Un giovane imprenditore originario di Nanto (Vicenza), Riccardo Penzo, deus ex machina della guida Ristoranti che Passione

Alain Ducasse ha detto “È una storia d’amore la cucina. Bisogna innamorarsi dei prodotti e poi delle persone che li cucinano”. Sono la passione e l’amore per la gastronomia che hanno mosso le decisioni di Riccardo Penzo, Autore ed Editore di Ristoranti Che Passione, non una semplice guida, ma un insieme di cuochi, gestori, personale di sala, ristoranti, clienti e soci appassionati, innamorati di ciò che fanno, di ciò che mangiano, dei prodotti, della tradizione ma anche dell’innovazione.
Classe 1979, nato a Nanto, una laurea allo IUAV, un master al CUOA di Altavilla Vicentina, Riccardo è partito da un’idea ed ha creato una rete di ristoranti selezionati, in cui, entrando a far parte del network, l’iscritto può apprezzare la buona tavola del Veneto, senza farsi mancare niente, anzi usufruendo persino di una scontistica dal 20% al 50%.

Come è nato il progetto Ristoranti Che Passione?
«Ristoranti Che Passione nasce dalla mia passione per l’enogastronomia e dall’intuizione di realizzare un vero network, che potesse accomunare tanti appassionati, per provare i migliori ristoranti del territorio con delle esclusive promozioni. Ideato nel 2007 nella provincia di Vicenza, in periodi non sospetti, permetteva agli appassionati di esprimere commenti, ma soprattutto concedeva promozioni fino al 50% per visitare i locali almeno una volta, perché non c’è miglior passaparola di quello scaturito dalla prova diretta. I gestori selezionati su prova diretta per merito, sono ben lieti di agevolare giovani e meno, in serate individuate tutte le settimane. Oggi nelle edizioni annuali siamo arrivati a selezionare 200 locali in tutte le province del Veneto e del bresciano, con oltre 10.000 iscritti e migliaia nei diversi social network»

Ristoranti Che Passione è un network innovativo ed attuale. Cosa lo rende tale?
«La buona cucina è sempre attuale, innovativa o tradizionale che sia, e poterci andare con esclusive promozione attrae chiunque. La nostra passione, unita a quella di tutti i selezionati ristoratori, rende Ristoranti Che Passione un network unico e vivace. L’aggiornamento è continuo, così come la selezione dei locali e degli eventi extra, come ad esempio degustazioni in cantine del territorio. Recentemente abbiamo rilasciato la nuova App per qualsiasi sistema operativo, così da poter consigliare i locali più vicini e le promozioni del giorno. Chi si iscrive al network, semplicemente acquistando la guida, può visualizzare la sua Card Che Passione direttamente sullo schermo: basta cercare “che passione” nello store di qualsiasi sistema e la si ottiene gratuitamente»

A chi si rivolge Ristoranti Che Passione?
«Il pubblico è molto ampio perché a tutti piace mangiare bene: un appassionato è colui che mette curiosità nei cibi e attenzione alle preparazioni. Davvero molti hanno la possibilità e l’interesse di provare nuovi locali ogni mese. La cucina può essere la più varia, ma i nostri lettori cercano un gestore appassionato, che spieghi i prodotti utilizzati, la ricerca nelle tecniche di cottura e, perché no, anche una storia che li faccia viaggiare con i sapori. Se poi il nostro network riesce anche a dar loro voce, a farli sentire un po’ vip, con un miglior servizio e con uno sconto finale, che permette di degustare più piatti, bere una bottiglia di vino migliore, capiscono tutti di aver fatto centro e di essere gelosi della propria tessera associativa»

Quest’anno siete stati insigniti del riconoscimento del Web Awards 2016 come miglior sito .eu d’Europa. Cos’ha significato il raggiungimento di questo traguardo?
«Il sito che è stato premiato ai recenti Web Awards 2016 con il podio più alto, come Miglior Sito .EU d’Europa nella categoria Media. È stata una grande emozione che non ci aspettavamo, ci ha gratificato ancor più sapere che la giuria era tecnica, ci ha selezionato tra oltre 4 milioni di domini registrati per l’idea e il design del sito, la fruibilità, ed altri parametri. Essere invitati alla finale di Bruxelles del 16 novembre, come unici italiani, ci ha fatti sentire orgogliosi di rappresentare il nostro Paese e la creatività del Belpaese»

Ristoranti che PassioneDove ti porterà la passione nel prossimo futuro?
«Con il lancio dell’Edizione di Brescia quest’anno ho dimostrato che questo progetto è attuale anche dopo tanti anni dall’ideazione, perciò il sogno più bello è quello che possa crescere con la stessa passione ed il calore che mi esprimono puntualmente i gestori e il pubblico»

Articolo precedenteUn invito a cena per le feste: cosa regalare? Il pungitopo!
Articolo successivoLa tavola delle Feste: 23 idee last minute!