Dal 3 al 24 marzo Vicenza ospiterà il Festival “I Primi 1000 giorni” una manifestazione che accende i riflettori sui primi 1000 giorni di vita di un bambino, ovvero dal concepimento ai due anni di età: un periodo molto speciale, capace di determinare in modo permanente la salute dell’adulto che diventerà.

L’iniziativa i primi 1000 giorni” nasce dalla Cooperativa Sociale Alinsieme che, per festeggiare i suoi 10 anni di attività, ha deciso di creare qualcosa che coinvolga l’intera città: si tratta di un calendario ricco di incontri ed iniziative rivolte ai genitori ed ai futuri genitori, ai professionisti che si occupano d’infanzia e a tutti gli adulti che desiderano creare attorno ai neogenitori ed ai bambini un ambiente salutare, sereno e positivo, capace sia di accogliere e sostenere nei momenti critici, sia di stimolare le potenzialità di cambiamento e di apprendimento, dando un fattivo contributo nell’accompagnare le nuove generazioni.

La kermesse si propone come una campagna di informazione sulle ultime scoperte scientifiche dedicate allo sviluppo del bambino: tutti gli incontri, gratuiti e su prenotazione, vedranno la presenza di medici, psicologi, professionisti sanitari ed esperti che faranno conoscere azioni concrete per tutelare la salute ed il benessere dell’individuo in formazione. Si parlerà di svezzamento ed alimentazione, di regole e sensi di colpa, di coccole, di linguaggio e di ruoli, con particolare attenzione al benessere psicologico della mamma e all’importanza dell’ambiente che circonda il bambino in questa fondamentale fase della vita. Oltre a tutto questo, il Festival prevede anche dei momenti di gioco e condivisione tra genitori e figli, tramite alcuni laboratori legati alla lettura, alle parole, ai colori ed all’alimentazione.

La cooperativa sociale Alinsieme nasce nel 2008 per iniziativa di un gruppo di professionisti che provengono da esperienze diverse, con l’obiettivo di prendersi cura delle persone nelle varie fasce d’età della vita, offrendo servizi efficaci, con professionalità, costi equi e sostenibili, e promuovendo le potenzialità e le risorse di ciascuno, nella convinzione che il benessere della persona generi il benessere della collettività. Questo aspetto è stato ripreso anche durante la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa da parte dell’Assessore alla comunità e alle famiglie del Comune di Vicenza, Isabella Sala, la quale ha sottolineato più volte il ruolo della collettività nella crescita di un bambino: partendo dal detto “per crescere un bambino ci vuole un villaggio”, rimarcava il concetto secondo cui dev’essere la comunità ad offrire gli strumenti per una crescita armonica degli individui e della società.

i primi 1000 giorni

Sempre durante la conferenza stampa del 21 febbraio scorso interveniva poi la Dott.ssa Alessandra Cecconello, responsabile per i servizi socio sanitari della cooperativa sociale Alinsieme e responsabile scientifico dell’iniziativa, raccontando da dov’è nata l’idea “i primi 1000 giorni” : lavorando nell’attività del dopo-scuola con i bambini, spesso emergevano difficoltà che derivavano direttamente da contesti difficili, come la famiglia o la scuola. Ecco quindi la ferma volontà di organizzare un progetto che lavorasse sul contesto, a partire dal rapporto dei bambini con il cibo, per arrivare alla relazione che questi hanno con gli adulti che li circondano, che intervenisse presto, proprio durante quei fondamentali 1000 giorni, e che potesse far recuperare agli adulti la consapevolezza del proprio ruolo, come genitore, come insegnate, e soprattutto come membro di una comunità.

Perché si sa, quando si diventa genitori a nessuno viene consegnato il libretto d’istruzioni: il lavoro di genitore è durissimo, non s’impara a scuola e non è possibile nemmeno partecipare a stage pre-assunzione. Il ruolo del genitore si deve acquisire, mano a mano, crescendo insieme e facendo del proprio meglio, aiutati da iniziative come queste che offrono quegli strumenti in più che ti permettono di arrivare a sera con un discreto livello di serenità e che, soprattutto, un domani ti permetteranno di guardare tuo figlio diventare adulto ed essere fiero dell’immenso capolavoro che hai realizzato!

Per maggori info e per il calendario dettagliato degli eventi, vi invitiamo a consultare: https://www.iprimimillegiornidivita.it/

 

 

L’inziativa “i primi 1000 giorni” è stata possibile grazie alla partecipazione del Comune di Vicenza, al contributo della Casa Materna di Longara, delle Associazioni Kairos Donna, Migrantes di Vicenza, Inertesalus e Musicantropia, grazie al Patrocinio dell’ULSS 8 Berica, di Fondazione Zoè, dell’Associazione Culturale Pediatri, della Federazione Italiana Medici Pediatri del Veneto – sez. di Vicenza, dell’Ordine degli Psicologi del Veneto e del Centro Servizi Volontariato di Vicenz, nonché grazie al prezioso contributo di DRM Cliniche Dental, dello Studio Dentistico Tecchio Palumbo, dello studio stomatognatico dott. Alberti, di Piscine di Vicenza e di Città del Sole.

 

Articolo precedenteLa fotografia del grande fotografo Fulvio Roiter alla Casa dei Tre Oci a Venezia
Articolo successivoRock & Resilienza: incontro con Paola Maugeri all’Hard Rock Cafe Venezia
Un team tutto veneto formato da professionisti in ambiti diversi. La redazione Sgaialand Magazine racconta il Veneto che funziona, appassiona, cresce ed emoziona. Quello frizzante, curioso, impegnato, spesso eccellente, sempre sgaio.