Nel cuore di Venezia è custodita la sede della Tessitura Luigi Bevilacqua, un’azienda che da oltre 150 anni coltiva l’antica arte tessile veneziana combinando tecniche e disegni storici con un tocco di modernità. Si tratta dell’atelier artigianale più antico di Venezia.

La storia della Tessitura Luigi Bevilaqua affonda le sue radici indietro nei secoli, iniziando nel lontano 1499, anno in cui Giovanni Mansueti dipinse, nella cattedrale di Vaduz (Liechtenstein) l’affresco San Marco trascinato nella sinagoga, indicando tra nomi dei committenti un certo Giacomo Bevilacqua Tessitore, antenato della nota famiglia veneziana.
La Tessitura vera e propria, tuttavia, venne fondata nel 1875 da Luigi Bevilacqua e dal suo socio Giovanni Battista Gianoglio, entrambi esponenti del movimento artistico Art and Crafts, che decisero di acquistare un edificio, in Fondamenta San Lorenzo (Sestiere Castello), e di farne la sede di una nuova manifattura tessile.
La scelta di questa prima sede non fu casuale, poiché si trattava di un’antica Scuola della Seta della Serenissima abbandonata all’inizio del secolo, di cui vennero recuperati macchinari e telai, ripartendo da punto in cui i tessuti italiani si erano fermati per trasformare in momento di crisi dell’artigianato in un’occasione di rinascita.

I tessuti realizzati su committenza sono stati moltissimi, nella storia dell’azienda, così come le collaborazioni con grandi artisti, tra cui la svedese Maja Sjöström, che disegnò le stoffe per il Municipio di Stoccolma, e la stilista italiana Roberta di Camerino, che fece applicare a mano pregiati velluti sulla sua linea di borse Bagonghi.
Numerosi sono anche gli edifici prestigiosi che espongono, al loro interno, decorazioni realizzate con i tessuti Bevilaqua: dalle chiese di Venezia, come la Basilica della Salute, fino ad arrivare ai palazzi delle grandi capitali europee e mondiali, diventando elementi fondamentali di diverse azioni di restauro come nel caso del Cremlino.

Per mantenersi fedele alla tradizione familiare, la produzione del caratteristico e pregiato velluto soprarizzo viene tutt’oggi realizzata mediante l’impiego di 18 telai Jacquard azionati a mano da diverse tessitrici, e si contraddistingue per il fatto che ogni millimetro di tessuto viene tagliato manualmente, per un totale 35-40 centimetri al giorno.

Fin dalle origini, la Tessitura è stata diretta dai figli e dagli eredi di Luigi Bevilacqua, fino ad arrivare alla gestione odierna, presieduta dei fratelli Rodolfo Bevilacqua (presidente e responsabile della produzione) e Alberto Bevilacqua (amministratore delegato e responsabile marketing), che si impegnano costantemente per garantire prodotti di eccellente qualità come quelli realizzati dei loro predecessori.

 

TESSITURA LUIGI BEVILACQUA VENEZIA

sede storica
showroom/negozio

Santa Croce 1320
Venezia

COME ARRIVARE

in taxi
è possibile accedere dal Canal Grande a fianco al Giudice di Pace.

in vaporetto
vaporetto n.1 / 5.1 / 5.2 con fermata a Riva de Biasio.

a piedi
imposta il navigatore su Campo San Zandegolà, saremo di fronte in Campiello De La Comare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here