Grazie al nuovo progetto di Vicenza for children “Adotta un papero”, sarà possibile adottare virtualmente un bambino che ha bisogno di cure in ospedale, e un dolcissimo papero unico e personalizzato.

Vicenza for Children è un’Associa­zione di volontariato operativa che, in sinergia con il personale sanitario dell’Ospedale S. Bortolo di Vicenza (e non solo), offre ai bambini e alle loro famiglie un supporto economico, emotivo e affettivo. Sostiene le famiglie in difficoltà garantendo ai bambini un servizio aggiuntivo e contribuendo all’acquisto di medicinali e strumenti elettromedicali per gli Ospedali vicentini di riferimento.

Nell’ambito di specifici progetti, inoltre, si adopera per effettuare interventi di ristrutturazione degli spazi ospedalieri, per rendere gli ambienti più funzionali e accoglienti, sempre in un’ottica di miglioramento dei servizi rivolti piccoli.

Vicenza for Children nasce dall’unione di forze di tante famiglie e di tanti volontari che offrono tempo, impegno, entusiasmo ed esperienza per stare al fianco dei bambini malati e sostenere le loro famiglie. Grazie alla sinergia con la Direzione sanitaria dell’Ospedale San Bortolo,  VfC è riuscita a rinnovare, in poco più di un anno, il Day hospital Oncoematologico di Vicenza, realizzato “a misura di bambino”, per far seguire ai piccoli pazienti le terapie indispensabili a vincere la battaglia. Attraverso il Day hospital molte famiglie hanno ridotto le trasferte, oltre ai rischi e ai disagi dei viaggi. Inoltre, il Day hospital è attivo per l’Oncoematologia, nonché per le analisi ai bambini diabetici, per le visite a prematuri e neonati, per tac e risonanze pediatriche.

Il progetto “Adotta un papero”

Adottare un papero significa prendersi cura di un bambino presso l’ospedale San Bortolo di Vicenza, ma anche supportare la famiglia e aiutare l’Associazione vicentina a realizzare i sogni di ogni piccolo guerriero.

Adottando un papero di Vicenza for Children, permetterete l’assistenza a casa (grazie al progetto domiciliare ”A casa con le favole”) e garantirete l’acquisto di materiale medicale di consumo pediatrico, venendo mensilmente aggiornati sui traguardi raggiunti grazie alle adozioni.

Il progetto permetterà:

  • L’acquisto di presidi sanitari per un utilizzo ed una destinazione esclusivamente pediatrici;
  • il sostegno a tutta la famiglia affinchè non si senta sola in un momento così difficile;
  • L’attivazione di un percorso domiciliare strutturato con presenza di specialisti, previa segnalazione da parte dei sanitari dell’Ulss Berica 8, denominato ” A casa con le favole”;
  • Il servizio di trasporto con la Bambimbulanza, un’ambulanza a misura di bambino con presidi e strumentazione pediatrici;
  • La disponibilità di accesso alla Vicenza Ospitale, casa di accoglienza per i genitori dei bambini ricoverati.

Come adottare un papero?

Se interessati all’adozione, vi basterà contattare il numero telefonico 392/9900987 e vi verrà assegnato un Papero unico, con un nome da voi indicato e con numero esclusivo, di cui riceverete un attestato di adozione. L’adozione può essere attivata mensilmente con un contributo di 12,00 euro o annualmente con una donazione di 144,00 euro e la vostra mail sarà inserita in una newsletter, che vi permetterà di ricevere aggiornamenti sui traguardi raggiunti grazie alla vostra generosità.

vicenzaforchildren.it

Articolo precedenteXenia Materials lancia Xenia Footwear Materials Lab
Articolo successivoL’Isola di Albarella invita le palestre venete a “Palestre all’aperto”
Vicentina di origine, padovana d'adozione, gira il Veneto in lungo e in largo per diletto e lavoro. Founder di Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative est.1971, Docente di Comunicazione all' Università IUSVE e al Master Food & Wine 4.0, Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo di #UnitiInRete, Associazione impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un manager nel settore del marketing e della comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.