L’associazione UnitiInRete propone un ciclo gratuito di webinar sui rischi legati alla condivisione impropria di contenuti multimediali, all’odio e alla violenza nella sfera digitale.

Sharenting, odio in rete e violenza digitale contro le donne: queste le importanti tematiche scelte dall’Associazione rodigina Unitiinrete per la serie di conferenze online “Dialoghi sul comportamento on-line”, che vedranno la partecipazione di esperti del settore.

#Unitiinrete è un’associazione di promozione sociale, che ha come mission la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo e la diffusione di una corretta educazione digitale. Attraverso eventi, progetti, serate tematiche rivolti a ragazzi ed adulti, l’associazione si propone di educare a un corretto utilizzo del web e delle nuove tecnologie.

“Le restrizioni alle nostre attività quotidiane che ci sono state richieste in seguito all’emergenza sanitaria in atto, hanno avuto come conseguenza un aumento dell’iper-connessione e dell’utilizzo dei dispositivi digitali.
Facciamo tutti un uso più intenso delle tecnologie, per lavorare, studiare, fare acquisti, restare in contatto con i nostri cari. Ma non tutti conosciamo le dinamiche o i rischi della rete. Certi fenomeni, come il cyberbullismo o l’hate speech, sono aumentati nel periodo di lockdown. Per questo abbiamo pensato di realizzare un ciclo di incontri per parlare di alcune tematiche molto attuali, fenomeni che appaiono di frequente nel web e sui social. Vista l’impossibilità di svolgere tali incontri in presenza, abbiamo deciso di realizzare webinar aperti a tutti, che potranno essere seguiti gratuitamente sulle pagine Facebook e Instagram della nostra associazione.”

Federica Boniolo, Presidente UnitiInRete

Gli appuntamenti

La serie di webinar sarà trasmessa sulla pagina Facebook dell’associazione e inizierà martedì 24 novembre alle ore 18:00.


Ospite del primo appuntamento sarà Gianluigi Bonanomi, giornalista informatico, formatore sui temi della comunicazione digitale e autore di “Sharenting. Genitori e rischi della sovraesposizione dei figli online”. Con lui si parlerà di rischi e conseguenze della condivisione online di foto e contenuti che vedono come protagonisti i minori. Modera Gaia Dall’Oglio, fondatrice di Sgaialand.

Il secondo webinar sarà mercoledì 2 dicembre alle ore 18:30. Insieme a Bruno Mastroianni, filosofo, giornalista, social media manager di trasmissioni Rai, autore di “Litigando si impara” e in precedenza de “La disputa felice”, si parlerà di odio in rete e di come poterlo disinnescare. Moderatore dell’incontro sarà Filippo Nani, delegato di Ferpi Triveneto.

Il terzo e ultimo appuntamento è fissato per martedì 9 dicembre alle ore 18:30. La relatrice sarà Silvia Semenzin, ricercatrice post-doc in Sociologia Digitale e attivista per i diritti umani digitali, promotrice della campagna #intimitàviolata. Argomento dell’incontro saranno le nuove forme di violenza digitale sulle donne, tra cui la revenge porn. Moderatrice sarà Federica Boniolo, presidente di #Unitiinrete.

Il ciclo di webinar è patrocinato dal Comune di Rovigo e dalla Commissione Pari Opportunità, e vede la partnership con Ferpi Triveneto (Federazione Relazioni Pubbliche Italiana), Sgaialand (agenzia di comunicazione, editore del magazine online sgaialand.it). Mediapartner: Veneto Marketing Lab, agenzia di marketing e comunicazione di Noale.

   www.unitiinrete.com

Articolo precedenteBioma – Lucia Pisani: a Padova lo spazio che non ti aspetti
Articolo successivoEmilia Laugelli: l’importanza di andare inOltre
Gaia Dall'Oglio
Imprenditrice digitale, ha creato Sgaialand, blog-community diventata un caso studiato anche all'Università. Un progetto innovativo e virale che ha appassionato migliaia di lettori, al punto di moltiplicarsi in attività collaterali, come gli SgaiaTour alla scoperta dei luoghi magici del Veneto e l'hashtag #PrendilaSgaia. Solo su Instagram, l'hashtag è stato condiviso 45.000 volte. Il blog è diventato Sgaialand Magazine e Gaia ha fondato Sgaialand srl, specializzandosi in contenuti web, copywriting, ufficio stampa e digital PR, consulenza per la comunicazione. Oggi coordina un team veneto, continuando a raccontare senza sosta il suo amato territorio: il Veneto che funziona, tra curiosità, storie e meraviglie.