Se siete social addicted come noi, avrete notato che Instagram si è popolato di moltissime foto dedicate alla street art con geotag Padova e Abano Terme grazie all’evento Super Walls. Ecco di cosa si è trattato e perche è davvero innovativo questo progetto.

Come abbattere le emissioni di 156220 auto euro 6 a benzina all’anno, oppure piantare un bosco di alberi ad alto fusto di circa 2000 mq. Sono numeri significativi quelli che porta in dote Super Walls 2019, la prima Biennale di Street Art interamente outdoor, che si è tenuta tra Abano Terme e Padova dal 6 al 16 giugno, regalando alle due città 20 grandissimi murales realizzati su superfici messe a disposizione da realtà pubbliche e private.

super walls 2019

Oltre al valore artistico e culturale, l’iniziativa si è contraddistinta per la sua vocazione sostenibile: i 16 artisti italiani e francesi coinvolti hanno utilizzato per dipingere l’innovativa tecnologia italiana Airlite, le cui pitture, attivate dalla luce, sono note a livello internazionale per la capacità di purificare l’aria depurandola dall’88,8% dagli agenti inquinanti. Questi speciali colori, inoltre, neutralizzano gli odori, eliminano il 99,9% dei batteri, prevengono le muffe, respingono la polvere e lo sporco e riducono i costi energetici fino al 50%: tutte caratteristiche che hanno permesso ad Airlite di essere citata dalle Nazioni Unite tra le quattro tecnologie in grado di rivoluzionare la qualità dell’aria.

Biennale Street Art 2019: artisti e opere

Al festival, che è stato ideato e curato dal gallerista padovano Carlo Silvestrin e dalla critica d’arte Dominique Stella, hanno partecipato alcuni degli artisti italiani più in vista nel panorama della Street Art internazionale, tra cui Axe, Alessio-b, Gabriele Bonato, Boogie.EAD, Joys, Made514, Orion, Peeta, Psiko, Roulè, Tony Gallo e Yama.

È intervenuta, inoltre, la crew de “La Crémerie” di Rennes: Gloar, Fortunes, Mya e Hayku.

Il gemellaggio tra Italia e Francia è frutto di contatti tra i comuni di Abano Terme, Padova e Rennes, che prevedono la partecipazione di un gruppo di artisti italiani a un’analoga manifestazione in programma a ottobre nella città francese.

super walls 2019 padova

Super Walls 2019: la mappa delle opere

Gli artisti hanno avuto a disposizione i seguenti spazi:

YAMA: Abano Terme – Teatro Polivalente, opera su muro.

LA CRÉMERIE: Abano Terme – Edificio fronte Duomo (Quartiere San Lorenzo), opera su muro.

ALESSIO-B: Padova – Abitazione privata (Quartiere Sacra Famiglia), opera su muro.

BOOGIE.EAD e TONY GALLO: Padova – Alì Supermercati (Negozio via Grassi), opera su muro.

BOOGIE.EAD e GABRIELE BONATO Padova – Istituto Rogazionisti (Quartiere Arcella), opera su muro.

GABRIELE BONATO:  Padova – Istituto Rogazionisti (Quartiere Arcella), opera su muro.

PSIKO: Padova, Alì Supermercati (Negozio Terranegra), opera su muro.

TONY GALLO: Padova – Cinema Rex (Quartiere S. Osvaldo), opera su muro.

ROULÈ: Padova – Consorzio ZIP (Zona Industriale), opera su muro.

PEETA: Padova – Condominio privato (Quartiere Arcella), opera su muro.

ORION: Padova – Condominio privato (Zona Fiera), opera su muro.

JOYS: Padova – InfoCamere, opera su muro.

JOYS: Padova – Istituto Rogazionisti (Quartiere Arcella), due opere su muro.

MADE514: Padova – Istituto Rogazionisti (Quartiere Arcella), due opere su muro.

ROULÈ: Padova – Green Logistics Expo, opera su pannelli.

AXE: Padova – MAAP (Zona Industriale), opera su muro.

ALESSIO-B: Mestrino – DAB Pumps, opera su muro *Fuori Biennale.

ALESSIO-B: Padova, Alì Supermercati, (Negozio Quartiere Forcellini) opera su muro *Fuori Biennale.

Ora non vi resta che divertirvi a scoprirle tutte e, magari, postarle in rete!