Chilometroquadro non è solo un’associazione, ma un progetto per il territorio di Bassano del Grappa e riporta Bassano Jazz Festival tra le vie del meraviglioso e suggestivo centro di Bassano del Grappa.

Con Bassano Jazz Festival, il progetto Chilometroquadro riporta la musica jazz tra le vie del centro di Bassano del Grappa, dal 21 al 24 giugno. Ma cos’è Chilometroquadro e perchè vogliamo parlarvene?

Due anni fa i rappresentanti di trenta aziende bassanesi si riunivano per iniziare un percorso di valorizzazione e promozione del centro storico di Bassano. L’obiettivo? Ampliare l’offerta di iniziative che si rivolgono ad un pubblico sempre più esigente e qualificato. La forza di questo network è la condivisione di valori comuni, la ricerca della qualità e dell’originalità, l’energia che contraddistingue chi ha preso parte a questa avventura; la stessa energia che si respira quando si entra nelle loro trenta botteghe che animano le vie del centro storico di Bassano.

bassano jazz festival

 

Bassano del Grappa e la musica jazz nel tempo

A Bassano è sempre esistito un forte legame con la musica e con il jazz in particolare. Si parte negli anni ’80 con alcune rassegne presentate e curate da Lillian Terry, per proseguire con alcuni appuntamenti di Euromeet Jazz Festival che nel 2003 hanno permesso a Bassano di ospitare alcuni importanti artisti internazionali. Successivamente il jazz trova spazio all’interno della rassegna Opera Estate con alcune serate intitolate “Bassano City Of Jazz”.

Negli anni, locali storici e bar di Bassano sono stati un riferimento per le jam session serali e si sono distinti nel proporre progetti e piccole rassegne musicali dedicate al jazz, in collaborazione con alcune vicine scuole di musica. Negli ultimi dieci anni il jazz a Bassano ha visto poche singole apparizioni o alcune iniziative isolate, frutto del lavoro di pochi appassionati imprenditori.

L’Associazione Bassano Chilometroquadro propone un primo passo per la ricostruzione di un festival jazz bassanese dedicato alla città, un evento cittadino che vuole offrire a tutti in maniera gratuita 3 giorni di musica e divertimento, cercando di unire la città e tutte le associazioni che la compongono in un unico suono.

Dopo un anno di intenso lavoro, Chilometroquadro è riuscito a presentare un programma che vedrà l’alternarsi di una decina di artisti di fama nazionale ed internazionale. Un primo tassello al progetto di riposizionamento della città tra le mete fondamentali della cultura e della musica, sia per gli artisti che per gli appassionati.

Per la direzione artistica di questo primo festival è stata scelta una importante personalità della scena jazz italiana: Lorenzo Conte, già da 12 anni direttore della programmazione delle Cantine dell’Arena di Verona, direttore artistico delle rassegne jazz del Bar Borsa a Vicenza e riconosciuto musicista jazz che vanta collaborazioni con alcuni degli artisti più importanti nei palchi di tutto il mondo.

Per tutte le info e il programma dettagliato,  vi rimandiamo al sito ufficiale del progetto www.bassanokmquadro.it

Nel frattempo, vi anticipiamo qualche importante appuntamento di Bassano Jazz Festival:

Giovedì 21 Giugno ore 21.30 Chiostro del Museo Civico

ALESSANDRO LANZONI 5ET. Il pianista fiorentino venticinquenne è una delle più importanti rivelazioni del jazz italiano.  In questa sua nuova avventura musicale verrà affiancato da talentuosissimi ed altrettanto giovani esponenti della scena jazzistica nazionale. Il repertorio includerà numerose composizioni originali del leader, scritte appositamente per questo nuovo progetto. Allo stesso tempo verrano proposti arrangiamenti e riletture degli standard della tradizione jazzistica americana.

Venerdì 22 Giugno Ore 21.30 Castello degli Ezzelini

ENRICO RAVA NEW 4et. Il Quartetto di Enrico Rava ha vinto il referendum Top Jazz 2015 di Musica Jazz come formazione dell’anno. Un riconoscimento prestigioso per una formazione giovane guidata da un eterno giovane del jazz.

Sabato 23 Giugno Ore 21.30 Piazza Libertà

FABRIZIO BOSSO incontra il pianoforte di LUCA MANNUTZA, accompagnati per l’occasione dal bassista LORENZO CONTE e dal batterista KLEMENS MARKTL.
I quattro daranno vita ad un quartetto le cui esecuzioni alterneranno brani originali a standards della tradizione jazzistica. La collaborazione tra Bosso e Mannutza inizia nel 2000 con la formazione del quintetto High Five e prosegue negli anni successivi in diverse band.

Oltre ai 3 principali eventi serali, la programmazione del Bassano Jazz Festival comprende anche una serie di eventi collaterali che vi consigliamo di tenere monitorati. Bassano del Grappa è splendida e, se vi serviva un altro pretesto per tornare a visitarla e viverla tra storia, arte, sapori e scorci mozzafiato, allora dovremmo avervi segnalato l’evento giusto!

Foto di copertina da Pinterest

 

Articolo precedenteMagister Canova, a Venezia viaggio immersivo nel processo creativo del grande scultore veneto.
Articolo successivoVacanze in Baita: vivere nelle valli e altopiani tra i più belli d’Italia
Vicentina di origine, padovana d'adozione, gira il Veneto in lungo e in largo per diletto e lavoro. Founder di Sgaialand.it, socia e Head of Digital & PR della storica agenzia creativa Caratti E Poletto creative est.1971, Docente di Comunicazione all' Università IUSVE e al Master Food & Wine 4.0, Gaia fa anche parte della Commissione Turismo di ACI Vicenza e del Consiglio Direttivo di #UnitiInRete, Associazione impegnata nella lotta al bullismo e cyberbullismo e nella divulgazione e promozione dell'educazione digitale. Sposata con un manager nel settore del marketing e della comunicazione, è mamma di Cecilia e in moto perpetuo. Meglio se con una tavoletta di cioccolata sempre a portata di mano.