L’incontro tra il celebre cantautore Luca Bassanese e Sandro Pupillo, una canzone e un evento imperdibile sul tema della donazione tra racconti, testimonianze, immagini e musica. Perché Siamo la pioggia e siamo il sole!

Vi ricordate la storia di Sandro Pupillo, che nell’editoriale di inizio anno, alla vigilia del trapianto di midollo mi aveva raccontato la sua storia, la sua missione, la sua tenacia e la sua forza contro la malattia, insegnando concretamente cosa sia l’Amore (qui l’articolo)?
Una storia non facile da digerire, ma colma di speranza e forza: oggi Sandro è uscito da questo arduo percorso e con entusiasmo ha accolto l’invito del celebre cantautore Luca Bassanese ad essere il protagonista del videoclip del suo ultimo singolo, Siamo la pioggia e siamo il sole, tratto dall’album recentemente uscito, “Colpiscimi Felicità” (prodotto da Stefano Florio per Buenaonda Etichetta Discografica/The Saifam Group).


Siamo poeti, siamo randagi
siamo rifugi e sepolcri imbiancati
Siamo le notti passare a guardare
siamo un ricordo, noi, da non dimenticare
Siamo anche terra, siamo anche aria
acqua di fonte e acqua piovana
Siamo le grida dei nostri figli
e siamo leoni e siamo conigli

Siamo l’amore che ci hanno lasciato
il resto è un futuro che avremmo sognato

Siamo la pioggia e siamo il sole, è una canzone ricca di elementi evocativi e ritagli di vita che dipingono la realtà, racconta il senso dell’esistenza che si nasconde tra gli anfratti della quotidianità, tra le pieghe della vita, come una strana felicità in cui il desiderio di sentirsi vivi è così forte da catapultarci all’improvviso in un giorno di sole e pioggia, orizzonte di luce caleidoscopica, arcobaleno.
E protagonista del video di questo piccolo capolavoro musicale e poetico è proprio Sandro Pupillo e la sua storia tanto che nel video vengono raccontati, attraverso il sapiente lavoro del regista vicentino Michele Piazza, alcuni passaggi significativi del suo complesso percorso.

È stata un’esperienza molto emozionante” – rivela Sandro Pupillo – “nella quale ho deciso di mettermi in gioco mostrando gran parte di me, da semplici momenti di vita privata ad altri durante la degenza in ospedale”.
Le riprese del video sono avvenute tra ottobre 2016 e la primavera, “ovvero prima, durante e dopo il percorso che mi ha portato al trapianto di midollo – continua Sandro – Il video è per me stato anche un importante obiettivo e diversivo, nonché uno stimolo a perseverare e continuare con forza sempre maggiore”

Con questo video a sostegno della campagna #aiutaunosmidollato, Bassanese e Pupillo si prefiggono l’obiettivo di avviare un percorso di incontri con gli studenti, in collaborazione con ADMO Vicenza, per sensibilizzarli sul tema della donazione del midollo osseo utilizzando un linguaggio trasversale.
“La canzone”
– dice il cantautore Luca Bassanese “è un potentissimo strumento sociale per raccontare storie, incontri, possibilità, per diffondere l’immagine di un nuovo mondo possibile di cui Sandro si è reso testimone autentico. Ringraziamo moltissimo anche gli studenti e le insegnanti della Scuola Media Calderari di Vicenza che si sono resi da subito disponibili e ci hanno permesso di realizzare la parte finale del video, davvero molto evocativa, significativa e coinvolgente”.
Il cantautore, da tempo noto per il suo impegno sociale, ci ha rivelato come la musica e le immagini, oggi, possano essere i veicoli migliori per la diffusione di messaggi e idee: “Il mio dovere di artista è proprio quello di veicolare la mia creatività al servizio di qualcosa di più alto e condivisibile. Un messaggio e un obiettivo che possa far stare bene qualcuno, come in questo caso. Nel video, inoltre, con il regista Michele Piazza abbiamo voluto tenere a distanza il pietismo. Del resto la mia musica da sempre non è di protesta, ma di proposta. E poi basta guardare Sandro e Davide (Stefani, co-ideatore del progetto #aiutaunosmidollato – ndr) per capire quanto il vero miracolo dell’uomo sia esattamente nella capacità di riuscire a superare i propri limiti, e comprendere che il malato non è altro che una persona che ha una malattia, dalla quale può, anzi deve, provare a guarire

Il video di Siamo la pioggia e siamo il sole, inoltre, è stata lo spunto di partenza per la realizzazione di un incontro-evento in programma il prossimo venerdì 20 ottobre alle 21 presso i Chiostri di Santa Corona, a Vicenza.
Abbiamo pensato di dare corpo alla nostra collaborazione, anche oltre il progetto del videoclip e della canzone. L’idea dello spettacolo è venuta naturalmente, perché volevamo fortemente dare voce all’urgenza di aiuto per il progetto #aiutaunosmidollato, per ADMO e per il reparto di Ematologia dell’Ospedale San Bortolo” – conclude Sandro.

Durante l’evento – che gli organizzatori puntano a far diventare un format itinerante – , tra la presentazione ufficiale del videoclip di Siamo la pioggia e siamo il sole e la partecipazione di Luca, Sandro e alcuni attori sul palco, ci sarà la possibilità di ascoltare testimonianze dirette ed interventi anche della Presidente Provinciale ADMO, Alessandra Roncaglia: “Il territorio vicentino è particolarmente sensibile a queste tematiche. Basti pensare che nel 2016 abbiamo avuto circa 1.400 “tipizzati”, cioè giovani tra i 18 e i 36 anni compiuti che potranno (entro i 55 anni – ndr) diventare un giorno dei donatori di midollo. C’è bisogno di diffondere questo messaggio, perché può diventare donatore solo 1 persona su 100.000

Pensateci, in fondo basta solo un minuto per provare a salvare una vita!

#aiutaunosmidollato

siamo la pioggia e siamo il sole evento luca bassanese sandro pupillo admo aiutaunosmidollato ematologia ilaria rebecchi sgaialand magazine veneto vicenza

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteAbilmente Autunno: è in arrivo la Festa della Creatività
Articolo successivoAdotta un proiettore: la campagna di crowdfunding del circolo Enrico Pizzuti di Oderzo
Ilaria Rebecchi
Ilaria è una giornalista ed esperta di comunicazione a 360°: ama parlare, scrivere e raccontare storie, soprattutto quando riguardano ciò che è bello, dalle arti alle persone. Asso nella manica? Multitasking creativa, dal digitale alla carta stampata, copywriter e digital strategist con nel cuore la critica musicale e cinematografica. Le sue passioni sono la sua cagnolina Lilly, ridere tanto, la scherma, il buon vino, la primavera, la musica degli anni '80, la cucina, la montagna, le serie tv e ovviamente il marito Alberto. È il Direttore Responsabile di Sgaialand magazine

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here