Oggi, 25 maggio 2018, taglio del nastro per la Panchina degli Innamorati, novità della stagione 2018 del Parco Giardino Sigurtà e simbolo di un progetto nato con il Comune di Bussolengo. Questo angolo, circondato da rose rosse, è dedicato alla vita di San Valentino, Santo Patrono di Bussolengo e protettore degli innamorati.

 

Hai già guardato il video di copertina con le immagini e il racconto del nuovo arrivo al Parco? Per la stagione 2018, che ha preso il via lo scorso 8 marzo, il Parco Giardino Sigurtà, luogo del cuore di noi sgaie e di cui vi abbiamo spesso parlato, ha deciso di dedicare un angolo speciale alle coppie: nelle vicinanze dell’Eremo, si potrà vivere un momento romantico nel verde, fare una dichiarazione all’amato/a o scattare un selfie sulla Panchina degli Innamorati, circondata da favolose rose rosse, simbolo dell’amore. Questa zona è stata realizzata rispettando la morfologia e l’architettura paesaggistica del Parco ed è stata corredata di una bianca panchina che richiama le altre presenti nel Giardino.

panchina degli innamorati

La Panchina degli Innamorati e le rose di San Valentino

Questo roseto è dedicato alla tormentata vita di San Valentino, la cui storia viene narrata nel libro scritto dal giornalista Arnaldo Casali Valentino –  il segreto del Santo Innamorato.

Valentino, convertito al cristianesimo, fu costretto a lasciare l’adorata moglie Silvia: al momento del distacco, il santo ricevette in dono dalla sua amata una rosa di pietra, nota come rosa del deserto, simbolo di amore eterno; S. Valentino conservò gelosamente questo fiore fino al giorno della sua decapitazione e fu seppellito accanto a lui.

Tuttavia San Valentino oltre che protettore degli innamorati è il Santo Patrono di Bussolengo, comune della provincia veronese che sorge a pochi chilometri dal Parco: questo progetto sancisce così la collaborazione con la vicina località.

Le rose che fanno da fantastica cornice alla romantica panchina sono opera di Flover, centro florovivaistico di Bussolengo: si tratta di una rosa rifiorente e resistente che fiorisce sempre tranne nei mesi più caldi; la sua altezza va dai 100 ai 120 cm e nasce da un bocciolo tondeggiante dal colore scuro che poi si trasforma in un rosso scarlatto vermiglio dai riflessi neri all’apertura.

E chi volesse portare a casa un ricordo delle rose rosse e rivivere così il momento di romanticismo, può acquistarle al chiosco gadget interno al Parco.

Erano presenti all’incontro: la Dottoressa Magda Sigurtà, proprietaria del Parco, Paola Boscaini, sindaco di Bussolengo, Leonardo Oliosi, assessore Finanze – Cultura, Arte e Musica – Viabilità e Mobilità – Servizi e Manutenzioni del Comune di Valeggio, Arnaldo Casali, autore del libro Valentino –  il segreto del Santo Innamorato, i fratelli Silvano e Giampaolo Girelli di Flover.

Fantastiche rose come le due varietà in tonalità rosa (Queen Elizabeth & Hybrid Polyantha e Floribunda) che si possono ammirare sul celebre Viale delle Rose con 30.000 esemplari rifiorenti fino ad ottobre.

Senza dimenticare che in questo periodo stanno per sbocciare centinaia di piante annuali e le ninfee diurne, notturne e tropicali, protagoniste nei mesi estivi dei 18 specchi d’acqua del Parco Giardino Sigurtà.

Per scoprire tutte le meraviglie del Parco e il ricco calendario eventi: www.sigurta.it

 

Articolo precedenteTre vicentini e un gatto col casco alla corsa più pazza del mondo: il Mongol Rally
Articolo successivoMa Ramen, Padova: tutti pazzi per il Ramen!
Founder del progetto veneto Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative, Docente all' Università IUSVE dei corsi " Psicologia del Marketing e dell'Advertising" e " Influencer Marketing". Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo dell’Associazione di Promozione Sociale #UnitiInRete, impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un comunicatore con cui condividere la sua passione per la comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.