I Nabis, Gauguin e la pittura italiana d’avanguardia, questo l’affascinante percorso d’arte proposto da un rinnovato Palazzo Roverella a Rovigo, che inaugurerà la mostra il prossimo 17 settembre. L’esposizione  vuole porsi come percorso di colori e di emozioni; un itinerario unitario eppure variegato, fitto di storie che sono diventate leggende, anticipatore di tendenze e di mode, non solo nel campo dell’arte. Un centinaio di opere, molte conosciute, altre da scoprire, quattro grandi isole e tanto colore. Sarà una mostra di emozioni e di storie intense: storie di artisti in fuga da città, da legami, da loro stessi, che trovano rifugio in riva al mare, quello potente della Manica o quello dolce e casalingo della Laguna veneziana. Quasi fossero alla ricerca del valore purificatore dell’acqua e degli elementi naturali. Sarà una scoperta per molti visitatori poter leggere sotto una nuova luce e grazie a un insolito e rivelatore punto di vista opere e artisti in grado di affacciarsi senza complessi d’inferiorità sul palcoscenico dell’arte mondiale in anni di rivoluzionarie esperienze culturali e morali. Durante la mostra sarà inoltre visitabile Palazzo Roncale, proprio di fronte a Palazzo Roverella, prestigioso palazzo del cinquecento in cui sono esposti i capolavori della Collezione Centanini recentemente donati alla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. Un’occasione, gratuita per il visitatore, per poter ammirare 5 secoli di storia dell’arte veneta e italiana. Info: www.palazzoroverella.com

 

 

 

Articolo precedenteArriva l’autunno, che fare? Ecco 10 serie tv da non perdere!
Articolo successivoVai in palestra? Ecco le 8 persone che sicuramente incontrerai
Founder del progetto veneto Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative, Docente all' Università IUSVE dei corsi " Psicologia del Marketing e dell'Advertising" e " Influencer Marketing". Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo dell’Associazione di Promozione Sociale #UnitiInRete, impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un comunicatore con cui condividere la sua passione per la comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.