fuoricentro_vicenza_fotografi

Fuoricentro è uno studio fotografico dell’area industriale di Vicenza, con protagonisti 4 fotografi per illustrare le trasformazioni di un’area dove convivono imprese artigianali, industrie e zone residenziali, in un contesto di continuo cambiamento

A Vicenza arriva il Progetto FuoriCentro, nato da un’idea del Centro di cultura fotografica (CCF) e di Unione Collector, due realtà che operano sul territorio vicentino proponendosi come attori di nuovi e diversi incontri culturali.
FuoriCentro promuove uno studio fotografico dell’area urbana industriale di Vicenza, che si realizzerà nel mese di ottobre tramite una residenza artistica di tre fotografi di rilevanza nazionale ed internazionale.
L’interesse verso questo particolare territorio scaturisce dalle trasformazioni avvenute nel corso dei decenni, e dalla volontà di documentarlo allo stato attuale. Oggi in quest’area convivono imprese artigianali, industrie e zone residenziali, in un contesto di continuo cambiamento, spesso difficile da comprendere per uno spettatore non sempre abituato ad osservare, che accetta per scontati ambienti, dettagli e trasformazioni.

FuoriCentro vuole dunque mettere in evidenza la complessa area industriale urbana di Vicenza, offrendo visioni differenti di questo scenario grazie al lavoro di fotografi di diversa provenienza e con diverse sensibilità, a cui il CCF ha commissionato un assignment specifico sulla base del proprio linguaggio fotografico:
Andrea & Magda – per una visone originale dei luoghi allargata su territorio e paesaggio
Lavinia Parlamenti – per un’indagine fotografica incentrata sulle persone che vivono nel contesto industriale
Rocco Rorandelli – per un punto di vista inconsueto ottenuto grazie all’utilizzo di un drone
I fotografi lavoreranno contemporaneamente le prime due settimane di ottobre a stretto contatto tra loro e con il territorio. Unione Collector sarà base operativa e residenza artistica vera e propria, favorendo il confronto tra le esperienze e il dialogo tra le diverse voci.
Ad arricchire la portata culturale di FuoriCentro, Unione Collector ospiterà alcuni eventi destinati agli appassionati di fotografia.
Venerdì 7 ottobre è in programma la presentazione di Memorandum, libro che celebra i 10 anni di attività del collettivo fotografico TerraProject, di cui fa parte anche Rocco Rorandelli. TerraProject, nato a Firenze nel 2006, si occupa di tematiche sociali e geografiche realizzando progetti di fotografia documentaria ed è già stato protagonista presso il Chiericati Underground nell’autunno del 2014 con la mostra Wu Ming + TerraProject = 4.
Domenica 9 ottobre si svolgerà il workshop “Reinventare una Visione, a cura di Andrea & Magda, durante il quale i partecipanti verranno guidati a leggere e documentare un territorio complesso come quello industriale, attraverso un dialogo diretto improntato alla fotografia di reportage.
Il 14 ottobre, verso la conclusione dei lavori, le letture di portfolio: i fotografi protagonisti del workshop, Andrea e Magda – Lavinia Parlamenti – Rocco Rorandelli, assieme al fotografo Giuseppe Fanizza di Exposed Project saranno a disposizione di chi si iscriverà per una valutazione del portfolio fotografico a più voci. Questa iniziativa è rivolta a tutti, dal fotografo amatoriale a chi desidera fare un salto di qualità, e rappresenta un momento prezioso far conoscere il proprio lavoro e scoprire come migliorarsi.
Mercoledì 19 ottobre, infine, serata conclusiva del lavoro di FuoriCentro, ad ingresso libero con la possibilità per tutti di conoscere i fotografi, ascoltare il racconto della loro esperienza, sbirciare il work in progress del progetto e vedere le immagini realizzate durante il workshop.

Gli organizzatori del progetto:

– FuoriCentro
Centro di Cultura Fotografica, Associazione con l’obiettivo di divulgare e sviluppare la cultura fotografica attraverso mostre ed iniziative formative, mettendo in contatto la fotografia di qualità con il pubblico.
– Unione Collector, uno spazio sociale e culturale in cui si susseguono eventi d’arte e di socialità, workshop, mostre e laboratori, collegati tra loro da un tema diverso ogni anno. Per il 2016 è Be the change, un invito al cambiamento. Unione Collector nasce da Tipografia Unione, un’azienda tutta al femminile con più di 50 anni di storia alle spalle, solidamente radicata nel territorio vicentino in particolar modo nel polo industriale di Vicenza, dove vive e contribuisce con la propria attività all’economia di quest’area.

Articolo precedenteA Padova è tempo di “Dinosauri. Giganti dall’Argentina”
Articolo successivoMusica: i padovani Maieutica celebrano i Litfiba
Laureata in Storia dell'Arte e dei Beni Artistici, ama la fotografia, i Clash e David Bowie, l'arte moderna e la criminologia. Le sue due più grandi passioni sono il suo gatto rosso e correre, e infatti, nel tempo libero, viaggia per l'Europa a caccia di medaglie.