Manca poco al Natale e in tutte le case de #laterradellemeraviglie fervono i preparativi per il tradizionale pranzo in famiglia. Per un buon Natale non dovrà mancare una fetta di Pandoro, ed ecco qualche spunto per stupire i vostri ospiti con un grande classico della tradizione!

Ci siamo, è quasi Natale, tutta la famiglia è riunita per festeggiare, stare insieme, scambiarsi i doni e gli auguri, brindare e abbuffarsi! Non importa quanto pesante o lungo sarà il pranzo, al dessert si arriva sempre e al Panettone o al Pandoro non si rinuncia mai!

pandoro
da Pinterest

Non è un buon Natale senza una sacrosanta fetta di Pandoro, magari con abbondante crema al mascarpone: e allora ecco qualche semplice e rapido spunto per presentarlo ai vostri commensali in modo originale senza troppe difficoltà.
Abbiamo fatto una rapida ricerca in un social network che ci piace molto e che offre numerosi spunti creativi in diversi ambiti: perdersi nelle gallerie dedicate al food su Pinterest è davvero consigliato, si fa incetta di creatività e di dritte utili per tutte le vostre creazioni culinarie.
Così, vi basterà digitare la parola Pandoro sul motore di ricerca interno a Pinterest ed eccovi tante belle immagini a disposizione e pronte ad ispirarvi. Raffinate poi la ricerca aggiungendo qualche altro ingrediente a piacimento e… non avrete più nessuna scusa per presentare il Pandoro intero semplicemente spolverato di zucchero a velo.
A parte le decorazioni in pasta di zucchero – se non avete una buona manualità, meglio procurarsi quelle già pronte al supermercato! -, le altre idee che abbiamo selezionato sono facilmente replicabili e siete assolutamente ancora in tempo per trasformare il vostro Pandoro, perché anche l’occhio vuole la sua parte!
Buoni preparativi e buon Natale a tutti voi!

#prendilasgaia

 

Articolo precedenteIl Museo del Gioiello di Vicenza inaugura “Una storia italiana”
Articolo successivoI teatri del Polesine: quando la Callas e Pavarotti…
Gaia Dall'Oglio
Imprenditrice digitale, ha creato Sgaialand, blog-community diventata un caso studiato anche all'Università. Un progetto innovativo e virale che ha appassionato migliaia di lettori, al punto di moltiplicarsi in attività collaterali, come gli SgaiaTour alla scoperta dei luoghi magici del Veneto e l'hashtag #PrendilaSgaia. Solo su Instagram, l'hashtag è stato condiviso 45.000 volte. Il blog è diventato Sgaialand Magazine e Gaia ha fondato Sgaialand srl, specializzandosi in contenuti web, copywriting, ufficio stampa e digital PR, consulenza per la comunicazione. Oggi coordina un team veneto, continuando a raccontare senza sosta il suo amato territorio: il Veneto che funziona, tra curiosità, storie e meraviglie.