Ripercorriamo la storia della minigonna, dagli anni ’60 ad oggi, tra popolarità, seduzione e trend

La minigonna è un capo intramontabile, sdoganata per essere indossata dalla mattina alla sera, dal lavoro al tempo libero, comoda e amata anche in terra veneta (soprattutto perchè sinonimo di seduzione).
L’orlo inferiore dalla lunghezza variabile a seconda dei modelli, nei primi 10/15 cm o più sopra la linea delle ginocchia, successivamente anche più corti, aderente con spacco centrale o laterale, dritta o più larga nella parte inferiore o, perché no, magari a palloncino e realizzata in vari tessuti dal jeans alla similpelle e alla lana.
Ideata dalla stilista britannica Mary Quant, divenne popolare in tutto il mondo a partire dagli anni sessanta.
Nel 1965, dopo la celebre collezione Space Age, Andrè Courrèges ne realizzò una per la collezione “Mod”, e contemporaneamente anche Pierre Cardin la introdusse tra le sue proposte di maggior successo.
Negli anni ’60, la minigonna è stata abbinata a calze colorate e a stivaletti bassi con tacco piatto quadrato, che potevano arrivare anche sopra il ginocchio.
Icona simbolo di quegli anni, fu l’androgina Twiggy, personaggio indimenticabile: con i suoi grandi occhi, il capello a maschietto e le gambe scoperte, rivoluzionò i canoni di bellezza del tempo, anche per quel look passato alla storia fatto di minigonne e mini dress sfoggiati sulle pagine delle più importanti riviste del settore. A partire dall’abitino-rugby di Féraud, all’abito-mantello plissé soleil di Cardin fino alla chemisier-sahariana di Saint Laurent, ma anche con outfit romantici, con mini dress di baby organza decorati con pizzi e ricami.

Sono passati più di cinquant’anni ma la minigonna è ancora simbolo di stile, seduzione e tendenza: capo intramontabile e fenomeno di costume più rilevante “manifesto” dei ribelli Swinging Sixties.
La mini-gonna e il mini-dress sono stati i protagonisti sulle passerelle delle collezioni Primavera Estate 2016 e 2017. A partire dal minidress firmato Chloè con collo foulard, alle ruches e maniche svasate del mini dress stampato di Giambattista Valli, passando per la divertente mini a trapezio con tasconi laterali proposta da Sonia Rykiel, e per la gonna con frange di Saint Laurent.
Intanto è arrivata la stagione fredda, e nelle città de #laterradellemeraviglie iniziano a vedersi minigonne eleganti o sbarazzine abbinate a calze coprenti, nere o colorate: ok la seduzione, ma mica si può morire di freddo!

Articolo precedenteRe.volvèr: cultura da indossare tra Veneto e Sardegna
Articolo successivoGustus 2016: a Vicenza il vino diventa rock
Un team tutto veneto formato da professionisti in ambiti diversi. La redazione Sgaialand Magazine racconta il Veneto che funziona, appassiona, cresce ed emoziona. Quello frizzante, curioso, impegnato, spesso eccellente, sempre sgaio.