikipedia

Articolo precedenteLe galline padovane scorrazzano nell’aia del Veneto
Articolo successivoAlla scoperta delle Grotte di Oliero, il mondo sommerso dell’acqua
Francesca
Laureata presso la facoltà di Lettere Moderne, a Padova. Tratti distintivi: è gemella. Anima creativa e scrittrice in fiore, nel 2010 è stata finalista del Premio Campiello Giovani. L’amore per la scrittura nasce da un incondizionato amore per la lettura. Conserva l’eco delle parole che ha assimilato e che danno forma e sostanza alle sue idee. Caotica e fervidamente entusiasta della vita, ama misurarla in sorrisi. Fotografa per passione, osserva con stupore il mondo attraverso un paio di occhi verdi a mandorla. Ha fatto delle parole di Alda Merini “sono sempre rimasta fedele alla mia meraviglia” il proprio credo. Semplice ed autoironica, apprezza le piccole felicità quotidiane, collezionandole nel cuore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here