Poggio Dei Vicari a Teolo (PD) è il risultato dell’incontro tra Marco Bartolotta e lo Chef Carlo Scanferla. Passione, dedizione, studio e lavoro danno vita a una nuova, imperdibile ambizione, tutta da provare. Con vista, e che vista.

Il concept del Ristorante Poggio Dei Vicari nasce dal desiderio di esprimere appieno le potenzialità culinarie del territorio veneto e dei Colli Euganei; a realizzarlo Chef Carlo Scanferla che, grazie a un percorso di studi che lo ha condotto tra le più rinomate cucine italiane e internazionali, riesce a rielaborare in modo sorprendente i gusti della tradizione e creare nuove esperienze sensoriali.

L’ambizione del giovane e appassionato imprenditore Marco Bartolotta è quella di creare una vera e propria novità nel panorama della cucina del territorio, un luogo dove sperimentare nuovi sapori e abbinamenti, dove trascorrere piacevole serate scandite da qualità, gusto e curiosità. Ciò che contraddistingue Poggio Dei Vicari è infatti l’innovazione: Bartolotta e Chef Carlo Scanferla hanno deciso di sconvolgere un territorio meraviglioso senza fargli perdere la sua essenza e rinunciare alle sue straordinarie materie prime. Qui quasi tutto ciò che vi verrà proposto non è ciò che sembra, a partire dai finti cannoli siciliani e macaron, dagli apparenti pomodorini, dal fico ripieno servito insieme ad un memorabile petto d’oca. Provare per credere.


Poggio dei Vicari: parola d’ordine “emozionare e stupire”

Lo stimolo nasce dalla frase forse un po’ inflazionata nel settore della ristorazione “rivisitazione di piatti tradizionali in chiave moderna” e dal desiderio di rivedere maggiormente la materia, di spingersi oltre, di stravolgere mantenendo una chiara identità. L’obiettivo di Poggio dei Vicari diviene così emozionare gli ospiti e regalare stupore nel ricordare i piatti di una volta.

Ogni piatto di Chef Scanferla ha come protagonista un ingrediente che automaticamente riporta a una ricetta della tradizione: scelto con il requisito fondamentale della qualità, viene poi lavorato in modo da esaltarne il sapore alla massima potenza. Il risultato è un piatto apparentemente semplice, ma dal gusto memorabile.

I due menù degustazione, Tradizione e Evoluzione, sono una continua riscoperta di sapori antichi e tradizionali con un ammodernamento delle tecniche culinarie che rendono giustizia alle più recenti tendenze di questa scienza, rispettando sempre la stagionalità delle materie prime. Ogni portata viene presentata nel dettaglio dal giovane personale di sala o dallo Chef stesso ed è accompagnata da una sapiente selezione di vini a cura del sommelier.

A fare da cornice a questa intensa e inedita esperienza culinaria un ambiente giovane, dinamico, ricercato. Gli ospiti vengono accolti con cortesia e competenza in una villa che domina il paesaggio circostante i Colli Euganei. L’atmosfera calda e accogliente induce chi si siede al tavolo a rivolgere l’attenzione ai veri protagonisti della scena: i piatti e lo scenario naturale in cui è -letteralmente- incastonato Poggio dei Vicari. Se è vero che è altamente consigliata una cena a lume di candela a bordo terrazza, lo è altrettanto un buon aperitivo sui divanetti tra le pareti rocciose.


Poggio dei vicari

Via Chiesa 1, Teolo (PD)
www.poggiodeivicari.it
Consigliata la prenotazione, chiuso il lunedì

Articolo precedenteTEDxCortina 2020: a 2778 metri 10 speaker, tra #emergenze e meraviglia
Articolo successivoHeroes: all’Arena di Verona il primo grande concerto in streaming
Gaia Dall'Oglio
Imprenditrice digitale, ha creato Sgaialand, blog-community diventata un caso studiato anche all'Università. Un progetto innovativo e virale che ha appassionato migliaia di lettori, al punto di moltiplicarsi in attività collaterali, come gli SgaiaTour alla scoperta dei luoghi magici del Veneto e l'hashtag #PrendilaSgaia. Solo su Instagram, l'hashtag è stato condiviso 45.000 volte. Il blog è diventato Sgaialand Magazine e Gaia ha fondato Sgaialand srl, specializzandosi in contenuti web, copywriting, ufficio stampa e digital PR, consulenza per la comunicazione. Oggi coordina un team veneto, continuando a raccontare senza sosta il suo amato territorio: il Veneto che funziona, tra curiosità, storie e meraviglie.