Sentirsi a casa immersi in un’oasi di pace nella scenografica cornice della cinquecentesca Villa Barbarich, a solo un quarto d’ora dalla città più bella del mondo, Venezia. Questa è l’atmosfera che si respira al Ristorante Malipiero, dove in un crocevia di storia e arte l’alta cucina sposa la calda e confortevole atmosfera del pranzo in famiglia.

Il Ristorante Malipiero è il fiore all’occhiello della splendida Villa Barbarich, cinquecentesca dimora nei pressi di Venezia, sede oggi di un resort di charme dotato di spa e ristorante gourmet. Situata al centro di uno scenografico giardino con prati all’inglese, alberi esotici ed essenze tipiche della campagna veneta, è il luogo ideale per un soggiorno di classe, ma anche per concedersi il piacere di un’esperienza culinaria d’eccellenza tra relax e bellezza.

Ristorante Malipiero: tra storia e curiosità!

Il ristorante prende il nome dalla nobile famiglia veneziana Malipiero, una delle più note ed influenti della Serenissima Repubblica, e occupa l’intero piano nobile affrescato di Villa Barbarich. Oltre mille metri quadrati di affreschi del Cinquecento realizzati da pittori che si ispiravano alla lezione del Veronese, uno dei massimi artisti della Repubblica di Venezia, oltre a grotteschi del 1700.

Una curiosità: la villa fu anche dimora dell’avvocato Marco Ballarin, amico di un altro grande pittore veneziano, il Tintoretto, e non è da scartare l’ipotesi di un suo intervento o di un intervento di un suo allievo nella realizzazione di parte degli affreschi.

ristorante malipiero

 

Ristorante Malipiero: territorio, stagionalità e atmosfera familiare

Nulla è lasciato al caso, dall’eleganza dei saloni affrescati alla qualità degli arredi. Ma il segreto del successo del Ristorante Malipiero sta nelle sapienti mani e nella fantasia di Riccardo Enzo, chef di esperienza nei più famosi ristoranti veneziani come il Gritti e i Do Forni. La cucina si contraddistingue per l’alta qualità delle materie prime sempre freschissime e a km 0, per la fedeltà al territorio e alla tradizione veneta con il giusto pizzico di creatività e innovazione, e per un menù molto stagionale che cambia quattro volte all’anno. In più pane, pasta fresca e pasticceria sono preparati direttamente in cucina.

Due parole per definire il Ristorante Malipiero? Lo chef Riccardo Enzo non ha dubbi: territorio e stagionalità. «In cucina prepariamo piatti territoriali e stagionali – spiega lo chef – ma sono molto attento a far sì che i sapori risultino sempre decisi e gustosi. I nostri piatti hanno sempre una fisionomia ben precisa, e vedo che questa cosa viene apprezzata».

«Quello che ci rende più fieri – prosegue Riccardo Enzo – è l’idea nata dalla volontà della proprietà di far sentire i clienti a loro agio come se fossero a casa. A volte i pranzi durano anche fino alle sette di sera perché agli ospiti viene servito tutto con calma e nessuno sprepara la tavola prima che i commensali abbiano deciso di alzarsi». Un privilegio che pochi locali di questo livello regalano ai propri ospiti, reso possibile grazie ad un personale di sala molto affiatato che riesce a mettere il cliente in condizione di godere in totale tranquillità un’esperienza culinaria senza tempo.

ristorante malipiero

Da provare: il risotto alla busara, uno dei piatti tipici della tradizione veneziana, mantecato a fine cottura con scampi crudi che si cuociono solo leggermente; il crudo di mare con il pescato del giorno condito con olio extravergine d’oliva e fiori d’arancio e il fritto di pesce, sempre con pescato del giorno, proposto a seconda della stagione con verdure o cipolla di Tropea e maionese al wasabi.

Particolare attenzione nel menu anche a vegani, vegetariani e celiaci con proposte che possono convergere in piatti trasversali comuni alla tradizione veneta come la pasta e fagioli e il risotto di zucca oppure appositamente pensati come la passatina di ceci con puntarelle, i ravioli al plin con cipolla e broccoli, o “L’orto” un bellissimo piatto vegetale con i frutti dell’orto di stagione.

La chicca da non perdere!

Per i più romantici segnaliamo l’opportunità di cenare in un esclusivo privé per due persone. Una delle stanze del ristorante è stata pensata per un romantico tête-à-tête: durante la cena le porte d’accesso vengono chiuse, agli ospiti è lasciata tutta la privacy che desiderano ed è fornito un campanellino per chiamare i camerieri quando necessario. Esperienza da non perdere se avete un’occasione speciale da festeggiare, o anche solo per sognare un po’!

natale e capodanno in veneto villa barbarich veneto venezia sgaialand magazine sgaialand per le aziende magazine venezia dormire ristorante malipiero food matrimonio eventi

 

Il ristorante Malipiero è aperto tutti i giorni a pranzo dalle 12:30 alle 14:30 e a cena dalle 19:30 alle 22:30. Gradita la prenotazione.

 

Villa Barbarich

Via Molino Ronchin 1

30174 Mestre, Venezia

+39 041 97 90 02

+39 041 97 15 29

info@villabarbarich.com

www.villabarbarich.com

 

 

Articolo precedenteAnteprima Chiaretto: a Lazise il Rosé delle due riviere del Lago di Garda
Articolo successivoJesus Gomes racconta il Veneto attraversando a piedi 574 comuni del Veneto
“Spaccio cultura per lavoro e ne abuso per piacere”: dopo una laurea in DAMS e una in Musicologia, ha fatto delle sue passioni un lavoro. Da anni si occupa di comunicazione e ufficio stampa lavorando dietro le quinte di eventi, mostre d’arte e importanti kermesse culturali. Tre cose su un’isola deserta, anzi meglio su un laghetto di montagna? Un disco degli ZZ Top, un fumetto di Rat-Man e una botte di rum. Per Sagaialand Magazine si occupa della sezione travel con chicche e curiosità della Terra delle Meraviglie.