Ci piace sbirciare e scovare novità, tendenze, storie e curiosità del nostro territorio e condividerle con voi. Il tratto distintivo deve essere il carattere sgaio e Bidone Design ce l’ha, eccome!

Bidone Design nasce da un’idea di Fabio Caramel, titolare della veneziana Nordest Line Srl, azienda di metallizzazione verniciatura industriale di semilavorati in plastica, vetro e semilavorati di piccole dimensioni in metallo.
La sede produttiva è a Marcon (VE) e contribuisce alla realizzazione di prodotti nei mercati alimentari, automotive, dell’arredamento, della cosmetica e molti altri ancora.

In realtà, alla nascita del progetto Bidone Design ha contribuito anche Uguale, un’Associazione di volontariato che organizza eventi e attività con l’obiettivo di realizzare una vera inclusione sociale di persone con disabilità e di cui Fabio è fiero timoniere.

Tre anni fa, con l’obiettivo di creare un allestimento per uno degli eventi inclusivi di Uguale, in Nordest abbiamo verniciato i fusti di vernice che normalmente utilizziamo nel nostro processo produttivo riscontrando un grande entusiasmo tra la gente.

Il #PrendilaSgaia: quando “prendere un bidone” assume un significato positivo.

Dal 2018 l’azienda ha quindi intrapreso un percorso di recupero di tutti gli imballaggi metallici utilizzati nella propria attività e di quelli fallati provenienti da terzi, che rappresentano scarti di lavorazione. La mission? Recuperare, rigenerare, dare vita nuova.
Ecco che allora Bidone Design trasforma i fusti metallici in componenti d’arredo: fusti di metallo di capacità 30-60 litri si trasformano in tavolini, sgabelli, comodini, porta-piante e arredamento su misura, dove estetica e funzionalità si incontrano in una soluzione contemporanea e duratura nel tempo, grazie alla robustezza del materiale. Ci ha colpito perché è sgaio come noi, è unconventional e ready-made, pratico e reinterpreta con stile eclettico e creatività materiali essenziali e grezzi.

Lo diceva anche De Andrè: “Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior”, un concetto che riassume l’essenza di nobilitare materiali che sarebbero destinati a rifiuto.

L’obiettivo a medio/lungo termine è realizzare un’economia circolare della mia azienda al 100% dove tutti gli scarti di lavorazione trovano una nuova funzione di utilizzo. Attualmente, a causa di limiti normativi italiani a riguardo delle tematiche ambientali “end of waste”, ci limitiamo a trasformare in oggetti di design imballaggi metallici contenenti materiali non inquinanti.

Da quest’anno la famiglia si è allargata con l’entrata del prodotto V-GARDEN: utilizzando Plastica di Seconda Vita, Fabio Caramel e Elia Barzan hanno sviluppato un giardino verticale modulare.

Prendere un bidone non è mai stato così cool e sostenibile, e potete farlo sullo shop online dell’azienda, dove troverete tutte le varianti disponibili. Sgaialandiani avvisati, sgaialandiani responsabilizzati!

Articolo precedenteAutunno di grandi mostre in Veneto
Articolo successivoTensioni Festival: a Rovigo protagonista la geografia delle relazioni
Gaia Dall'Oglio
Imprenditrice digitale, ha creato Sgaialand, blog-community diventata un caso studiato anche all'Università. Un progetto innovativo e virale che ha appassionato migliaia di lettori, al punto di moltiplicarsi in attività collaterali, come gli SgaiaTour alla scoperta dei luoghi magici del Veneto e l'hashtag #PrendilaSgaia. Solo su Instagram, l'hashtag è stato condiviso 45.000 volte. Il blog è diventato Sgaialand Magazine e Gaia ha fondato Sgaialand srl, specializzandosi in contenuti web, copywriting, ufficio stampa e digital PR, consulenza per la comunicazione. Oggi coordina un team veneto, continuando a raccontare senza sosta il suo amato territorio: il Veneto che funziona, tra curiosità, storie e meraviglie.