Si alzi il sipario! Dal 19 al 21 maggio a Piazzola sul Brenta va in scena MAPU Festival, il Festival Internazionale del Teatro di figura che fa innamorare grandi e piccini della Terra delle Meraviglie…e non solo!

Più di trenta artisti inseriti nel palinsesto ufficiale, trenta quelli “a cappello”, oltre sessanta spettacoli per una durata totale di 36 ore. A Piazzola sul Brenta dal 19 al 21 maggio andrà in scena la seconda edizione del MAPU (Marvellous Puppetry), Festival Internazionale del Teatro di figura organizzato da Jonathan Cooperativa Sociale in collaborazione con il Comune di Piazzola che lo scorso anno ha fatto sognare grandi e piccini.  Da venerdì pomeriggio a domenica sera la cittadina si trasformerà in un unico mega palcoscenico ed in piazza Camerini, davanti alla prestigiosa Villa Contarini, si concentrerà il clou delle esibizioni.

mapu festivalFra gli artisti principali, direttamente dalla Sardegna Agostino Cacciabue, gli spagnoli Bruno Morera e José Benavente , il tedesco Thomas Herfort , Chumbala Chachumbala (Guatemala), Alberto De Bastiani e Francesca Zoccarato. Coinvolte anche alcune scuole primarie del territorio: le loro rappresentazioni, siamo sicuri, lasceranno a bocca aperta gli spettatori. Da segnalare anche un fuori programma: Circo Paniko il collettivo di più di artisti che si muove con un tendone da circo attrezzato di audio e luci, diversi mezzi per lo spettacolo e i cui spettacoli (saranno due al giorno quelli all’interno del Festival) registrano sempre il sold out (necessaria la prenotazione al numero 333/6298118). A intrattenere ulteriormente il pubblico del Festival saranno presenti anche una sessantina di bancarelle dell’artigianato;  insomma vi abbiamo incuriosito abbastanza?

Lo scorso anno l’evento ha riscosso grande successo, facendo trascorrere a molte famiglie della Terra delle Meraviglie un week-end sicuramente sgaio e allegro, alla riscoperta dell’intramontabile intrattenimento di una volta dove pupazzi, marionette e artisti di strada sono riusciti a runare la scena a smartphone, iPad e videogames.

mapu festival
Ricchissimo il programma vero e proprio: rappresentazioni di burattini, marionette, pupazzi in gommapiuma, ombre cinesi. E poi ancora: parate per le vie di Piazzola, uno spazio ad hoc per bambini con laboratori creativi, costruzione di burattini, giochi di una volta, della tradizione e da tavolo. Nella sala consigliare aperta una mostra del libro illustrato.

“Tutti gli spettacoli del MAPU sono gratuiti – sottolinea la presidente della cooperativa Jonathan Antonella Dorio – Desideriamo offrire alla comunità un’occasione per stare insieme all’insegna del sano divertimento”. “Nell’immaginario collettivo il Teatro di figura viene associato in automatico ai bambini. Non è così. Gli artisti presenteranno delle esibizioni adatte a tutte le età. Proprio grazie al MAPU intendiamo veicolare un messaggio di speranza: siamo chiamati a fare la nostra parte per migliorare la società e, più in generale, il mondo intero”.

Per il secondo anno consecutivo la direzione della rassegna è stata affidata a Sara Celeghin, artista padovana dalle mille risorse: “Puntiamo sulla qualità degli spettacoli. Dopo il successo della passata edizione, con , gli artisti hanno tutti risposto con grande entusiasmo al nostro invito. C’è chi viene a Piazzola dall’altra parte del Pianeta: è un motivo di orgoglio”. Nella cittadina c’è già fermento. Da tre mesi a questa parte dieci ragazzi fra i 18 e i 30 anni, “assunti” nell’ambito del progetto Gps (Giovani protagonisti in scena) della Regione Veneto, stanno lavorando per regalare alla comunità un evento ancor più ricco del precedente.

Per maggiori informazioni e per visionare il programma completo della manifestazione con tutt gli eventi in programma vi invitiamo a visitare il sito ufficiale  o la pagina Facebook di MAPU Festival.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAlla Biennale di Venezia vetro artistico e diamanti con Fornace Orsoni
Articolo successivoL’ Asparago Bianco di Bassano DOP: un viaggio dall’Egitto al Veneto
Gaia Dall'Oglio
Gaia Maria Dall’Oglio, una Laurea Specialistica in Psicologia Clinica Dinamica, una brillante carriera internazionale di 10 anni in ambito HR e da sempre una passione sfrenata per il mondo della comunicazione e dei social media. Dopo aver gestito alcuni blog personali, nel 2014 fonda il progetto Sgaialand.it , blog/community che dopo due anni subisce un processo di trasformazione, diventando Sgaialand Magazine, testata giornalistica. Creando un importante network di contatti locali e non, da blogger veneta Gaia è diventata un'influencer di riferimento per migliaia di lettori del territorio e non solo. Entusiasta, vivace, curiosa, sportiva, non può vivere senza cioccolata e il caffè appena alzata, ama scrivere, i suoi cani, la musica e circondarsi di persone stimolanti, come quelle che ha scelto per la redazione e il progetto Sgaialand!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here