C’è tempo fino al 9 marzo per iscrivervi a Universerìe 5,  il format unico e originale scritto e interpretato direttamente dagli universitari.

Universerìe è un appuntamento che piace moltissimo a noi di Sgaialand e, se ben ricordate, lo scorso anno abbiamo seguito molto da vicino il percorso che ha portato un vivace e ben assortito team di universitari padovani in scena al ridotto del Teatro Verdi con la quarta stagione del fortunato e originale format. Ebbene, l’ormai celebre mini serie si prepara a tornare con Universerìe 5: dopo la stagione del 2019 che ha visto fuori dal Verdi più 1500 giovani spettatori in fila per assistere alle cinque puntate e alle doppie repliche sold out,  sono nuovamente aperte le iscrizioni per la serie teatrale sulla vita universitaria fatta dagli universitari, ideata e prodotta dal Teatro Stabile del Veneto in collaborazione con la giovane compagnia teatrale Amor Vacui.

(L’incontro dello scorso anno con il regista  di Universerie Lorenzo Maragoni)

New generation patavina

Nella quinta stagione proseguirà il percorso cominciato lo scorso anno con Universerìe – new generation per indagare scelte di vita e vite personali degli studenti che frequentano l’Università degli Studi di Padova attraverso un format rinnovato: un inedito esperimento di “autobiografia generazionale” che mescola finzione e realtà e che produrrà una mini-serie teatrale capace di raccontare la vita universitaria della città di Padova, rendere protagoniste le vite degli universitari, le loro scelte, le loro indecisioni e le loro storie. Un inedito esperimento di instant-drama che mescola finzione e realtà e che si tradurrà in una mini-serie teatrale composta da quattro episodi di circa 20 minuti ciascuno e un finale di stagione che ripercorrerà in un unico spettacolo tutte le puntate.

Gli studenti, coordinati dal regista Lorenzo Maragoni, parteciperanno a incontri di laboratorio dedicati alla drammaturgia, alla messa in scena e ai social media. In questa prima fase attori, drammaturghi e social media manager potranno conoscersi e condividere i materiali utili alla stesura dei testi e raccontare attraverso un “diario di bordo” sui canali social la loro esperienza teatrale e la vita da palcoscenico.

I requisiti particolari

Non occorre essere attori o avere necessariamente maturato precedenti esperienze in ambito teatrale, quindi non abbiate timore di buttarvi! Quest’anno sono apprezzati alcuni requisiti particolari, o almeno uno tra questi: sentirsi parte della vita universitaria patavina, aver visto almeno una serie tv in modo compulsivo, avere o avere avuto durante la vita universitaria un rapporto di amicizia, una storia sentimentale, una scelta di vita non andata proprio come ci si aspettava.

Il bando, disponibile su www.teatrostabileveneto.it e aperto fino al 21 marzo, si rivolge a tutti gli studenti universitari, dottorandi, assegnisti, specializzandi, ricercatori, professori, personale tecnico e amministrativo, collaboratori esterni, magnifici rettori, e a tutti coloro che, a vario titolo, abbiano un rapporto formalizzato con l’Università di Padova.

L’opportunità è sgaia e da prendere al volo, pronti?!

Articolo precedenteFestival Treviso Giallo 2020: giallo, noir e Diabolik a Palazzo dei Trecento
Articolo successivoCammino del Bardolino: 100 km tra vigneti, colline e sapori del Garda
Gaia Dall'Oglio
Imprenditrice digitale, ha creato Sgaialand, blog-community diventata un caso studiato anche all'Università. Un progetto innovativo e virale che ha appassionato migliaia di lettori, al punto di moltiplicarsi in attività collaterali, come gli SgaiaTour alla scoperta dei luoghi magici del Veneto e l'hashtag #PrendilaSgaia. Solo su Instagram, l'hashtag è stato condiviso 45.000 volte. Il blog è diventato Sgaialand Magazine e Gaia ha fondato Sgaialand srl, specializzandosi in contenuti web, copywriting, ufficio stampa e digital PR, consulenza per la comunicazione. Oggi coordina un team veneto, continuando a raccontare senza sosta il suo amato territorio: il Veneto che funziona, tra curiosità, storie e meraviglie.