Oggi vi parlo di Cinegustologia® e della insolita, piacevolissima serata trascorsa al DiVino Osteria Trevigiana sabato 9 Aprile. Perchè ve ne parlo? Perchè non sono così sicura che tutti voi sappiate esattamente che cosa sia la Cinegustologia®, proprio come la sottoscritta fino a qualche settimana fa, prima di ricevere l’invito dallo squisito ufficio marketing del BHR Hotel di Treviso, all’interno del quale c’è la “divina” osteria!

 

Cinegustologia®: un’insolita serata al DiVino Osteria Trevigiana

“Gaia, vorremmo invitarti a conoscere Marco Lombardi, la sua Cinegustologia® e la nostra struttura. Cosa ne pensi? “

Potevo rifiutare un invito così garbato e l’occasione di conoscere e far conoscere un’ altra attività del Veneto? Certo che no!

Ma andiamo al sodo e spieghiamo, finalmente, in cosa consiste la Cinegustologia®!

La storia di un film può essere, come per un piatto, tenera o dolce, o anche dura e amara: la Cinegustologia® , un format Marco Lombardi,  permette di assaggiare portate che hanno gli stessi sapori e le stesse consistenze dei film.

  

Da qui è nata la deliziosa  serata a cui ho preso parte, incentrata sulle anime regionali della commedia all’ italiana. Il programma prevedeva la visione di alcune sequenze di quattro commedie (lombarda, toscana, romana e napoletana) e l’associazione con 4 diverse portate. Ma non pensate sia così semplice e , forse, banale. Non si è trattato di degustare quattro piatti tipici regionali, ma di ricreare le sensazioni ed emozioni suscitate dalle pellicole con il cibo.

 

Spesso, istintivamente e “di pancia”, descriviamo un film come duro, acido, morbido, amaro, dolce, ruvido e profumato, proprio come se fosse qualcosa da bere e da mangiare. Ecco che l’associare liberamente un film a un piatto o a un vino, e viceversa, può costituire un modo più autentico per raccontare le emozioni indotte da quel tipo d’opera d’arte.

Il cinema costituisce la forma espressiva più complessa, riunendo in sé tutte le altre (dalla letteratura, alla pittura, alla musica, alla fotografia, al teatro, alla danza, all’ architettura), e quindi è quella che più d’ogni altra contiene in sé un’ infinità di possibili associazioni sinestetiche. Anzi, cinegustologiche!

 

La cosa più interessante del format consiste proprio nel fatto che le associazioni cinegustologiche saranno sempre diverse da persona a persona, in modo da dare a tutti la possibilità di esprimersi in maniera davvero unica. Così che “Amarcord” di Federico Fellini a qualcuno potrà sembrare un bianco strutturato ma bene ammorbidito dalla barrique, a un altro una zuppa di pesce ricca di sapori, e note dolci e amare, e consistenze diverse!

 

Se è vero che il nome Cinegustologia® ricorda una scienza e può a tratti sembrare troppo serioso, è anche vero che si tratta di qualcosa di estremamente divertente, grazie anche al costante coinvolgimento di Marco Lombardi di tutti i commensali.

È stato davvero divertente confrontarsi con i vari commensali e sono emersi un sacco di spunti di riflessione, ma anche nuove idee culinarie!

 

Ecco il menù della serata pensato per Sabato 9 Aprile dallo Chef  di DiVino Osteria Fabio Mariuzzo:

  • Mozzarella in carrozza con maionese di alici di Cantabrico, cruditè di verdure marinate al lime e mentuccia ( in abbinamento alla commedia lombarda vista, dai tratti amari e  croccanti ) 
  • Spaghettini al pesto d’erbe fini con pecorino e fili di peperoncino ( commedia toscana, pungente) 
  • Guancia di maialino romagnolo con spuma di patate e piselli in varie consistenze ( commedia romana, cucina grassa che rispecchia l’animo romano)
  • Sfogliatella riccia con ripieno di ricotta di bufala spumosa, salsa di pere e polvere di liquirizia (in abbinamnto alla commedia napoletana, che ha reso soffici e leggeri tematiche tutt’altro che leggere) 

il format di Marco Lombardi è itinerante e si sposta in tutta Italia, tenetevi aggiornati tramile la sua pagina Facebook ed il sito ufficiale. L’ osteria DiVino, invece, è sempre lì e se passate per Quinto di Treviso, sapete dove potete fermarvi ad assaggiare qualche piatto tipico trevigiano dello Chef Mariuzzo!

Il docente: Marco Lombardi
Scrive e conduce programmi radiofonici (su RadioTre e RadioDue) e televisivi (a Rai Futura), collabora con vari periodici e quotidiani (tra cui “L’Unità”), dirige dei festival cinematografici (tra cui Filmondo), seleziona le opere prime per la Mostra del Cinema di Venezia (sezione “La Settimana della Critica”) e per gli European Film Award, tiene dei corsi all’Accademia d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”. Attualmente scrive di cinema su “Il Sole24ore” e di arte ed enogastronomia sul “Messaggero”. Insegna all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, alla Scuola Nazionale di Cinema di Milano e al Master del Gambero Rosso di Roma e di Napoli. Da poco è anche docente della Scuola Holden di Alessandro Baricco.

la cucina…#prendilasgaia

Gaia

Articolo precedenteLa foresta di Tony Gallo in mostra a Padova
Articolo successivoUn asilo nel bosco alle porte di Vicenza!
Founder del progetto veneto Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative, Docente all' Università IUSVE dei corsi " Psicologia del Marketing e dell'Advertising" e " Influencer Marketing". Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo dell’Associazione di Promozione Sociale #UnitiInRete, impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un comunicatore con cui condividere la sua passione per la comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.